Noah Preminger: Dark Was the Night, Cold Was the Ground

Alberto Bazzurro BY

Sign in to view read count
Noah Preminger: Dark Was the Night, Cold Was the Ground
A un anno scarso dal precedente Pivot: Live at the 55 Bar, il trentenne tenorsassofonista newyorchese Noah Preminger torna sul luogo del delitto. Che non è la sede dell'incisione (questo, anzi, è un album in studio, benché inciso in un jazz club, il Side Door, in Connecticut), quanto il repertorio, anche stavolta estratto dalla grande letteratura blues, quella più ruspante e terragna, roba anni Venti e Trenta, tranne "Future Blues," che nel 1970 chiudeva l'omonimo album dei Canned Heat.

La differenza principale sta nell'impaginazione: là due soli, chilometrici brani (entrambi di Bukka White, presente anche qui con "I Am the Heavenly Way," mentre le altre firme sono quelle di Blind Willie Johnson, Skip James, Richard M. Jones, Charley Patton, Blind Lemon Jefferson, Robert Johnson e Mississippi John Hurt), qui nove episodi circospetti, sul piano degli arrangiamenti, studiati, predisposti, si direbbe, in ogni dettaglio.

La voce unitaria del quartetto, in possesso di una sua precisa identità, scura e pensosa, a tratti quasi liturgica, deroga piuttosto di rado da sé, per qualche assolo, che ovviamente non manca, ma sempre quanto mai funzionale, quasi imbrigliato, nel totale. Il disco possiede così una temperatura e un fascino tutti suoi, brunito, coeso, sferico, quasi inattaccabile. Il linguaggio è coerente col grande ceppo che percorre la strada maestra del jazz, ma—come detto—con un'identità netta, incontestabile.

Pregi ed eventuali limiti dell'eccesso di coerenza e—se vogliamo—monoliticità, possiamo dire, ma a bocce ferme propenderemmo senz'altro per i primi rispetto ai secondi: minore immediatezza e sana foga improvvisativa, magari, rispetto al live di cui dicevamo, per un'opera più di cesello (plastico, ma di cesello, come trattamento), di struttura, di amalgama eretto a categoria estetica. Da ascoltare con attenzione, per certi versi quasi religiosamente.

Track Listing

Dark Was The Night, Cold Was The Ground; Hard Times Killin’ Floor Blues; Trouble In Mind; I Am The Heavenly Way; Future blues; Spoonful Blues; Black Snake Moan; Love In Vain; I Shall Not Be Moved.

Personnel

Noah Preminger: saxophone; Jason Palmer: trumpet; Kim Cass: bass; Ian Froman: drums.

Album information

Title: Dark Was the Night, Cold Was the Ground | Year Released: 2016 | Record Label: Self Produced

Post a comment about this album

Watch

Tags

View events near New York City
Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Local Businesses | More...

Shop Amazon

More

Narratives
Alisa Amador
Trust Me
Gerry Eastman Trio
Wandersphere
Stephan Crump
This Land
Theo Bleckmann & The Westerlies
Trust Me
Gerry Eastman Trio

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
The Garden
Rachel Eckroth
Time Frames
Michael Waldrop

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.