All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

0

John Scofield: Country for Old Men

Maurizio Comandini By

Sign in to view read count
La vita spesso sa essere molto crudele. Nella sua lunga parabola artistica il chitarrista John Scofield, nato a Dayton (Ohio) nel dicembre del 1951, ha avuto numerose soddisfazioni di grande spessore, dalle esperienze come sideman nei gruppi di Charles Mingus, Miles Davis, Chet Baker, George Duke, Joe Henderson, Billy Cobham ed Herbie Hancock, per citare solo i più famosi, ai numerosissimi album come leader di grande successo a partire dal bellissimo Live del 1977 per la etichetta Enja. Eppure, anche in presenza di risultati artistici così importanti e prolungati nel tempo, un terribile evento come la morte improvvisa del figlio Evan, avvenuta a luglio del 2013, non poteva non lasciarlo in uno stato di grande prostrazione. Evan aveva solo 26 anni e se ne era andato per un maledetto sarcoma che lo aveva colpito due anni prima. Il vecchio detto che i genitori non dovrebbero mai avere la terribile sorte di vedere morire i propri figli, aveva avuto una ulteriore straziante testimonianza.

In questi casi la musica fortunatamente ha il potere di agire come unguento miracoloso. Music Is the Healing Force of the Universe, recitava il titolo di un album Impulse! di Albert Ayler del 1969. Siamo ben lieti di vedere che anche su Scofield questo effetto mirabolante si è manifestato in tutta evidenza. Dapprima il bravo chitarrista ha inciso un album in quartetto con Joe Lovano, rispolverando vecchie consuetudini, con eccellenti risultati: infatti con quell'album, uscito per la Impulse! nel 2015 con il titolo Past Present, il chitarrista si è portato a casa un bel Grammy. Immancabilmente era pieno di riferimenti alla scomparsa del figlio e segnava un po' un ritorno di Scofield agli umori dei suoi dischi più jazzistici e raccolti.

Adesso, dopo non molti mesi, arriva questo ottimo Country for Old Men che molto coraggiosamente va a pescare la propria ispirazione, a livello compositivo, nella musica country. Un mondo vero e proprio, tipicamente americano, carico di interpreti e tradizioni, che fornisce a Scofield e ai suoi eccellenti compagni di strada, una materia grezza apparentemente molto semplice, ma proprio per questo facilmente plasmabile che consente al quartetto di volare via dalla banalità di situazioni stra-battute e stra-conosciute, per planare su assoli pieni di bollenti spiriti e per sperimentare manipolazioni timbriche e strutturali che vanno francamente al di la dell'immaginabile, se si pensa a quello che era il materiale di partenza. Sarà una coincidenza di poco conto, sarà un segno del destino, ma l'etichetta di questo album è la rediviva Impulse! Dopo averlo ascoltato abbiamo una conferma assoluta: Music IS the Healing Force of the Universe.

In queste dodici brani c'è una certa dolcezza di fondo che si accompagna magicamente ad un senso di nostalgia, di ricordo, di voglia di andare avanti senza dimenticare il passato, che segna inderogabilmente questo album, spostando un po' John Scofield dalle parti di Bill Frisell, ma senza mai invadere un campo che è decisamente ben lontano. Tutto questo non avviene mai come indebolimento della esperienza musicale: in questo inedito contesto John Scofield è grintoso come non mai, capace di volare sulle variazioni armoniche degli arrangiamenti che si cibano di materiale apparentemente semplice ma che sono in grado di fornire gli spunti giusti per rendere memorabili le scorribande di Scofield e compagni. La musica si riappropria di una piena strutturazione jazzistica, secondo la tradizione che ha spesso visto canzoni provenienti da tutt'altro contesto essere reinterpretate dai jazzisti in maniera originale, innovativa, sorprendente ed efficace.

Larry Goldings al pianoforte e all'organo si prende il compito di ancorare il tutto al materiale strutturale di base e lo fa ben sapendo che in questo modo le eventuali cadute di stile per sforare in territorio 'corny' toccano tutte a lui. Ma qualcuno che si prendesse questo ingrato compito ci voleva ed è molto meglio che non sia toccato alla ritmica che invece risplende in grande spolvero, sensibile, flessibile, incalzante, capace di picchiare quando serve e di sottolineare quando invece lo sguardo si fa per pochi istanti riflessivo. Comunque non mancano le occasioni anche per Goldings, specialmente quando siede al pianoforte, per prendersi le sue belle rivincite.

