1

Ryan Blotnick: Solo, Volume I

By

Sign in to view read count
Ryan Blotnick: Solo, Volume I Dopo due album a suo nome registrati con formazioni variabili (trio, quartetto, quintetto), il giovane chitarrista Ryan Blotnick (classe 1983) ha sentito il bisogno di ritrovare una dimensione più intimista, dedicandosi intensamente alla pratica del solo, allo stesso tempo ritornando nel nativo Maine dopo alcuni anni trascorsi a New York. Ne scaturisce un lavoro delicato e interessante, intenso pur nella sua brevità (poco meno di 34 minuti), ricco di spunti e stimoli in un approccio strumentale alla chitarra che riesce a fondere jazz, classica e fingerpicking.

Blotnick è più interessato alla costruzione di un'atmosfera che al puro accumulo di note, come è evidente fin dal primo brano, una rilettura rarefatta di "Monk's Mood," unico titolo non composto (o improvvisato) dal chitarrista, e confermato dal secondo, un'esplorazione sonora dove assume particolare rilievo il timbro elettrificato del suo strumento, una chitarra acustica Martin 00-18 del 1959 con cui ha inciso tutti i brani eccetto uno. Blotnick cita diversi chitarristi che hanno influenzato il suo fingerpicking, dai jazzisti classici come Joe Pass e Lenny Breau al più moderno Marc Ribot, senza dimenticare artisti come Neil Young e Leo Kottke, tutti più o meno rintracciabili nelle otto tracce che compongono il CD, ciascuna con la propria individualità.

Nelle intenzioni di Blotnick il disco, disponibile esclusivamente in edizione limitatissima o in download digitale dal sito del chitarrista, dovrebbe essere il primo di una serie dedicata ad esplorare le possibilità della chitarra elettroacustica colmando i divari tra jazz, classica, Americana e improvvisazione pura; visti gli ottimi risultati ottenuti in questo primo sforzo, speriamo che l'attesa per i successivi non sia troppo lunga.

Track Listing: Monk's Mood; Dreams of Chloe; The Ballas of Josh Barton; Salt Waltz; Hymn for Steph; Lenny's Ghost; Intermellem; Michelle Says.

Personnel: Ryan Blotnick: chitarra acustica.

Year Released: 2012 | Record Label: Self Produced


Shop

More Articles

Read United CD/LP/Track Review United
by Mark Sullivan
Published: March 23, 2017
Read Chromola CD/LP/Track Review Chromola
by John Eyles
Published: March 23, 2017
Read Satin Doll – A Tribute to Billy Strayhorn CD/LP/Track Review Satin Doll – A Tribute to Billy Strayhorn
by C. Michael Bailey
Published: March 23, 2017
Read Nature City CD/LP/Track Review Nature City
by Henning Bolte
Published: March 23, 2017
Read Beninghove's Hangmen Plays Led Zeppelin CD/LP/Track Review Beninghove's Hangmen Plays Led Zeppelin
by Chris M. Slawecki
Published: March 23, 2017
Read This Is The Uplifting Part CD/LP/Track Review This Is The Uplifting Part
by Karl Ackermann
Published: March 22, 2017
Read "Traffic" CD/LP/Track Review Traffic
by Dave Wayne
Published: September 8, 2016
Read "Skronky Tonk" CD/LP/Track Review Skronky Tonk
by James Nadal
Published: June 18, 2016
Read "No Filter" CD/LP/Track Review No Filter
by Mark F. Turner
Published: January 11, 2017
Read "The Motorman's Son" CD/LP/Track Review The Motorman's Son
by Dan Bilawsky
Published: February 18, 2017
Read "Fellowship" CD/LP/Track Review Fellowship
by Dan Bilawsky
Published: February 22, 2017
Read "Duet" CD/LP/Track Review Duet
by Karl Ackermann
Published: September 30, 2016

Post a comment

comments powered by Disqus

Sponsor: DOT TIME RECORDS | BUT IT  

Support our sponsor

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!