All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Decoy al Mo.Ca. di Brescia

Decoy al Mo.Ca. di Brescia
Giuseppe Segala By

Sign in to view read count
Decoy (Alexander Hawkins, John Edwards, Steve Noble).
Rassegna Indica
Brescia, Mo.Ca.
24.02.2018

Decoy si impernia su un trio britannico ben rodato, che unisce due colonne della seconda generazione di grandi improvvisatori, come il contrabbassista John Edwards e il batterista Steve Noble, al campione della scena più recente, il tastierista e pianista Alexander Hawkins, in questa occasione focalizzato sull'organo Hammond. Un organico che sta giungendo al traguardo dei dieci anni di attività, visto che i primi documenti discografici risalgono al 2009, e che nel corso della sua storia è approdato anche a incontri significativi con un quarto membro, come testimoniano i due splendidi CD con Joe McPhee: Oto, registrato nel 2009, e Spontaneous Combustion, del 2011.

Non casualmente le due registrazioni citate sono tratte da concerti: la musica totalmente improvvisata di Decoy trae la propria linfa e si sviluppa sulle coordinate di immediatezza, di scambio con l'ambiente e il pubblico, che solo nel contesto live trova la sua piena realizzazione. Nel prezioso spazio centrale di Brescia del Mo.Ca., nonostante l'assenza di un impianto che filtrasse ed equilibrasse fonti sonore diverse come quella dell'organo Hammond, del contrabbasso e della batteria, il concerto si giovava di un ambiente ideale, sia per le dimensioni che sotto il profilo acustico. Il trio si è tuffato senza rete in un'ora intensa di musica: un maelstrom non facile da gestire e dominare, in cui i tre protagonisti erano aperti a tutte le sorprese che il loro approccio prometteva.

Una musica che naviga con rigore sulle creste dell'imprevisto, in cui il giovane tastierista di Oxford ha dimostrato il proprio innato atteggiamento positivo ed esplorativo, dotato di un fraseggio acrobatico ed elegante. Hawkins ha sfruttato in effetti alcuni caratteri che oggettivamente potevano essere considerati difetti di uno strumento storico degli anni Cinquanta, in grado comunque di mostrare tutta la propria dignità di un suono ineguagliabile, di un attacco sferzante. Così la parte iniziale del concerto, giunta subito a una densità alta di suono e di energia, è stata caratterizzata dai suoni percussivi, impuri e ostinati di un registro inedito, che perfettamente si accordavano con l'approccio del trio, in particolare con la combinazione costante di suoni e rumori messa in scena dal lavoro mirabolante al contrabbasso di Edwards.

La batteria di Noble si muove su questi terreni accidentati cercando a tratti di conferire un modello di scansione regolare, ancorata in modo robusto al tempo. Ma pronta al deragliamento nella fitta trama di suoni sgranati, che interagiscono e si sovrappongono, creano nuvole di densità, macchie di luce, fruscii, scalpitii. Anche in questo caso, come d'altra parte nella varietà timbrica e dinamica messa in scena dalla tastiera e dal contrabbasso, avremmo desiderato cogliere con più chiarezza, attraverso l'apporto discreto di una minima calibratura dell'amplificazione, certi dettagli timbrici, il loro impasto e la relazione reciproca. Ma spesso bastava il bagliore improvviso di un accordo, di un attacco, o l'apertura a un episodio più disteso per dare la misura di quanto questa musica sia ricca e articolata.

Foto: Gianluca Carè.

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read The Magpie Salute At The Grand Point North Festival 2018 Live Reviews
The Magpie Salute At The Grand Point North Festival 2018
by Doug Collette
Published: September 23, 2018
Read Chris Isaak at The Paramount in Huntington, NY Live Reviews
Chris Isaak at The Paramount in Huntington, NY
by Christine Connallon
Published: September 23, 2018
Read Detroit Jazz Festival 2018 Live Reviews
Detroit Jazz Festival 2018
by C. Andrew Hovan
Published: September 19, 2018
Read Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner Live Reviews
Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner
by Martin McFie
Published: September 18, 2018
Read Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia 2018 Live Reviews
Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia...
by Nenad Georgievski
Published: September 16, 2018
Read Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood Vampires, Black Asteroids & Paul Lamb Live Reviews
Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood...
by Martin Longley
Published: September 16, 2018
Read "Bray Jazz Festival 2018" Live Reviews Bray Jazz Festival 2018
by Ian Patterson
Published: May 24, 2018
Read "Brilliant Corners 2018" Live Reviews Brilliant Corners 2018
by Ian Patterson
Published: April 3, 2018
Read "Lello Molinari Quartet at Regatta Bar" Live Reviews Lello Molinari Quartet at Regatta Bar
by Doug Hall
Published: May 6, 2018
Read "Binker & Moses At London's Jazz Cafe" Live Reviews Binker & Moses At London's Jazz Cafe
by Chris May
Published: September 15, 2018