Home » Articoli » My Favourite Things

Simone Alessandrini e il Questionario di Proust

Simone Alessandrini e il Questionario di Proust

Courtesy Danilo Codazzi

By

Sign in to view read count
Il tratto principale della mia musica
Credo sia l'aspetto melodico. Almeno per ora...

La qualità che desidero nei musicisti che suonano con me
La sincerità musicale, il coraggio di mostrare le proprie idee e non essere compiacenti.

Come musicista, il momento in cui sono stato più felice
Quando ho deciso che sarebbe diventata la mia unica occupazione.

Come musicista, il mio principale difetto
Pensare che la musica sia la mia unica occupazione.

La mia più grande paura quando suono
Quella di non divertirmi.

Sogno di suonare
In tour con Tom Waits.

La mia fonte di ispirazione
Spesso dai dispiaceri e le delusioni, nascono cose belle.

I miei musicisti preferiti
Astor Piazzolla, Thelonious Monk, Stevie Wonder, Lucio Battisti, James Brown, Miles Davis, Joao Gilberto, John Coltrane, Igor Stravinsky, Michael Jackson, Dimitri Shostakovich, Maurice Ravel, Charlie Haden, Pixinguinha, Massimo Urbani, Fela Kuti...

I miei dischi da isola deserta
Penso che avrei difficoltà a trovare una presa della corrente, quindi porterei un grammofono con i 78 giri di: In the Court of Crimson King (King Crimson), Rain Dogs (Tom Waits), Mingus Ah Um (Charles Mingus), The Blues and the Abstract Truth (Oliver Nelson), OK Computer (Radiohead), Construção (Chico Barque), Lucio Dalla (Lucio Dalla).

La canzone che fischio sotto la doccia
"Fiori Trasteverini."

I miei pittori preferiti
Troppi sarebbero da citare. I primi tre a cui penso ora sono Egon Schiele, Edward Hopper, Vasilij Kandinskij.

I miei film preferiti
Come la domanda precedente, sarebbero troppi. Mi limito a citare alcuni registi come Wes Anderson, gran parte delle opere di Werner Herzog. In Italia Vittorio De Sica, Sergio Citti, Mario Monicelli, Lina Wertmüller.

I miei scrittori preferiti
Tra i più letti ultimamente ci sono José Saramago, Thomas Bernhard, Ennio Flaiano, Oliver Sacks.

La mia occupazione preferita
Mi piace cucinare.

Il dono di natura che vorrei avere
Saper cantare e recitare.

Nella musica, la cosa che detesto di più
Nella musica nulla. Magari in alcuni musicisti...

Gli errori musicali che mi ispirano maggiore indulgenza
I miei .

Il pezzo che vorrei venisse suonato al mio funerale
"Storytellers," un brano del mio primo disco, suonato dalla banda di paese. Ho già scritto l'arrangiamento.

Lo stato attuale della mia attività musicale
In fase di cambiamento, come spero lo sia sempre.

Il mio motto
Non ne ho.

Post a comment

Tags

More

Jazz article: Frank Woeste
My Favourite Things
Frank Woeste

Popular

Read The Great, Late Show with Dakota Staton
Read Betty Carter: Along Came Betty
Read Who's The Hippest Chick In Town? Anita.
Read Dr. Billy Taylor
First Time I Saw
Dr. Billy Taylor

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.