Home » Articoli » Tortoise: The Catastrophist

1
Album Review

Tortoise: The Catastrophist

By

Sign in to view read count
Tortoise: The Catastrophist
Tornano i Tortoise e subito gli affezionati della prima ora iniziano a sudare freddo.
Non è infatti che i lavori del gruppo di Chicago prodotti nel nuovo millennio avessero convinto troppo, impelagati in una terra prog-fusion in cui si stentava a rintracciare l'urgenza dei primi, fantastici dischi.

Sebbene infatti, anche in qualche recente intervista, Doug McCombs e soci si premurino di ricordare come l'etichetta di gruppo (per antonomasia, diremmo) post-rock fosse più una convenzione critico/giornalistica che una reale esigenza definitoria, difficile non associare la band alle sonorità asciutte e strumentali, odorose di motricità kraut e di gomma dub, che si usano definire, pur in un vasto ombrello lessicale, con questa etichetta.

Tornano i Tortoise, dunque, nella ormai stabile formazione a cinque con McCombs, Herndon, Bitney, McIntyre e Jeff Parker. Gli affezionati sudano freddo, ma di catastrofico in questo disco c'è per fortuna solo il riferimento del titolo e dell'omonima traccia iniziale.
Merito di una ritrovata concisione e efficacia, che trova addirittura in un paio di brani un assetto di forma canzone, con {odd Rittman (Dead Rider/U.S. Maple) e Georgia Hubley (Yo La Tengo) alla voce rispettivamente in una versione cupa e riverberata della classica "Rock On" e nella bella, seppur nostalgica, "Yonder Blue."

Liquidi amniotici attorcigliati alla chitarra (la title-track), elettro-funk sintetico ("Hot Coffee," che già era stata incisa in un flexidisc di qualche anno fa e che a me provoca un'inquietudine retromaniaca prossima all'ansia, ma è un fatto personale e nemmeno dei più sgraditi, eh), prog-wave che nell'ossimoro sguazza con sottile sadismo (provate "Shake Hands with Danger"), Terry Riley che balla con gli Stereolab ("Gesceap"), la più "classica" -in senso Tortoise -"Tesseract," insomma ci si diverte parecchio con questo nuovo lavoro, vuoi un po' per la sensazione di scampato pericolo, vuoi per il piacere di rivedere ben sintonizzati musicisti cui va stima e affetto, ma soprattutto per la solida sostanza musicale del disco.
Questa volta davvero bentornati!

Track Listing

The Catastrophist; Ox Duke; Rock On; Gopher Island; Shake Hands with Danger; The Clearing Fills; Gesceap; Hot Coffee; Yonder Blue; Tesseact; At Odds with Logic.

Personnel

Dan Bitney: percussioni; John Herndon: batteria, tastiera, vibrafono; Douglas McCombs: basso; John McEntire: batteria, tastiera; Jeff Parker: chitarra; Todd Rittman, Georgia Hubley: voce.

Album information

Title: The Catastrophist | Year Released: 2016 | Record Label: Thrill Jockey


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Twelve
Noam Lemish
Quietude
Eliane Elias
One More Please
Tim Berne & Matt Mitchell
Thoughts & Images
Alex Tremblay

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.