All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

0

A dialogo con Giancarlo Mazzù e Luciano Troja

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Il chitarrista calabrese Giancarlo Mazzù e il pianista siciliano Luciano Troja formano ormai da molti anni una coppia artistica molto affiatata. Messisi in luce nell'interessante quartetto Mahanada, che realizzò tre album tra il 2004 e il 2008 (leggi la recensione di Mahanatta), i due hanno poi consolidato la loro intesa artistica pubblicando i due volumi di Seven Tales About Standards (entrambi per la Splasc(H), nel 2006 e nel 2008, leggi la recensione del secondo ), singolarissima e raffinata rilettura della tradizione jazzistica, ai quali è seguito un terzo capitolo, registrato live alla Metropolitan Room di New York nel 2009 e uscito per la Slam nel 2013. Ancora a New York i due hanno poi registrato un lavoro ampiamente improvvisato su temi propri, Tasting Beauty, uscito per la Slam nel 2015. Grazie ai loro viaggi negli USA Mazzù e Troja hanno poi stretto un duraturo sodalizio con il sassofonista e clarinettista newyorchese (ma originario di Detroit) Blaise Siwula, con il quale hanno svolto varie tournée oltreoceano registrando due dischi d'improvvisazione: D'Istante3 (Slam, 2012) e Sometimes the Journey Is a Vision (NoFrills Music, 2014). Più recentemente è uscito un loro lavoro in trio con il batterista Francesco Branciamore, Broad-Ways, mentre è annunciato un nuovo lavoro in quartetto assieme a Blaise Siwula e Rocco John Iacovone.

All About Jazz Italia: Inizierei da una breve storia della vostra lunga collaborazione, iniziata nel singolare quartetto Mahanada e consolidatasi con il duo dedicato agli standard: perché proprio quel tipo di formula?

Giancarlo Mazzù: Abbiamo discusso molto sull'opportunità di un progetto simile, perché il "genere standard" è di solito un po' troppo formale: per gli americani quella è la tradizione, con la quale hanno lo stesso rapporto che gli europei hanno con la musica classica. È però poi prevalso il nostro comune amore per la canzone, che ci ha spinto a suonarli così, senza altri artifici.

Luciano Troja: Infatti ciò che c'è di originale deriva dall'averli interpretati a modo nostro in piena libertà. Noi europei abbiamo vissuto quella tradizione indirettamente, ma in fondo stiamo parlando di canzoni, cioè di materiale reintepretabile e, quindi, sempre aperto a nuove soluzioni.

GM: Ogni nota, ogni modulazione è una possibilità aperta, come se nella traccia orizzontale del brano ci fossero costantemente opportunità di uscirne fuori in verticale. Così possiamo stare a guardare quel che succede e cogliere opzioni sempre nuove. Per questo i nostri concerti sono sempre diversi: quali strade prendiamo dipende dall'ambiente e dalla risposta del pubblico.

LT: E con la piena libertà di produrre sorpresa, "l'essenza assoluta del jazz," come diceva John Lewis -che pure suonava nel Modern Jazz Quartet, considerato quanto di più apparentemente formale ci sia stato in questa musica. Senza la sorpresa non può succedere niente.

AAJ: Come è nato il duo?

LT: Avevamo suonato spesso assieme in vari contesti, scoprendo molte affinità: artistiche e umane, nell'amore per tante cose che solo in apparenza possono sembrare banali. Accadde poi di avere un ingaggio di alcune date a Taormina Arte per accompagnare una rappresentazione teatrale. Durante le pause delle prove, gli attori ci lasciavano il teatro completamente libero con un meraviglioso pianoforte a disposizione. Pensammo che fosse il caso di approfittarne: "Giancarlo," dissi, "il Palazzo dei Congressi è nostro... registriamo!."

GM: Il nostro primo disco è nato così, costruito sul vissuto personale, come due amici che si incontrano una sera e suonano....

LT: Da questa registrazione abbiamo scelto i brani del nostro primo CD in duo, Seven Tales About Standards, uscito per la Splasc(H) nel 2006.

GM: Suonammo d'istinto e senza altra preparazione: sette storie tirate fuori dalla memoria e dalle nostre sensibilità. Successivamente abbiamo registrato in studio il secondo capitolo nel 2008, che abbiamo presentato a New York e Philadelphia nel 2009. In quell'occasione, ricevuto un ingaggio alla prestigiosa Metropolitan Room, abbiamo deciso di registrare dal vivo la nostra performance, uscita poi per l'etichetta inglese Slam.

AAJ: Questa spontaneità, basata su relazioni artistiche ma anche e soprattutto umane, è una cosa che molti improvvisatori ritengono essenziale. Lo è anche per voi?

LT: Sì, forse perché è quanto permette la naturalezza della creazione, che per essere documentata con la registrazione richiede situazioni atipiche e informali: di solito si verifica in determinati contesti, non la puoi produrre sempre, a piacimento.

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

My Love Is An April Song

My Love Is An April Song

Luciano Troja
At Home with Zindars

Album Reviews
Interviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Read more articles
Broad-Ways

Broad-Ways

Ack Records
2017

buy
At Home with Zindars

At Home with Zindars

Luciano Troja
2011

buy
 

At Home with Zyndars

Point of Departure, WMPG-FM
2010

buy
 

Seven Tales About...

Splasc(H) Records
2009

buy
 

Mannahatta

Splasc(H) Records
2008

buy
 

Taranta's Circle

Splasc(H) Records
2006

buy

Related Articles

Read Theo Croker: It's Just Black Music Interviews
Theo Croker: It's Just Black Music
By Keith Henry Brown
June 24, 2019
Read A Young Person's Guide to the Jazz Bastard Podcast Interviews
A Young Person's Guide to the Jazz Bastard Podcast
By Patrick Burnette
June 11, 2019
Read Joey DeFrancesco: From Musical Prodigy to Jazz Icon Interviews
Joey DeFrancesco: From Musical Prodigy to Jazz Icon
By Victor L. Schermer
June 2, 2019
Read Moers Festival Interviews: Marshall Allen Interviews
Moers Festival Interviews: Marshall Allen
By Martin Longley
May 30, 2019
Read Sam Tshabalala: Returning Home Interviews
Sam Tshabalala: Returning Home
By Seton Hawkins
May 27, 2019
Read The Baylor Project: A Brand New Day Interviews
The Baylor Project: A Brand New Day
By K. Shackelford
May 24, 2019