Home » Articoli » Album Review » Bill Dixon: With Archie Shepp, 7-Tette & Orchestra Revisited

Bill Dixon: With Archie Shepp, 7-Tette & Orchestra Revisited

By

View read count
Bill Dixon: With Archie Shepp, 7-Tette & Orchestra Revisited
È benvenuta questa pubblicazione nel catalogo ezz-thetics Revisited, collana che prosegue con risolutezza nella riproposta di lavori importanti, spesso fondamentali del jazz contemporaneo, concentrando in particolare la propria attenzione sugli anni Sessanta e abbinando in unico CD registrazioni storiche, opportunamente restaurate e corredate di inedite, meticolose note di copertina.

Protagonista di questa uscita è Bill Dixon, figura singolare, di notevolissimo valore, la cui presenza discografica è stata purtroppo rara e saltuaria, spesso affidata alla diligente attenzione di produttori e organizzatori. Al di là della discografia, la qualità del suo lavoro è comunque altamente significativa, come compositore, strumentista, improvvisatore, leader, teorico e promotore nel senso più ampio e articolato, dove la riflessione sull'arte si coniuga alle istanze sociali, politiche, umanistiche.

D'altra parte, a qualificarne lo spessore basterebbe il ruolo di artefice della October Revolution in Jazz: quattro giorni di nuova musica al Cellar Café di New York nel 1964. Ne presero parte tutti i musicisti che al tempo, nell'area della Grande Mela, avevano nuove idee da esprimere e percorsi da tracciare. Allo stesso modo, il passo immediatamente successivo o sincrono, la fondazione della cooperativa Jazz Composers Guild, vedeva ancora Dixon primo ideatore, secondo le parole di un'altra protagonista del fermento creativo, Carla Bley. Ma già nel 1958, il musicista trentatreenne, particolarmente impegnato in attività didattica e teorica, con un'esperienza di studio, pratica e insegnamento anche nel campo delle arti figurative, aveva evidenziato le proprie doti organizzative, fondando la United Nations Jazz Society. Mettendo sempre l'accento sul ruolo dell'artista in una prospettiva autonoma alle regole di mercato.

Le registrazioni raccolte nel presente CD provengono da tre dischi pubblicati a suo tempo e incorniciano cronologicamente l'esperienza di October Revolution e Jazz Composers Guild, partendo dalla prima registrazione effettuata negli studi Savoy nell'ottobre 1962 in quartetto con Archie Shepp e approdando ai poco più di trenta minuti estratti dall'incisione negli studi RCA di New York City, dall'ottobre 1966 al febbraio 1967 dalla Bill Dixon Orchestra: Intents and Purposes, ripubblicato su CD nel 2010. In mezzo, altri fondamentali diciotto minuti del marzo 1964 con il 7-Tette, di cui erano parte Makanda Ken McIntyre, Howard Johnson, David Izenzon.

Nei brani con Shepp, due selezionati tra i quattro inclusi nel disco Savoy, risalta l'attenzione di una personalità che delinea la propria strada, osservando con acutezza quanto sta avvenendo in un vasto orizzonte stilistico e creativo. Come osserva Bill Shoemaker nelle note di copertina, "Trio" si colloca in un modello che riflette sulle triangolazioni tra Davis e Coltrane qualche anno prima, mentre "Quartet" allude a una coloritura ornettiana. Cosa che traspare, oltre che nel tema e nell'andamento ritmico, anche nel solo di tromba, legato al fraseggio e alle sonorità di Don Cherry. Giova ricordare per inciso, che il sodalizio tra Dixon e Shepp perseguiva il dialogo tra le arti, e preludeva alla creazione, da parte del sassofonista, di New York Contemporary Five, gruppo seminale del jazz di allora.

I brani del settetto ci offrono un'altra inquadratura della visione ampia di Dixon: qui gli impasti strumentali e i trattamenti politonali hanno il sapore della Third Stream e di Gil Evans, evidenziando d'altro canto l'interesse per la musica colta Occidentale e una visione aperta, alla ricerca di una propria coerenza. Negli interventi solistici, resta intatta l'energia del bop, come mostrato dallo stesso leader, dal sax tenore di George Barrow e dall'interessante contributo di McIntyre all'oboe. "The 12th December" è totalmente scritto, nella sua brevità: quattro episodi, con la ripresa per tre volte del tema iniziale e un trasparente lavoro sulla tavolozza timbrica.

Gli ultimi quattro brani del CD presentano un affinamento delle precedenti istanze, con il lungo "Metamorphosis 1962-1966" che immette nell'universo maturo del musicista, giocando sempre sugli impasti strumentali, ora decisamente originali, calibrati, densi. Con "Voices" si entra ancor di più nella musica di Dixon, immersa nei contrasti tra le tinte gravi di contrabbasso, cello, clarinetto basso, e i piani ritmici movimentati. I due "Nightfall Pieces" sono gli estratti in forma aforistica (in totale circa sei minuti) di un lavoro lungo venti minuti, commissionato dal Dance Theater Workshop nel 1967. Tratteggiano l'intensità concentrata della musica di Dixon, disegnata con ampie, screziate pennellate sonore in uno scandaglio contemplativo e introspettivo esemplare nell'impronta stilistica dell'artista.

Album della settimana.

Track Listing

Trio; Quartet; Winter Song 1964; The 12th December; Metamorphosis 1962-1966; Nightfall Pieces I; Voices; Nightfall Pieces II.

Personnel

Bill Dixon
trumpet
Archie Shepp
saxophone, soprano
George Barrow
saxophone, tenor
Byard Lancaster
saxophone
Robin Kenyatta
saxophone
George Marge
english horn
Jimmy Cheatham
trombone
Don Moore
bass, acoustic
Hal Dodson
bass, acoustic
David Izenzon
bass, acoustic
Marc Levin
percussion
Additional Instrumentation

Bill Dixon: trumpet, flugelhorn; Archie Shepp: tenor saxophone (1, 2); Ken McIntyre: alto saxophone, oboe (3, 4); George Barrow: tenor saxophone (3, 4); Howard Johnson: tuba, baritone saxophone 3, 4); Byard Lancaster: alto saxophone, bass clarinet (5-8); Robin Kenyatta: alto saxophone (5); George Marge: English horn, flute (5, 6, 8); Jimmy Cheatham: bass trombone (5); Don Moore: double bass (1, 2); Hal Dodson: double bass (3, 4); David Izenzon: double bass (3, 4); Reggie Workman: double bass (5); Paul Cohen: drums (1, 2); Howard McRae: drums (3, 4); Robert Frank Pozar: drums (5-8); Marc Levin: percussion (5).

Album information

Title: With Archie Shepp, 7-Tette & Orchestra Revisited | Year Released: 2023 | Record Label: Ezz-thetics


Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

The Island
Kasper Rietkerk
More Human
Splashgirl + Robert Aiki Aubrey Lowe
Switch
Kenny Reichert
Harken!
Threeway with special guest John Etheridge

Popular

My Prophet
Oded Tzur
Time Again
Koppel, Blade, Koppel
September Night
Tomasz Stanko Quartet

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.