0

Un viaggio che parte da lontano. Intervista a Charles Lloyd

Roberto Ottaviano By

Sign in to view read count
La musica è un po' come un orto, si coltivano alcuni semi, questi crescono e poi alcune piante diventano più grandi e danno frutti particolarmente dolci.
L'incontro con Charles Lloyd è stato per me il coronamento di un desiderio coltivato a lungo. Collezionare i suoi dischi, osservare la sua figura attraverso i reportage fotografici, leggerne le storie e cercare di ricostruire attraverso una serie di particolari legati alla sua musica, ai suoi gruppi, la filosofia di quest'uomo, mi ha aiutato a vivere un transfert attraverso l'America del Jazz che amo. Il ponte tra East e West Coast, la leggerezza di un suono che danza verso la natura, il racconto, il canto, la spiritualità, sono le cose tangibili di un'epopea che sta segnando il passo verso altro.

Il suo tenore ricama un viaggio che parte da lontano, da Coleman Hawkins forse, per incontrare Lester Young che sussurra i suoi blues e John Coltrane che intona le sue preghiere, e oggi oltre tutto questo.

Charles Passin' Thru, quindi, tanto per parafrasare il titolo del suo ultimo CD, con il New Quartet, per la Blue Note.

Roberto Ottaviano: Gli anni della tua formazione sono segnati dalla presenza dei maestri del Blues e della grande tradizione del Jazz. Tutto questo rimane tuttora molto forte nella tua musica. C'è una persona in particolare che ti piace ricordare degli anni che hanno preceduto la tua scelta di diventare un professionista?

Charles Lloyd: Mi piace sempre ricordare mio nonno. Non era un musicista ma un agricoltore del Mississippi. I suoi genitori erano stati schiavi. Era un uomo forte, tranquillo, che si era fatto da solo. Crescendo, ho passato le mie estati nella sua fattoria, ed il tempo che ho trascorso con lui ha trasformato la mia vita. Come musicista, le due persone più importanti sono state Phineas Newborn, Jr. e Howlin' Wolf. Phineas divenne il mio mentore quando avevo nove anni, e poi mi ha portato nella band di suo padre. Quando avevo 11 o 12 anni ho iniziato a fare concerti con le Blues Band in Memphis, con musicisti come B.B. King, Johnny Ace, Roscoe Gordon, ma fu Howlin' Wolf che ebbe l'impatto più forte su di me.

RO: Lester Young è stato un importante rappresentante della Swing Era, come Charlie Parker per il bebop ed Ornette Coleman per il Free. Poi ci sono musicisti che pur incrociando tutte queste storie, hanno affermato la loro identità senza essere circoscritti in uno stile particolare. La tua carriera ha attraversato diverse stagioni ma non si è mai fossilizzata in un unico stile. Si tratta di una scelta cosciente o casuale?

CL: Quando si ama la musica, si ama una gran parte di essa. Non è una scelta consapevole per me, ma io ho amato la musica di tutto il mondo fin da quando ho iniziato ad interessarmene. È un po' come un orto, si coltivano alcuni semi, questi crescono e poi alcune piante diventano più grandi e danno frutti particolarmente dolci.

RO: La canzone, la melodia, l'ampio senso del Blues (dalla tradizione dolorosa del Delta alla nostalgia dei "Lieder"), insieme con un forte interesse per la danza del ritmo, ti portano a scrivere ed interpretare canzoni in un modo personale. Puoi brevemente parlarci del tuo mondo compositivo?

CL: Faccio escursioni sulle montagne e lunghe passeggiate sulle colline. Nuoto a lungo sott'acqua per rafforzare i miei polmoni. Ma non spetto mai di pensare alla musica. È un processo lento... poi un giorno mi siedo al pianoforte e tutto questo si riversa nelle note.

RO: Molto del jazz suonato oggi va in un una direzione complessa dal punto di vista ritmico. Poliritmie, tempi composti, e strutture formali che sembrano un puzzle che trascurano l'aspetto emozionale. Cosa ne pensi?

CL: La musica ha una forte relazione con la matematica, cosicchè si può comprendere perché molti musicisti vengano affascinati dalle poliritmie e cose simili. Si tratta di un altro aspetto della struttura. Per me, la connessione è il cuore. L'emozione di un brano è molto importante.

RO: E in merito all'armonia?

CL: Belle armonie e accordi sono essenziali nella creazione di ogni composizione. Alcuni musicisti hanno un'innato dono per la creazione di armonie con colori insoliti e ricchi.

RO: Hai sentito parlare del fenomeno della Black American Music, o BAM, promulgato da musicisti come il trombettista Nicholas Payton. Hai una opinione a riguardo?

CL: Ha una sua validità.

RO: Passiamo ad una curiosità che interesserà i saxofonisti. Suoni il sax che fu di Lester Young. Puoi dirci come lo hai avuto?

CL: È un dono ricevuto molto tempo fa da un amico. Ho provato molti altri strumenti, ma questo è quello che sembra più vicino alla mia "voce." Almeno la voce che sento nella nell'orecchio della mia mente.

RO: Lo hai usato nell'arco di tutta la tua carriera oppure ne hai provati altri? E c'è una precisa ragione per questa scelta?

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

More Articles

Read "John Handy Tribute At SFJAZZ" Live Reviews John Handy Tribute At SFJAZZ
by Walter Atkins
Published: January 30, 2017
Read "Peter Case: Peter Case" Extended Analysis Peter Case: Peter Case
by Doug Collette
Published: October 1, 2016
Read "The Beatles - On the Road, 1964-1966" Book Reviews The Beatles - On the Road, 1964-1966
by Nenad Georgievski
Published: August 19, 2017
Read "Dave Douglas and the Art of Festival Direction" Interview Dave Douglas and the Art of Festival Direction
by Libero Farnè
Published: March 18, 2017
Read "Punkt Festival 2017" Live Reviews Punkt Festival 2017
by Henning Bolte
Published: September 17, 2017
Read "Cathing up with Lee Konitz" Catching Up With Cathing up with Lee Konitz
by Lazaro Vega
Published: April 23, 2017

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.