Home » Articoli » Charles Lloyd & the Marvels: Tone Poem

Album Review

Charles Lloyd & the Marvels: Tone Poem

By

Sign in to view read count
Charles Lloyd & the Marvels: Tone Poem
Ecco il terzo lavoro di Charles Lloyd con i suoi Marvels, lo straordinario combo con Bill Frisell alla chitarra, Greg Leisz alla pedal steel guitar, Reuben Rogers al basso e Eric Harland alla batteria. Dopo I Long to See You del 2016 (con ospiti speciali come Norah Jones e Willie Nelson), e Vanished Gardens del 2018 (con -quella volta -un ospite speciale del calibro di Lucinda Williams) su Tone Poem Lloyd sceglie di lavorare senza ospiti e senza vocalist in un—per lui ormai classico—set di nove brani ancora una volta incredibilmente convincenti.

Il disco è una nuova perfetta coniugazione del verbo di Lloyd, dove la perfetta "ibridizzazione" di jazz, blues, country e rock—insomma "American music" tout court—presente nei suoi brani originali si integra organicamente con le composizioni di Ornette Coleman, Thelonious Monk, Leonard Cohen, Gabor Szabo e del cubano Bola de Nieve, dando vita ad una coerente e profonda idea jazzistica in qualche modo "totale" nella quale troviamo classici come "Peace" o "Ramblin'" di Ornette Coleman, la "country way" del Leonard Cohen di "Anthem," oppure ancora le strade originali della "Dismal Swamp" nella quale Lloyd si diverte a ribaltare "All Blues" di Miles. L'altissima cifra del lavoro contemporaneo di Lloyd credo che sia a questo punto chiara. Il tutto è frutto della sua odierna concezione dell'arte musicale che, in molte interviste, ha elevato a ruolo di guida totale: «Noi non abbiamo bisogno di politici, ma di saggi. Molti hanno la mano tesa per chiedere, io, invece, cerco di lasciare che il mio cuore sia riempito così non voglio niente. Vivo in soggezione, ubriaco di musica».

L'energia melodica di quest'uomo è impressionante e lui stesso sembra stupirsene dichiarando ancora come «alcune delle note del mio strumento, non le avevo da giovane... vogliono dire qualcosa. Per questo ho cercato un ensemble capace di armonizzarle al meglio lavorando sulla sensibilità collettiva».

Avere accanto un Frisell in stato di grazia perenne e capace di giocare con il blues, un Leisz sempre straordinariamente dinamico e quasi esotico e—per chiudere il cerchio—due autentici marziani come Rogers e Harland alla ritmica fa viaggiare diritto nel cielo la magistrale musicalità di questo bellissimo lavoro.

Odio da sempre dover dare valutazione in "stelle" ai lavori discografici (a meno di dover usare voti davvero bassi). Ascoltate questo disco e la domanda la giro poi a voi: quante stelle vorreste dare a musica talmente bella? Quattro, cinque, trenta, duecento? Lasciate perdere, chiudete gli occhi e aprite le orecchie. Questa è grande, grande musica di un grande, grande musicista.

L'album—il sesto per la Blue Note, dopo il ritorno di Lloyd all'etichetta nel 2015—è disponibile sia in CD che in una lussuosa versione in doppio vinile (che ha ispirato il nome della prestigiosa serie Blue Note per audiofili, Tone Poet)

Album della settimana.

Track Listing

Peace; Ramble; Anthem; Dismal Swamp; Tone Poem; Monk's Mood; Ay Amor (Live); Lady Gabor; Peace.

Personnel

Charles Lloyd: saxophone; Bill Frisell: guitar, electric; Greg Leisz: guitar, steel; Eric Harland: drums; Rueben Rogers: bass.

Album information

Title: Tone Poem | Year Released: 2021 | Record Label: Blue Note Records

Post a comment about this album

Tags

More

Light As Never
Linus + Økland/Van Heertum/Zach
Live At Mobydick Records
The Michael Lauren Trio

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.