Home » Articoli » Zeno De Rossi Trio al Pinocchio di Firenze

1
Live Review

Zeno De Rossi Trio al Pinocchio di Firenze

By

Sign in to view read count
Zeno De Rossi Trio
Pinocchio Live Jazz
Firenze
14.12.2019

A cinque anni dal concerto di presentazione del loro primo disco Kepos (clicca qui per leggerne la recensione), il trio di Zeno De Rossi è tornato sul palco del Pinocchio Jazz, stavolta a presentare il suo secondo lavoro, Elpis, in uscita il 20 gennaio 2020 per l'etichetta statunitense gestita da Chris Speed, Skirl Records.

La musica del trio, prevalentemente originale (oltre ai brani del leader e di Francesco Bigoni in scaletta ce n'erano uno di Bill Frisell e, sorprendentemente, uno di Erik Satie), ha conservato la cifra generale che lo caratterizzava già nel lavoro precedente, pur presentando di brano in brano una forte varietà, evidenziata in particolare dal mutare degli strumenti usati da Bigoni e Giorgio Pacorig, ma anche dal modo in cui venivano da loro utilizzati.

Bigoni era impegnato soprattutto al sax tenore, ma in un paio di brani ha usato anche il clarinetto; con quest'ultimo si è mosso in prevalenza su territori astratti, con fraseggi frammentati e spigolosi, mentre con il primo ha alternato narrazioni da autentico balladeur a passaggi più liberi e dissonanti, prossimi alla poetica dell'amico e maestro Chris Speed. Pacorig ha a sua volta alternato il Fender Rhodes al pianoforte, quest'ultimo impiegato soprattutto in modo libero, contemporaneo, in alcuni passaggi anche percussivamente, l'altro invece usato ora in modo liricamente immediato, ora per pennellare la scena sonora di stirature acide, in questo caso intervenendo su manopole e distorsori.

De Rossi ha dal canto suo diretto dalla batteria il procedere della musica, assecondandone i mutamenti con la consueta sensibilità e l'infinita serie si modalità percussive di cui è padrone. Il tutto in un clima di grande affiatamento musicale e umano (quest'ultimo reso tangibile dalle scherzose comunicazioni con il pubblico) che favoriva il fluido passaggio da un'atmosfera all'altra, conservando la personale cifra artistica della formazione al mutare degli scenari.

Una musica matura, affrancata dalla necessità di inventarsi sempre qualcosa di nuovo o di esibire effetti speciali e perciò libera di muoversi a piacimento, ora presso la tradizione lirico-narrativa, ora vicina alla libera improvvisazione, ora perfino pescando nella classica, come nel brano di Satie, perfettamente adeguato al repertorio del trio. Sontuosa presentazione di un disco che si preannunzia maiuscolo.

Foto: Annamaria Lucchetti.

FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment

Tags

More

Jazz article: Skopje Jazz Festival 2022
Jazz article: Jazz Promotion Network Conference 2022

Popular

Read Your Favorite Living Jazz Drummers
Read Your Favorite Living Jazz Bassists
Read Your Favorite Living Jazz Guitarists

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.