Home » Articoli » Joe Louis Walker - Live in Istanbul

Film Review

Joe Louis Walker - Live in Istanbul

By

Sign in to view read count
Joe Louis Walker
Live in Istanbul
MVD Visual
Valutazione: * * *
2015

Un Joe Louis Walker energico e pimpante, più giovane di vent'anni (oggi ne ha 67), è il protagonista di questo DVD ripreso a Istanbul in uno dei periodi più felici della sua carriera.
Tra i protagonisti attuali del blues, Walker ha iniziato a incidere con ritardo, quand'era ormai trentacinquenne. Il motivo è noto: dopo le esperienze giovanili svolte collaborando trasversalmente con i maestri afro-americani (John Lee Hooker, Otis Rush, Willie Dixon) e i protagonisti bianchi del rock-blues come Charlie Musselwhite, Nick Lowe, Steve Miller e Mike Bloomfield, JLW passò un lungo periodo lontano dal palcoscenico. Il trauma che seguì la morte del suo amico Mike Bloomfield lo portò per qualche anno dal mondo del blues a quello del gospel. Il ritorno alla "casa madre" fu ufficializzato dal primo album da leader Cold Is the Night (HighTone 1986).

Nella metà degli anni novanta l'attività professionale di Walker fu davvero frenetica: decine di festival in tutto il mondo, numerose apparizioni televisive e inizio della collaborazione con Steve Cropper per tre nuovi album. Il tutto traspare nella musica di questo video, purtroppo un po' sgranato nelle immagini ma dall'ottimo audio.
Il repertorio del concerto è costituito soprattutto da brani serrati, nel consueto connubio con atmosfere del R&B anni sessanta, un po' di funk e molto rock storico: il brano d'apertura "Can't Get You Out of My Mind" è un bel concentrato di tutto questo anche se pare coinvolgere solo la piccola parte del pubblico che si accalca sotto il palco. Nella Turchia di quegli anni il blues sembrava essere ancora una novità.

Joe Louis Walker interpreta i temi con passione, accompagnato da un efficace quartetto caratterizzato da ricca spinta ritmica ed efficaci tessiture armoniche. Tra gli altri titoli ricordiamo "You Got to Lose" e "I Didn't Know," contenenti lunghi (e un po' plateali) interventi del leader alla chitarra sui modelli del rock inglese d'annata, il solo di chitarra in "Bluesifyin," il torrido delta blues "Funkin Blues."
Dopo una lunga e noiosa carrellata di interventi individuali il concerto si riscatta con la vivace parentesi rock & roll di "Play'em Where They Lay" e due impetuosi bis finali.

Post a comment


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Jazz article: Inside Scofield
Film Review
Inside Scofield
Jazz article: Inside Scofield
Film Review
Inside Scofield
Jazz article: The Beatles: Get Back
Film Review
The Beatles: Get Back
Jazz article: The Rolling Stones: Licked Live In NYC

Popular

Read Ten Essential Keith Jarrett Solo Recordings
Read Leonard E. Jones: Taking Control Of Destiny
Read 2023 Winter JazzFest Marathons: A Survival Guide
Read ECM Records Touchstones: Part 1
Building a Jazz Library
ECM Records Touchstones: Part 1
Read Popular Jazz Songs: 2022
Read Bobby Cole: A Point of View

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.