Make a difference: Support jazz online

Support All About Jazz Your friends at All About Jazz are looking for readers to help back our website upgrade project. Of critical importance, this project will result in a vastly improved design across all devices and will make future All About Jazz projects much easier to implement. Click here to learn more about this project including donation rewards.

0

Jazz & Wine Of Peace Festival 2017

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
L'edizione del Ventennale

Jazz & Wine of Peace Festival
Cormòns (GO)
Teatro Comunale di Cormòns e varie sedi nel Collio e in Slovenia
24-20.10.2017

Arrivava all'edizione numero venti il Jazz & Wine of Peace di Cormòns, che ha celebrato l'avvenimento con un disco, un libro (non solo) di fotografie (dei quali parliamo in altre pagine) e sopratutto un programma prestigioso fin dal suo annuncio -ce ne aveva dati cenni il Direttore Artistico Mauro Bardusco in un'intervista -e che, alla prova dei fatti, ha più che confermato le aspettative.

Già il prologo -martedì 24 ottobre, con il trio di Eivind Aarset, Michele Rabbia e Gianluca Petrella, al quale purtroppo non abbiamo potuto assistere -a detta di molti era stato di grande auspicio, ma il giorno dopo l'apertura vera e propria, al Teatro Comunale di Cormòns, ha dato una prima idea di ciò a cui si sarebbe potuto assistere nei giorni successivi. In scena sono andati Steve Coleman and Five Elements, in realtà ridotti a un quartetto con l'eccellente Jonathan Finlayson alla tromba, Anthony Tidd al basso elettrico e a Sean Rickman alla batteria. L'altosassofonista, pur in una sua continuità, ci ha abituato a continui cambiamenti nella propria proposta musicale e anche in questo caso non ha deluso: la tensione che caratterizza da sempre la sua musica si è infatti intrecciata con un discorso più ampio e meditato, che ha preso corpo in particolare nei suoi assoli più lunghi e nei momenti di fitta interazione con Finlayson. I primi infatti hanno permesso di apprezzare lo sviluppo dello splendido suono di Coleman, oggi disposto a esplorare scenari attraverso un fraseggio meno secco, più rotondo, frutto probabilmente di una maturità che, anche nelle interazioni con il pubblico, lo vede più aperto e disteso. I secondi hanno messo in scena dialoghi ricchissimi di invenzioni e di grande varietà timbrica. Unico limite del concerto una qualche ridondanza, che ha fatto sì che non tutte le parti della sua lunga durata fossero allo stesso livello.

I quattro giorni centrali del festival non hanno lasciato respiro agli spettatori, vuoi per la frequenza dei concerti, quattro al giorno, vuoi per la loro distribuzione sul territorio, ciascuno in una sede diversa, vuoi infine per la qualità sempre altissima. Si è iniziato il giovedì mattina presso l'azienda Jermann con il trio Rahsaan, cioè Marco Colonna, Eugenio Colombo e Ettore Fioravanti con il loro progetto dedicato a Roland Kirk. In programma musiche del grande e un po' misconosciuto polistrumentista statunitense, ma anche brani a lui dedicati e una strepitosa improvvisazione come bis, per un concerto che si è avvalso dell'atipicità della formazione -due ance e la sola batteria come ritmica -e della maestria dei protagonisti, oltre che della particolarissima location -all'aperto in un giardino tra le vigne del Collio -che ha permesso una perfetta fruizione in acustico. Da segnalare in particolare la performance di Colombo, storico rappresentante del nostro jazz più curioso e sperimentale ma da troppo tempo sottoesposto, il quale -nonostante un piccolo incidente che aveva danneggiato il suo soprano -ha esordito con una lunga interpretazione in respirazione continua, incredibile per espressività e naturalezza, e ha poi riservato al pubblico una serie ininterrotta di invenzioni espressive, in dialogo con il più giovane ma non meno abile Colonna. Particolarmente entusiasmanti i brani nei quali i due hanno entrambi imbracciato due strumenti, tecnica cara a Kirk e nella quale sono tra i rari esperti contemporanei. Menzione per Fioravanti, capace sia di sostenere la ritmica di una così ardita formazione, sia di adeguare con sensibilità i suoi interventi alla varietà dinamica messa in gioco dai due compagni. Concerto tra i più entusiasmanti della rassegna, forse mancante di un pizzico di "fuoco" in più, ma di rara cura e complessità.

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read NYC Winter Jazzfest 2018 - The Friday Marathon Live Reviews NYC Winter Jazzfest 2018 - The Friday Marathon
by Dan Bilawsky
Published: January 22, 2018
Read Nels and Alex Cline at The Jazz Bakery Live Reviews Nels and Alex Cline at The Jazz Bakery
by Jonathan Manning
Published: January 22, 2018
Read David Lyttle & Andreas Varady at Bennigans Jazz Club Live Reviews David Lyttle & Andreas Varady at Bennigans Jazz Club
by Ian Patterson
Published: January 22, 2018
Read Never Alone: Reflections on the 2018 Winter Jazzfest Live Reviews Never Alone: Reflections on the 2018 Winter Jazzfest
by Tyran Grillo
Published: January 21, 2018
Read Tierney Sutton Band at the Newman Center Live Reviews Tierney Sutton Band at the Newman Center
by Geoff Anderson
Published: January 21, 2018
Read Vorcza at Nectar's Live Reviews Vorcza at Nectar's
by Doug Collette
Published: January 20, 2018
Read "Brilliant Corners 2017" Live Reviews Brilliant Corners 2017
by Ian Patterson
Published: March 27, 2017
Read "Soule Indomitable at Nectar's" Live Reviews Soule Indomitable at Nectar's
by Doug Collette
Published: April 2, 2017
Read "Kurrent Duo at The Bop Stop" Live Reviews Kurrent Duo at The Bop Stop
by C. Andrew Hovan
Published: November 8, 2017
Read "Mindi Abair at The Empress Theatre" Live Reviews Mindi Abair at The Empress Theatre
by Walter Atkins
Published: December 8, 2017
Read "John Hart at The Turning Point Cafe" Live Reviews John Hart at The Turning Point Cafe
by David A. Orthmann
Published: May 2, 2017
Read "Arturo Sandoval at the Blue Note" Live Reviews Arturo Sandoval at the Blue Note
by Nicholas F. Mondello
Published: October 30, 2017