Un bassista pronto ad ogni sfida come Steve Swallow si trova a suo agio praticamente sempre, quindi figuriamoci come può reagire a queste sollecitazioni intriganti e suggestive. Prende anche qualche libertà solistica, rimanendo solido e concreto. Un batterista flessibile e stabilmente concentrato come Bill Stewart è sempre meglio averlo al proprio fianco. Con lui alla guida della scansione temporale un chitarrista elegante ma anche viscerale come 'Sco' non può che andare a nozze.

Sentite come spingono un po' dappertutto ma in particolare in "MamaTried" (scritta da Merle Haggard). Tostissimi. Con un tappeto del genere sotto ai piedi, volare in alto diventa facile anche per i bipedi umani. Anche "I'm So Lonesome I Could Cry" (generalmente associata ad un eroe della Country Music come Hank Williams, che ne è anche autore) sin dall'avvio deborda dalla struttura e dal mood generalmente associati a questo standard per arrivare a toccare vette di pura energia che ricordano i fuochi artificiali del Tony Williams Lifetime. Prima di eseguirla durante uno show televisivo, Elvis Presley l'aveva definita come la canzone più triste che aveva mai ascoltato. In questa versione si ribalta il tavolo e Scofield, ben spalleggiato dai suoi compari, salta sulle barricate senza alcuna remora. Il brano finale è un breve saluto sul tema di "I'm an Old Cowhand." Ricordate la versione straripante che ne aveva fatto Sonny Rollins, per aprire nel 1957 il meraviglioso e sorprendente album Way Out West? Qui la canzone, scritta da Johnny Mercer, viene presa da Scofield in perfetta solitudine con un piccolo ukulele. Immaginate il resto.

Track Listing: Mr Fool ; I'm So Lonesome I Could Cry; Bartender's Blues; Wildwood Flower; Wayfaring Stranger; Mama Tried; Jolene; Faded Love; Just a Girl I Used to Know; Red River Valley; You're Still the One; I'm an Old Cowhand.

Personnel: John Scofield: chitarra, ukulele; Steve Swallow: basso; Larry Goldings: piano, Hammond; Bill Stewart: batteria.

Title: Country for Old Men | Year Released: 2016 | Record Label: Impulse!

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Shop Music & Tickets

Click any of the store links below and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Read Always Forward CD/LP/Track Review
Always Forward
by Jack Bowers
Published: November 15, 2018
Read The Music of Richard Whiting CD/LP/Track Review
The Music of Richard Whiting
by Dan McClenaghan
Published: November 15, 2018
Read Barefoot Dances and Other Visions CD/LP/Track Review
Barefoot Dances and Other Visions
by Jerome Wilson
Published: November 15, 2018
Read Twinscapes Vol. 2: A Modern Approach To The Dancefloor CD/LP/Track Review
Twinscapes Vol. 2: A Modern Approach To The Dancefloor
by Mark Sullivan
Published: November 15, 2018
Read Talking with Charlie - An Imaginary Talk with Charlie Parker CD/LP/Track Review
Talking with Charlie - An Imaginary Talk with Charlie Parker
by Glenn Astarita
Published: November 15, 2018
Read The Gene Krupa Quartet: Live 1966! CD/LP/Track Review
The Gene Krupa Quartet: Live 1966!
by Richard J Salvucci
Published: November 15, 2018
Read "Monochrome" CD/LP/Track Review Monochrome
by Hrayr Attarian
Published: July 16, 2018
Read "Live In Europe" CD/LP/Track Review Live In Europe
by Mark Corroto
Published: November 28, 2017
Read "Puerto de Buenos Aires 1933" CD/LP/Track Review Puerto de Buenos Aires 1933
by Troy Dostert
Published: April 15, 2018
Read "The Return" CD/LP/Track Review The Return
by Chris May
Published: April 16, 2018
Read "Lab 2018/The Rhythm Of The Road" CD/LP/Track Review Lab 2018/The Rhythm Of The Road
by Chris Mosey
Published: September 11, 2018
Read "Smart Grid" CD/LP/Track Review Smart Grid
by Karl Ackermann
Published: July 16, 2018