All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Eric Revis: Sing Me Some Cry

Giuseppe Segala By

Sign in to view read count
La vicenda artistica di Eric Revis è esemplare per la propria coerenza: ci ricorda ancora una volta il ruolo avuto da molti contrabbassisti nel jazz contemporaneo, che sulle direttrici di metodo e prassi tracciate da Charles Mingus sanno coniugare una forte e sensibile preparazione sullo strumento alla capacità di organizzare stimolanti formazioni e di comporre in modo vitale, spesso lontani dalla convenzione.

Questo Sing Me Some Cry focalizza i parametri e i piani espressivi della musica di Revis, ponendo un sigillo significativo alla sua attività nell'ultimo lustro.

Nella formazione del contrabbassista californiano c'è all'inizio lo studio con Ellis Marsalis alla University of New Orleans, cosa che ha senz'altro dato un'impronta al suo ingresso sulla scena professionale, ma che non gli ha impedito di tenere fisso lo sguardo su un ampliamento costante dei propri orizzonti, imboccando percorsi sempre più arditi e personali. L'esperienza iniziale nel gruppo di Betty Carter, artista che sapeva con chiarezza cosa voleva in termini musicali ed espressivi dai propri accompagnatori, e la successiva presenza nei gruppi di Branford Marsalis, iniziata nel 1997 e protrattasi per una quindicina di anni, ha rappresentato una significativa gavetta, alla quale il musicista ha attinto per poi evolversi guardando agli sviluppi più significativi del jazz contemporaneo. La collaborazione con Steve Coleman del 2006 è indizio di quali fossero gli interessi di Revis.

Dopo un paio di registrazioni a proprio nome nel 2004 e 2008, che mostravano una eclettica propensione stilistica e compositiva in corso di sempre maggiore definizione, nel 2012 arriva per il contrabbassista la pubblicazione di Parallax per l'etichetta Clean Feed. Inizia in questo modo l'avventura che sfocia in questo Sing Me Some Cry. Già allora si trattava di un quartetto con lo stesso organico strumentale, in cui la presenza di Ken Vandermark rappresentava un significativo elemento di continuità con il momento attuale, mentre la presenza di Jason Moran al pianoforte e Nasheet Waits alla batteria dava la misura del livello artistico che Revis intendeva serbare.

Se già quello era un documento degno della massima considerazione, seguito da due momenti discografici in trio altrettanto rimarchevoli, nel 2013 con Kris Davis al pianoforte e il grande Andrew Cyrille alla batteria e nel 2016 ancora con la Davis e con Gerald Cleaver, si giunge oggi alla definizione di un quartetto vincente per coesione, maturazione di obiettivi condivisi, forza espressiva. La presenza ancora della Davis, giunta attraverso una bella maturazione ad esprimersi oggi ai massimi livelli del pianoforte contemporaneo, e del batterista Chad Taylor, dimostra una scelta felice, in grado di plasmare con eloquenza la musica di Revis.

Sottili ma tenaci equilibri si vanno creando, con cento sfumature, tra l'espressionismo sanguigno e a tratti tenero di Vandermark, le quadrature assertive e poliritmiche in senso africano di Taylor, le innumerevoli linee di tensione della Davis. Il tutto perfettamente saldato e intrecciato dal contrabbasso di Revis, ora impegnato a tracciare nobili ostinati e poderosi walking, ora pronto a rompere gli ormeggi per disegnare contrappunti audaci.

Per un ascolto di costante mirabilia.

CD della settimana

Track Listing: Sing Me Some Cry; Good Company; Pt 44; Solstice....The Girls (For Max & Xixi); Obliogo; Rye Eclipse; Rumples; Drunkard’s Lullaby; Glyph.

Personnel: Eric Revis: bass; Ken Vandermark: tenor saxophone, clarinet; Kris Davis: piano; Chad Taylor: drums.

Title: Sing Me Some Cry | Year Released: 2017 | Record Label: Clean Feed

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Year in Review
Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Extended Analysis
Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Read more articles
Sing Me Some Cry

Sing Me Some Cry

Clean Feed
2017

buy
Crowded Solitudes

Crowded Solitudes

Clean Feed Records
2016

buy
Eric Revis: In Memory Of Things Yet Seen

Eric Revis: In Memory...

Clean Feed Records
2014

buy
In Memory Of Things Yet Seen

In Memory Of Things...

Clean Feed Records
2014

buy
Eric Revis' Parallax

Eric Revis' Parallax

Clean Feed Records
2013

buy
 

City Of Asylum

Challenge Records
2013

buy

Upcoming Shows

Related Articles

Read Caldera / Sky Islands Album Reviews
Caldera / Sky Islands
By Jakob Baekgaard
May 25, 2019
Read Baby, Please Come Home Album Reviews
Baby, Please Come Home
By Doug Collette
May 25, 2019
Read Reckless Heart Album Reviews
Reckless Heart
By Doug Collette
May 25, 2019
Read Fire Brigade Album Reviews
Fire Brigade
By Phillip Woolever
May 25, 2019
Read Day to Day Album Reviews
Day to Day
By Paul Naser
May 24, 2019
Read Theia Album Reviews
Theia
By Jim Worsley
May 24, 2019