All About Jazz

Home » Articoli » Live Review

Bill Frisell Harmony Quartet a Trento

Giuseppe Segala By

Sign in to view read count
Bill Frisell Harmony Quartet
Rassegna Transiti
Teatro Sanbapolis
Trento
24.10.2019

Togliere anziché aggiungere, e in questo processo mirare all'essenza. Molti, nel campo della musica e dell'arte in generale, hanno affermato questo principio e perseguito tale idea. Non facile: bisogna sapere bene dove si vuole arrivare, cosa sfrondare, perché. Nella lunga vicenda artistica di Bill Frisell c'è stato un processo di costante scarnificazione, di attitudine alla sostanza.

Il chitarrista di Baltimora ha dichiarato fin dall'inizio che per lui la velocità del fraseggio, la quantità di note non era un obiettivo. Ponendosi sulla traccia del suo maestro Jim Hall, Frisell ha sviluppato il proprio stile nel modo meno chitarristico possibile, evitando le muscolari e acrobatiche scorribande a vantaggio del peso specifico di ogni nota, del controllo di ogni accordo e di ogni arpeggio, delle sfumature timbriche e dei contrasti dinamici. Qualcuno ha paragonato il suo atteggiamento a quello di Miles Davis, e c'è del vero. Ma anche Paul Motian, con il quale Frisell ha condiviso la prodigiosa esperienza del trio con Joe Lovano, ha un'influenza significativa in questo percorso.

Nei lavori recenti in studio d'incisione, in solo e in duo con Thomas Morgan, ma anche nei concerti, il chitarrista ha riaffermato con sempre maggiore consapevolezza e pregnanza questo concetto. Ricordiamo il tour europeo del 2017, in trio con Tony Scherr e Kenny Wollesen (si veda il concerto a Merano Jazz), in occasione del quale percorse ad ampio raggio il proprio repertorio, limando fino all'essenza quei brani.

Nel lavoro del quartetto Harmony, iniziato nel 2016 e ora giunto al tour europeo in coincidenza con la pubblicazione del CD omonimo per la Blue Note, Frisell mette in efficace connessione il proprio amore per la canzone statunitense, ad ampio raggio, con l'estetica della rarefazione. Al concerto di Trento, nella sala gremita del Teatro Sanbapolis, il quartetto con Petra Haden alla voce, Hank Roberts al violoncello e Luke Bergman alla chitarra baritono ha sviluppato in modo magistrale ciò che nel disco era solamente accennato e non sempre convincente in modo pieno.

Fin dall'inizio del concerto si avverte quanto il quartetto sia sintonizzato e focalizzato: l'introduzione al primo brano, "Everywhere," che gioca in modo suggestivo sull'impasto delle voci (spesso nel corso del concerto anche Roberts e Bergman si uniscono alla Haden), si dilata ben oltre i quaranta secondi del disco, dando modo alla platea di entrare adeguatamente negli umori che introducono a una melodia che si potrebbe definire una semplice ninna-nanna.

Ciò che nel disco era un'introduzione quasi occasionale, diventa qui un veicolo per penetrare nelle sfumature nascoste del brano. Inoltre, la scelta di proporre la prima sequenza di quattro brani senza soluzione di continuità, evitando il disturbo degli applausi, conferisce una particolare profondità a questo esordio musicale, dando modo di apprezzare anche le soluzioni di raccordo tra i brani, spesso semplici, quanto geniali.

Il repertorio, come si diceva, è fatto di canzoni: in parte composte dallo stesso chitarrista, tra cui il suo vecchio cavallo di battaglia "Lonesome" e "Deep Dead Blue," scritto insieme a Elvis Costello e pubblicato nell'album omonimo del 1995, in parte prese dal grande songbook americano, come "Lush Life" di Strayhorn, o "Hard Times," pubblicato addirittura nel 1854 e interpretato da tanti, tra cui Bob Dylan. Non mancano un paio di brani che non comparivano nel disco, con "Space Oddity" di David Bowie e un conclusivo "We Shall Overcome," che naturalmente evoca il buon auspicio di tempi migliori.

Quanto all'ottima sintonia del quartetto, la dimensione cameristica dei suoni e degli intrecci mette in risalto le finezze timbriche e di fraseggio della chitarra, concisa ma sempre alla ricerca della giusta sfumatura, dell'accento che imprime energia, della sottolineatura che suggerisce nuovi percorsi. Con un utilizzo parco e significativo degli effetti. Il violoncello di Roberts è tenace e sinuoso, la sua voce ricca di umori espressivi. La vocalità della Haden è franca, sempre ben focalizzata sul carattere dei brani. L'apporto di Bergman è magistrale.

Foto: MoniQue.

Post a comment

Tags

Jazz Near Bolzano
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

Interview with Alternative Guitar Summit 2021
Interview with Steve Sandberg Trio at Soapbox Gallery
Interview with Tessa Souter Trio at Soapbox Gallery
Interview with Nicole Glover Trio at Smalls Jazz Club
Interview with Peter Zak Quartet at Smalls Jazz Club
Interview with Norwegian Digital Jazz Festival 2020, Part 3
Interview with The Bad Plus at Bijou Theatre

Popular

Read Tony Bennett: A Hero's Journey in Authenticity
Beauty, Love and Justice: Living A Coltranian Life
Tony Bennett: A Hero's Journey in Authenticity
Read Steve Reich: Humans Love to See Other Humans Play Music
Read Top Jazz-Rock Fusion Recordings
Read Dean Brown: Global Fusion on Acid
Read Instrumental Duos
Building a Jazz Library
Instrumental Duos

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.