Nick Fraser: Too Many Continents

Stefano Merighi BY

Sign in to view read count
Nick Fraser: Too Many Continents
Vent'anni di esperienza a Toronto nel jazz e nella musica improvvisata di quella scena, il batterista Nick Fraser coltiva anche amicizie musicali ad ampio raggio, come dimostra la partnership con la connazionale Kris Davis e l'americano Tony Malaby.

La musicalità di Fraser spazia da un jazz avanzato contemporaneo fino alla free music più rischiosa. È di questa seconda specie il corpo sonoro di Too Many Continents. E allora, come spesso accade, si torna a questioni di fondo che riguardano queste musiche ibride, onnivore, polivalenti.

Quali sono i codici antecedenti che le ispirano? Quali strategie si possono individuare per sintonizzarsi con le divagazioni apparentemente infinite di queste conversazioni? A ben vedere, è più influente qui la musica europea di quella di tradizione afroamericana: gli sviluppi improvvisati sorgono da pochi elementi isolati, che si coagulano via via in diverse direzioni.

Spesso figure ritmiche frammentate suggeriscono climi, pronunce, exploits. L'astrazione prevale sulla narrazione e su strutture cicliche. Malaby, ad esempio, si serve sia delle eruzioni di un Evan Parker ("Recovered as Granted"), che dei vagabondaggi lunari di uno Steve Lacy svincolato dal jazz ("Nostalgia for the Recent Past"), cercando ancora una propria cifra al sax soprano, mentre al tenore giganteggia come sempre ("I Needed Yesterday"). Kris Davis è, al solito, incisiva, sia nelle trame cromatiche che negli arcigni clusters spesso in dialogo con un Fraser ricettivo e reattivo.

"Also" riscalda le atmosfere allucinate toccando le corde della ballad e si propone come l'episodio migliore.

Il difetto del disco sta in una certa monotonia, che sembra quasi programmatica. In ogni caso, magistrali le qualità strumentali dei tre.

Track Listing

Too Many Continents; Recovered as Granted (Sketches 28 & 27); I Needed It Yesterday; Also; Nostalgia for the Recent Past; Sketch #25; There'll Be More Dreams to Come.

Personnel

Nick Fraser: batteria; Tony Malaby: sassofono (tenore, soprano); Kris Davis: piano.

Album information

Title: Too Many Continents | Year Released: 2016 | Record Label: Clean Feed Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Code of Being
James Brandon Lewis Quartet
Beyond Here
Beth McKenna
Twelve Bass Tunes
Hernâni Faustino
Codebreaker
Matthew Shipp
Monsters' Impromptu
Lee Heerspink
A Song of Hope
Eric Wyatt

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.