Home » Articoli » Things We Like: Enzo Rocco Mistaken Standards Trio

Lyrics

Things We Like: Enzo Rocco Mistaken Standards Trio

By

Sign in to view read count
Cantina del Teatro
Soresina
29.10.2015

Mistaken Standards è il nome del trio che ha debuttato presso la Cantina del Teatro di Soresina nell'ambito della programmazione invernale allestita dall'associazione White Bird. Ma di sbagliato non c'è davvero nulla nella proposta musicale che Enzo Rocco alla chitarra, Tito Mangialajo Rantzer al contrabbasso e Ferdinando Farao alla batteria hanno presentato ad un pubblico numerosissimo, particolarmente attento e partecipe.

Gli standard certo sono il punto di partenza, che si tratti di Charlie Parker, Thelonius Monk, Sonny Rollins, Misha Mengelberg o Duke Ellington poco importa. Perché il trio inizia a lavorare sugli elementi di base e poi li trasforma attraverso deviazioni più o meno accentuate dalla linea melodica o da quella armonica, giocando su variazioni ritmiche, su improvvise accelerazioni, su invenzioni fulminanti.

Lo standard diventa così un magnifico pretesto per liberare la fantasia e la creatività dei musicisti, per esplorare territori nei quali tutto è concesso ma tutto si ricompone. È un magnifico gioco di squadra quello messo in campo da Mistaken Standards, reso possibile dall'abitudine dei tre a lavorare in contesti differenti e da un'amicizia che va oltre la semplice partnership. Oltre ad essere un profondo atto di amore verso quei Maestri, verso i loro brani e verso la musica tout court.

Foto
Danilo Codazzi

FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment

Tags

More

Jazz article: The 4th of July
Jazz article: Sassy from SuperBlue

Popular

Read Giving Thanks & Sharing the Jazz Love
Read Your Favorite Living Jazz Pianists
Read Your Favorite Living Jazz Drummers

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.