All About Jazz

Home » Articoli » Live Review

0

Decoy al Mo.Ca. di Brescia

Decoy al Mo.Ca. di Brescia
Giuseppe Segala By

Sign in to view read count
Decoy (Alexander Hawkins, John Edwards, Steve Noble).
Rassegna Indica
Brescia, Mo.Ca.
24.02.2018

Decoy si impernia su un trio britannico ben rodato, che unisce due colonne della seconda generazione di grandi improvvisatori, come il contrabbassista John Edwards e il batterista Steve Noble, al campione della scena più recente, il tastierista e pianista Alexander Hawkins, in questa occasione focalizzato sull'organo Hammond. Un organico che sta giungendo al traguardo dei dieci anni di attività, visto che i primi documenti discografici risalgono al 2009, e che nel corso della sua storia è approdato anche a incontri significativi con un quarto membro, come testimoniano i due splendidi CD con Joe McPhee: Oto, registrato nel 2009, e Spontaneous Combustion, del 2011.

Non casualmente le due registrazioni citate sono tratte da concerti: la musica totalmente improvvisata di Decoy trae la propria linfa e si sviluppa sulle coordinate di immediatezza, di scambio con l'ambiente e il pubblico, che solo nel contesto live trova la sua piena realizzazione. Nel prezioso spazio centrale di Brescia del Mo.Ca., nonostante l'assenza di un impianto che filtrasse ed equilibrasse fonti sonore diverse come quella dell'organo Hammond, del contrabbasso e della batteria, il concerto si giovava di un ambiente ideale, sia per le dimensioni che sotto il profilo acustico. Il trio si è tuffato senza rete in un'ora intensa di musica: un maelstrom non facile da gestire e dominare, in cui i tre protagonisti erano aperti a tutte le sorprese che il loro approccio prometteva.

Una musica che naviga con rigore sulle creste dell'imprevisto, in cui il giovane tastierista di Oxford ha dimostrato il proprio innato atteggiamento positivo ed esplorativo, dotato di un fraseggio acrobatico ed elegante. Hawkins ha sfruttato in effetti alcuni caratteri che oggettivamente potevano essere considerati difetti di uno strumento storico degli anni Cinquanta, in grado comunque di mostrare tutta la propria dignità di un suono ineguagliabile, di un attacco sferzante. Così la parte iniziale del concerto, giunta subito a una densità alta di suono e di energia, è stata caratterizzata dai suoni percussivi, impuri e ostinati di un registro inedito, che perfettamente si accordavano con l'approccio del trio, in particolare con la combinazione costante di suoni e rumori messa in scena dal lavoro mirabolante al contrabbasso di Edwards.

La batteria di Noble si muove su questi terreni accidentati cercando a tratti di conferire un modello di scansione regolare, ancorata in modo robusto al tempo. Ma pronta al deragliamento nella fitta trama di suoni sgranati, che interagiscono e si sovrappongono, creano nuvole di densità, macchie di luce, fruscii, scalpitii. Anche in questo caso, come d'altra parte nella varietà timbrica e dinamica messa in scena dalla tastiera e dal contrabbasso, avremmo desiderato cogliere con più chiarezza, attraverso l'apporto discreto di una minima calibratura dell'amplificazione, certi dettagli timbrici, il loro impasto e la relazione reciproca. Ma spesso bastava il bagliore improvviso di un accordo, di un attacco, o l'apertura a un episodio più disteso per dare la misura di quanto questa musica sia ricca e articolata.

Foto: Gianluca Carè.

Post a comment

Tags

Jazz Near Milan
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.