All About Jazz

Home » Articoli » Film Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

The Unity Sessions

Mario Calvitti By

Sign in to view read count
Pat Metheny
The Unity Sessions
Eagle Vision
2015

Il progetto della Unity Band è nato nel 2012 per soddisfare il desiderio di Pat Metheny di inserire un sassofonista nel suo gruppo, cosa che non succedeva dai tempi di 80/81 quando i sassofonisti erano addirittura due, Michael Brecker e Dewey Redman. La scelta del partner era caduta su Chris Potter, sicuramente uno dei migliori solisti emersi negli ultimi anni, mentre la sezione ritmica vedeva a fianco del già ampiamente collaudato batterista Antonio Sanchez un giovane contrabbassista di sicuro avvenire, Ben Williams. Il quartetto così assemblato avrebbe dovuto limitarsi a un disco e un tour, ma l'esperienza è risultata talmente soddisfacente per tutti i musicisti coinvolti che la decisione di proseguire è stata unanime. È nato cosi' l'anno successivo il disco Kin[<—>], con la Unity Band diventata nel frattempo Unity Group per l'aggiunta del polistrumentista italiano Giulio Carmassi a dare un tocco di colore addizionale alla musica, seguito da un massiccio tour mondiale che ha impegnato il gruppo per la maggior parte del 2014 con oltre 150 concerti in 4 continenti.

Il ritorno a una forma di espressione musicale più marcatamente jazzistica, dopo le esperienze non completamente riuscite con l'Orchestrion (comunque entrato a far parte fissa della sua strumentazione), le ambizioni eccessive della suite The Way Up, ultimo lavoro realizzato col Pat Metheny Group, e la troppo cerebrale collaborazione con John Zorn per il suo Book of Angels, ha messo d'accordo un po' tutti, decretando il successo del progetto anche tra quella parte del pubblico più scopertamente critica nei confronti del chitarrista per una sua presunta faciloneria e commercialità. La musica del gruppo è un efficace neo-bop moderno filtrato attraverso l'esperienza colemaniana, una delle influenze maggiori per l'evoluzione musicale del chitarrista. Ottimo l'apporto di tutti i musicisti, anche se Carmassi rimane un po' troppo in secondo piano.

Visto il miglioramento continuo della musica del gruppo man mano che l'affiatamento cresceva nel corso del tour, Metheny ha voluto documentarne l'altissimo livello raggiunto prima che scomparisse naturalmente col terminare dell'attività live, ma non semplicemente registrando o filmando uno degli ultimi concerti in programma. Questa volta il chitarrista ha voluto fornire al pubblico una visione dalla prospettiva dei musicisti, facendolo partecipare all'esperienza direttamente sul palco in mezzo alla band. È nato così questo The Unity Sessions, un live registrato in un teatro senza la presenza del pubblico in modo da catturare il meglio dell'esperienza concertistica evitando le difficoltà e i problemi tecnici del dover riprendere un vero concerto.

Nelle due ore scarse del filmato risultante i due album della band vengono riproposti quasi interamente, mentre la parte finale che segue il classico di Charlie Parker "Cherokee" è dedicata ad alcuni titoli presi dal vecchio repertorio del chitarrista, come "(Go) Get It," "Police People" dall'album con Ornette Coleman e "Two Folk Songs (1st)" da 80/81, che rivelano le radici della musica del gruppo, per terminare con un medley di temi dai suoi primi album eseguiti alla chitarra acustica in solitudine. Difficile non rimanere contagiati dall'entusiasmo che trabocca da questo ragazzone di sessant'anni, che mette sempre sincera passione in quello che suona e la trasmette a chi ascolta, aiutato in questo da un senso naturale della melodia sempre presente nella sua musica, soprattutto negli assoli, e troppo poco diffuso tra tanti altri musicisti contemporanei.

Il video è disponibile nelle due versioni DVD e Blu-Ray, completato da un'intervista al chitarrista come bonus addizionale.

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Upcoming Shows

Date Detail Price
Mar23Sat
Pat Metheny
The Kent Stage
Kent, OH
Mar28Thu
Pat Metheny
Musikfest Cafe
Bethlehem, PA
Mar30Sat
Pat Metheny
The Egg
Albany, NY
Apr3Wed
Pat Metheny
Bergen Performing Arts Center
Englewood, NJ
$39 - 99
Apr4Thu
Pat Metheny
The Space At Westbury
Westbury, NY
Apr5Fri
Pat Metheny
Rams Head On Stage
Annapolis, MD
$65
Apr5Fri
Pat Metheny
Rams Head On Stage
Annapolis, MD
$65

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Film Reviews
Green Book: A Serious Comedy and Jazz Allegory
By Victor L. Schermer
December 28, 2018
Film Reviews
Home Invasion: In Concert at the Royal Albert Hall (2CD/Blu Ray)
By John Kelman
December 22, 2018
Film Reviews
Green Book Directed By Peter Farrelly
By Mike Perciaccante
December 3, 2018
Film Reviews
Rolling Stones: Voodoo Lounge Uncut
By Doug Collette
November 17, 2018
Film Reviews
Rolling Stone: Stories From The Edge - 50 Years of Defining Culture
By Doug Collette
October 7, 2018
Film Reviews
The US Festival 1982: The US Generation
By Doug Collette
September 2, 2018
Film Reviews
Lajos Dudas: Ein Künstlerportrait
By Mark Sullivan
August 26, 2018