All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Roberto Ottaviano: Eternal Love

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Roberto Ottaviano: Eternal Love
Dopo il lavoro dedicato in spirito a John Coltrane pur senza omaggi diretti (Sideralis) e quello precedente dedicato a Steve Lacy (Forgotten Matches), Roberto Ottaviano ha sentito il bisogno di "un "bagno mistico" in cui il Jazz si fa infine Musica Totale, ma sopratutto travalica l'idea fine a se stessa di fare musica, per scavare a fondo nel nostro ego e per capire se esiste un "noi" universale da cui ripartire."

Per farlo ha dato vita a una nuova formazione, nella quale accanto a suoi compagni abituali, come Alexander Hawkins e Giovanni Maier, trovano posto due tra i migliori interpreti italiani dei rispettivi strumenti: Zeno De Rossi alla batteria e Marco Colonna ai clarinetti. E ha messo mano a un repertorio variegato ma accomunato dai riferimenti di alto profilo, al quale ha aggiunto due sue composizioni, bellissime e assai diverse tra loro.

Ad aprire emblematicamente il programma, tuttavia, spetta a un brano tratto dalla tradizione africana, "Uhuru," che introduce la ricerca meditativa interiore in modo estremamente suggestivo e si riallaccia idealmente alla traccia originale che intitola l'album, Eternal Love, anch'essa dal trasporto trascendete, che in qualche modo rimanda a un altro lavoro di Ottaviano dall'ispirazione spirituale, Soffio Primitivo. Gli altri brani ruotano attorno a questi due elementi programmatici e reinterpretano momenti perlopiù poco frequentati di alcuni dei principali riferimenti della musica jazz -Abdullah Ibrahim, Charlie Haden, Dewey Redman, Elton Dean, lo stesso Coltrane, Don Cherry -con una nitidezza, una libertà e un sentimento tale da farne qualcosa di proprio.

Un risultato possibile solo grazie a un'invidiabile unità di intenti e a un'impareggiabile maestria individuale. Sarebbe impossibile e forse anche superfluo dedicarsi a un'analisi puntuale del lavoro svolto dai cinque musicisti, ma certo è il caso di sottolineare il modo in cui Colonna si affianca al soprano del leader con il clarinetto e come persino gli si contrappone timbricamente con il clarinetto basso (si ascoltino per esempio "Mushi Mushi" o "Your Lady," ove ha un incedere quasi dolphyano); il lavoro all'archetto svolto da Maier a fianco di Ottaviano in "Eternal Love" e i suoi cantanti assoli in "Until The Rain Comes" di Cherry o nella citata "African Marketplace"; l'assolo di Hawkins in "Chairman Mao" di Haden, il modo in cui conduce la coltraneana "Your Lady" su stilemi tyneriani e l'opportuno uso delle tastiere in "Uhuru"; il cangiante intervenire di De Rossi, rumoristico in "Uhuru" ed "Eternal Love," incedente e perfino aggressivo in "Chairman Mao."

Su tutti, ovviamente, Ottaviano, che al soprano ha pochi eguali: suono sempre splendido, passa dalle espressività evocative delle due tracce "programmatiche" alle agili linee disegnate in "Mushi Mushi" di Redman e nel suo "Questionable 2." Sempre e comunque un saggio di maestria sullo strumento, dalla qualità sopraffina.

Lavoro dalle molte sfaccettature e dall'esecuzione semplicemente perfetta, Eternal Love è una sintesi esemplare di quanto può offrire il "jazz moderno" se messo in atto da grandi artisti con un ampio bagaglio di esperienze e mezzi espressivi e -soprattutto -con la mente aperta -non solo in ambito musicale.

CD della settimana

Track Listing

Uhuru; African Marketplace; Chairman Mao; Mushi Mushi; Oasis; Questionable 2; Eternal Love; Your Lady; Until The Rain Comes.

Personnel

Roberto Ottaviano: sax soprano; Marco Colonna: clarinetto, clarinetto basso; Alexander Hawkins: pianoforte, Fender Rhodes, organo Hammond; Giovanni Maier: contrabbasso; Zeno De Rossi: batteria.

Album information

Title: Eternal Love | Year Released: 2018 | Record Label: Dodicilune

Watch

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.