Home » Search Center » Results: Stefano Merighi

Results for "Stefano Merighi"

Advanced search options

Article: Album Review

Chet Baker: Live In Paris

Read "Live In Paris" reviewed by Stefano Merighi


A un certo punto arriva un'anonima bossanova, “Arbor Way" di Rique Pantoja, e lì ci sono cinque minuti di assolo di Chet Baker che ti avvolgono con un calore disarmante, che ti ricordano che cos'era quella sua vulnerabilità adamantina, quella sua sapienza oracolare, del tutto estranea al sistema del jazz allora imperante, quello degli “young lions" ...

Article: Album Review

Allison Miller, Carmen Staaf: Nearness

Read "Nearness" reviewed by Stefano Merighi


Una leggerezza inquieta attraversa le tracce di questo bel disco realizzato in coppia da Allison Miller (batteria e percussoni) e Carmen Staaf (pianoforte). La strumentazione è particolarmente adatta alla formula del duo, basti pensare a quanti esempi possono tornare alla mente nella storia del jazz moderno. In questo caso, invece di stupire con le ...

Article: Album Review

Lucian Ban: Ways of Disappearing

Read "Ways of Disappearing" reviewed by Stefano Merighi


Il pianista romeno Lucian Ban—che vive e lavora da oltre vent'anni a New York—sostiene di avere come punto di riferimento per il solo piano un vecchio disco di Sun Ra, Monorails and Satellite. Forse però la nettezza del suo tocco possente che plasma accordi sia onirici che concreti riporta più all'arte di Ran Blake e, spesso, ...

Article: Album Review

Bill Evans: Behind The Dikes – The 1969 Netherlands Recordings

Read "Behind The Dikes – The 1969 Netherlands Recordings" reviewed by Stefano Merighi


Gli inediti di Bill Evans cominciano a tracimare in questi anni. E se qualcuno si chiedesse se valga la pena ascoltare anche questo recente Behind the Dikes (doppio CD che documenta concerti in studio in Olanda nel 1969), risponderei di andare subito alla versione di “'Round Midnight" per dissipare ogni dubbio. Evans trasfigura il classico monkiano, ...

Article: Album Review

Anna Webber: Idiom

Read "Idiom" reviewed by Stefano Merighi


Già da oltre un decennio, la complessità della canadese Anna Webber (sax tenore, flauto, composizione) ci interroga sulla possibilità di compenetrare nel jazz di oggi mente e corpo, attitudine concettuale e abbandono rituale. Non è la prima, ovviamente, a lambire questi territori impervi. Si situa, forse, in una geografia sonora che parte da Cecil Taylor e ...

Article: Album Review

Don Cherry: Complete Communion & Symphony for Improvisers Revisited

Read "Complete Communion & Symphony for Improvisers Revisited" reviewed by Stefano Merighi


Di fronte a questi gioielli di Don Cherry degli anni '60 che cosa si può scrivere ancora? Si può solamente invitare ad ascoltarli con orecchie ricettive e lasciarsi andare all'emozione, come scriveva Nat Hentoff nelle sue note originali per Complete Communion, senza perdere molto tempo in analisi formali poco utili. Questa edizione ...

1

Article: Lyrics

John Zorn Special Edition a Jazz em Agosto, Lisbona

Read "John Zorn Special Edition a Jazz em Agosto, Lisbona" reviewed by Stefano Merighi


John Zorn Special Edition [Prima parte] Jazz em Agosto 2018 Lisbona, Portogallo 10-15.07.2018 Da oltre un decennio John Zorn offre la sua musica dal vivo solamente acquistando un pacchetto composito di esibizioni. Vengono convocati diversi solisti, si compongono repertori e organici, si stabiliscono alcune giornate di documentazione sonora. Per ...

Article: Album Review

Steve Coleman & Five Elements: Live at Village Vanguard Vol. 1 (The Embedded Sets)

Read "Live at Village Vanguard Vol. 1 (The Embedded Sets)" reviewed by Stefano Merighi


È solamente da tre anni che gli organici di Steve Coleman si esibiscono con regolarità al Village Vanguard di New York. Ma il club, si sa, profuma di leggenda, e anche il sassofonista chicagoano non ha resistito alla sirena che reclamava il classico “live" nel tempio della Settima Avenue. Ne è valsa la pena. ...

Article: Album Review

Johnny Griffin: At Onkel Pö's Carnegie Hall

Read "At Onkel Pö's Carnegie Hall" reviewed by Stefano Merighi


Quando queste tracce vengono registrate ad Amburgo, nel 1975, il jazz è forse nel suo momento più critico, abbandonato da ampie fette di pubblico, sedotto o dalla più muscolare fusion o dal rock progressivo. A dispetto della nascita di decine di nuove formazioni e dell'incremento delle produzioni discografiche, specie negli Usa si era perso quel senso ...

Article: Album Review

Myra Melford, Zeena Parkins, Miya Masaoka: M Z M

Read "M Z M" reviewed by Stefano Merighi


Magnifico trio di veterane della musica improvvisata che superano se stesse con una musica acuminata, provocatoria, anarchica ma dall'assoluto rigore interno. Vale a dire che pur infrangendo continuamente le regole del bon ton musicale e rischiando assai nel rifiuto quasi assiomatico del discorso narrativo, il trio trova con naturalezza una conversazione paritaria ma soprattutto sensata, cpunta ...


Engage

Contest Giveaways
Enter our latest contest giveaway sponsored by Color Red Music
Jazz Polls
We'll return next year with another round of polls including favorite vocalists, saxophonists, trombonists and trumpet players. Until then, you can view the results to all our polls, here.
Publisher's Desk
Wanted: Jazz Album Liner Notes
Read on...

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.