Home » Articoli » Album Review » Tony Williams: Life Time & Spring Revisited

1

Tony Williams: Life Time & Spring Revisited

Tony Williams: Life Time & Spring Revisited
Tony Williams è uno dei più importanti batteristi della storia. Non solo del jazz, ma della musica in generale. Solitamente questa considerazione, ampiamente condivisa, fa riferimento alla sua lunga esperienza come batterista dei quintetti di Miles Davis della seconda metà degli anni sessanta ed eventualmente al suo ruolo di leader del gruppo Tony Williams Lifetime nato nel 1969 e durato un paio d'anni. Due contesti di assoluta eccellenza che quindi giustificano il giudizio dal quale siamo partiti. Questa ottima ristampa dei suoi primi due album incisi come leader nel 1964 e nel 1965, riuniti su un unico CD pubblicato nella collana "Revisited" della dinamica ezz-thetics, l'etichetta discografica che segna il ritorno della celebrata Hat Hut, ci permettono di riascoltare due lavori importantissimi e un po' dimenticati. Due album che confermano senza alcun dubbio, e rafforzano ulteriormente, il ruolo centrale di un artista straordinario come Tony Williams.

I primi 5 brani di questo CD erano stati pubblicati su LP dalla Blue Note con il titolo Life Time, primo lavoro come leader di un giovanissimo Tony Williams appena diciottenne. Al sax tenore troviamo un brillantissimo Sam Rivers, al piano Herbie Hancock, al vibrafono Bobby Hutcherson, mentre ai bassi si alternano Ron Carter, Richard Davis e Gary Peacock. Tutti offrono una prova maiuscola, certamente da annoverare fra i punti artisticamente più alti delle loro rispettive carriere. Un manipolo di giovani musicisti, alle prese con un materiale di altissima qualità (tutte le composizioni sono di Tony Williams) che sanno interpretare con grande sensibilità. Una sensibilità che permette loro di governare situazioni molto diverse fra di loro che però vengono ricondotte in un contesto magicamente unitario difficile da spiegare con le parole. In particolare i primi due brani sono da considerare come una sorta di establishing shot per l'intera carriera di Tony Williams.

I successivi cinque brani che chiudono questo CD erano invece stati pubblicati su LP, sempre da Blue Note, come Spring, secondo album di Tony WIlliams. Al sax tenore si alternano Wayne Shorter e Sam Rivers (che suona anche il flauto), mentre al piano ritroviamo Herbie Hancock e al basso Gary Peacock. Wayne Shorter è assoluto protagonista e cambia in maniera evidente gli equilibri delicati che si erano manifestati, anche attraverso i continui cambi di personale, nel primo album.

Spring appare più solido, meno rarefatto, ma allo stesso tempo resta elegante e immaginifico come lo era stato il primo lavoro. Due facce della stessa medaglia. Una medaglia che trasuda bellezza, che offre spunti di riflessione, idee da sviluppare. Due lavori modernissimi, invecchiati benissimo e ancora oggi inarrivabili. Una musica difficile da catalogare, derivata certamente dall'hard bop e dalla musica modale dei primi anni sessanta, piena di cambi di marcia, libera e fiera, capace di svolte inaspettate, che però diventano immediatamente una visione condivisa. Magia allo stato puro, colate laviche di pura essenza creativa, manifestazioni di puro pensiero artistico che non si lasciano incanalare. Emozioni dense di ricordi, cariche di suggestioni e spinte verso il futuro.

I due album originali erano firmati da Rudy Van Gelder. Suonavano benissimo sin da subito, eppure questa rimasterizzazione riesce a migliorare ulteriormente la resa acustica complessiva, con gli strumenti che si stagliano con chiarezza nel panorama sonoro che ci troviamo di fronte. Da ascoltare e riascoltare, assolutamente.

Album della settimana.

Track Listing

Two Pieces of One: Red; Two Pieces of One: Green; Tomorrow Afternoon; Memory; Bach’s Song to the Wizard; Extras; Echo; From Before; Love Song; Tee.

Personnel

Sam Rivers
saxophone, tenor
Wayne Shorter
saxophone
Bobby Hutcherson
vibraphone
Gary Peacock
bass, acoustic
Richard Davis
bass, acoustic
Additional Instrumentation

Tony Williams: drums, percussion; Sam Rivers: tenor saxophone (1-3, 6, 8, 10); Wayne Shorter: tenor saxophone (6, 8, 10); Herbie Hancock: piano (4, 5, 8-10); Bobby Hutcherson: vibraphone, marimba (4); Gary Peacock: double bass (1-3, 6, 8-10); Richard Davis: double bass (1-3); Ron Carter: double bass (5).

Album information

Title: Life Time & Spring Revisited | Year Released: 2022 | Record Label: Ezz-thetics


< Previous
Induction

Next >
Fragile

Comments

Tags


Support All About Jazz

Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

How You Can Help

To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Choro Choro Choro
Huw Warren
Aloft
Natsuki Tamura, Satoko Fujii
Maca Conu
Jonas Cambien's Maca Conu
MoonDial
Pat Metheny

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.