Home » Articoli » Filippo Vignato

My Favourite Things

Filippo Vignato

Filippo Vignato
By

Sign in to view read count
Il tratto principale della mia musica
Il contrasto tra melodia e rumore.

La qualità che desidero nei musicisti che suonano con me
La possibilità di una profonda comunicazione reciproca.

Come musicista, il momento in cui sono stato più felice
Ogni volta in cui riesco a stabilire un'empatia con chi sta ascoltando.

Come musicista, il mio principale difetto
Non avere mai nessuna certezza. Che in fondo è anche il mio principale pregio, forse.

La mia più grande paura quando suono
Cerco di vivere la musica senza paure, credo che attraverso la sincerità con se stessi si possano superare tutti i timori al riguardo.

Sogno di suonare
Per sempre, costantemente in viaggio.

La mia fonte di ispirazione
Gli incontri: umani, letterari, fisici o intellettuali, concreti o immaginari.

I miei musicisti preferiti
Quelli che mi stupiscono ogni volta. Impossibile citarli tutti, soprattutto perché la lista continua ad allungarsi, ma tra loro ci sono Ornette Coleman, Olivier Messiaen, Albert Mangelsdorff, Miles Davis, Paul Bley, Claude Debussy, Joni Mitchell, Elvin Jones, Thom Yorke, Gil Evans, Bill Frisell.

I miei dischi da isola deserta
Bitches Brew di Miles Davis, Kid A e Amnesiac dei Radiohead, tutti i dischi in trombone solo di Albert Mangelsdorff.

La canzone che fischio sotto la doccia
Ogni giorno è diversa.

I miei pittori preferiti
Rothko, Kandinsky, Basquiat.

I miei film preferiti
Quelli che ti lasciano con l'amaro in bocca.

I miei scrittori preferiti
Michail Bulgakov, John Fante, Thomas Mann.

La mia occupazione preferita
Condividere la musica suonando con i musicisti che amo.

Il dono di natura che vorrei avere
Comprendere e parlare con facilità qualsiasi lingua del mondo.

Nella musica, la cosa che detesto di più
Gli ego in competizione.

Gli errori musicali che mi ispirano maggiore indulgenza
Quelli che possono diventare una possibilità creativa.

Il pezzo che vorrei venisse suonato al mio funerale
4'33'' di John Cage.

Lo stato attuale della mia attività musicale
Intensa.

Il mio motto
Non decidiamolo ora ma vediamo cosa succede suonando.

Giacomo Frison.

Post a comment


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Jazz article: Frank Woeste
My Favourite Things
Frank Woeste

Popular

Read David Crosby: A Revitalized Creativity
Read Ten Essential Keith Jarrett Solo Recordings
Read Most Read Articles: 2022
Read Leonard E. Jones: Taking Control Of Destiny
Read 2023 Winter JazzFest Marathons: A Survival Guide
Read Popular Jazz Songs: 2022
Read ECM Records Touchstones: Part 1
Building a Jazz Library
ECM Records Touchstones: Part 1

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.