Home » Articoli » Charlie Haden Liberation Music Orchestra: Time / Life

1
Album Review

Charlie Haden Liberation Music Orchestra: Time / Life

By

Sign in to view read count
Charlie Haden Liberation Music Orchestra: Time / Life
Due anni dopo la scomparsa di Charlie Haden si pubblica questo ultimo documento della sua Liberation Music Orchestra, un lavoro che il compianto contrabbassista progettò ma che non ebbe modo di portare a compiuta realizzazione. Vessillo del suo impegno civile e umano, l'orchestra era nata nel 1969 raccogliendo una pletora di musicisti straordinari, molti dei quali oggi non sono più con noi: Don Cherry, Gato Barbieri, Dewey Redman, Paul Motian.

L'album è forse diverso da quello che sarebbe stato realizzato dallo stesso Haden, in particolare per l'inserimento del brano che saluta il contrabbassista in forma di requiem, composto da Carla Bley e che porta lo stesso titolo del CD. Un pezzo di quattordici minuti, il più lungo dell'album, dal tema solenne e cadenzato, caratterizzato da un espressivo, lirico solo di Tony Malaby al tenore che ne impregna una buona metà, poi segnato da tanti brevi interventi di tutti gli altri solisti. Intenso, accorato, splendido saluto che senza dubbio Haden non aveva previsto nel piano del lavoro.

Nel contempo il disco aderisce in modo sensibile e forte alla personalità del contrabbassista, ai suoi ideali, al progetto iniziale del 2007 centrato sui disastri ambientali e sull'indifferenza di gran parte dell'umanità a tale problema. Carla Bley, che fin dagli inizi del 1969 aveva condiviso la titolarità e il lavoro dell'orchestra, fornendo composizioni e arrangiamenti costruiti in perfetta sintonia con Haden, ha assunto nel 2014 l'impegno di portare a termine la produzione di questo disco insieme alla moglie del contrabbassista, Ruth Cameron Haden.

Due brani con la presenza dello stesso Haden, registrati dal vivo al Jazz Middelheim Festival di Antwerp nel 2011, incorniciano il disco: il "Blue and Green" di Miles Davis e Bill Evans, un titolo in perfetta sintonia con la tematica del progetto; e "Song for the Whales," dello stesso contrabbassista, inciso originariamente nel 1979 su Old And New Dreams. Il primo riporta i nobili interventi di Haden, Chris Cheek al tenore e Michael Rodriguez alla tromba. Nel secondo, che chiude l'album, non c'è solo l'elaborazione straordinaria dell'espressività vocale delle balene riprodotta dal contrabbasso, ma lo stesso Haden in conclusione pronuncia il suo dolce, drammatico messaggio a favore dell'ambiente. Con voce flebile e affaticata, ma ferma. Commovente.

All'interno di questa pregiata cornice, tre composizioni di Carla Bley fanno pulsare l'organico imperniato sulla sezione ritmica formata dalla stessa Bley, da un delicatissimo Steve Swallow, dal frizzante Matt Wilson (la cui percussione ricorda spesso il solare ottimismo del grande Billy Higgins). Il clima di questi tre brani registrati in studio è diverso, si avvicina maggiormente all'estetica delle big band dirette da Carla. Una precisione dei dettagli che non compromette la forza espressiva, una coesione mai pesante, anzi trasparente e in continuo mutamento. Un insieme orchestrale incredibile.

"Silent Spring" nasce da un duetto squisito tra il basso elettrico di Swallow e la chitarra acustica di Steve Cardenas e poi si sviluppa su due soli di Cheek e Rodriguez, immersi in episodi orchestrali contrastanti per carattere e ritmo. Anche "Útviklingssang," come il precedente, è stato riarrangiato per l'occasione dalla Bley. Era inserito nell'album Social Studies del 1981, come risposta a una scelta infelice della Norvegia di costruire una serie di dighe dall'impatto devastante all'estremo nord del Paese. Anche questo brano, come tanti altri episodi, è percorso da un clima mesto, pensoso, con mirabile coesione tra gli insiemi orchestrali e gli interventi di Curtis Fowlkes al trombone e Loren Stillman al contralto.

Il commiato prezioso di un grande musicista e di una persona non comune. Da ascoltare e riascoltare.

Track Listing

Blue in Green; Time/Life; Silent Spring; Útviklingssang; Song for the Whales.

Personnel

Charlie Haden: acoustic bass (1, 5); Carla Bley: piano, arrangements; Steve Swallow: electric bass (2, 3-4); Tony Malaby: tenor saxophone; Chris Cheek: tenor saxophone; Loren Stillman: alto saxophone; Michael Rodriguez: trumpet; Seneca Black: trumpet; Curtis Fowlkes: trombone; Vincent Chancey: French horn; Joseph Daley: tuba; Steve Cardenas: guitar; Matt Wilson: drums.

Album information

Title: Time/Life (Song for the Whales and Other Beings) | Year Released: 2016 | Record Label: Impulse!


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Thoughts & Images
Alex Tremblay
More Touch
Patricia Brennan
Hubub!
Ted Kooshian

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.