All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

0

Sesto Jazz 2019

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Sesto Jazz 2019
Teatro della Limonaia
Sesto Fiorentino
1-3.3.2019

Piccolo ma con proposte altamente qualificate, Sesto Jazz si è anche quest'anno articolato su tre appuntamenti nella suggestiva cornice del Teatro della Limonaia, spazio dedicato all'avanguardia artistica e alla sperimentazione della cittadina satellite di Firenze.

La prima serata, che metteva a frutto una collaborazione anche didattica condotta nei giorni precedenti, vedeva in scena la Rainbow Jazz Orchestra, ospite il giovane e talentuoso sassofonista olandese Ben van Gelder. La Rainbow è un raro esempio di orchestra jazz dotata di una certa stabilità (esiste da oltre cinque anni anche se, com'è purtroppo ovvio, le occasioni per suonare non sono moltissime), composta da ottimi musicisti, giovani e meno giovani, dell'area fiorentina; la dirige e si occupa degli arrangiamenti Duccio Bertini, cinquantenne compositore fiorentino che vive tra l'Italia e la Spagna ma lavora anche in altre parti d'Europa, spesso a capo di orchestre simili -come la Futura Jazz Orchestra o la Duccio Bertini Jazz Band, che ha sede a Barcellona. Negli ultimi anni ha realizzato con la Rainbow vari progetti originali; quello di quest'anno s'intitolava Both Directions: The Music Of John Coltrane, denominazione che indicava chiaramente il contenuto musicale.

Una sfida non da poco affrontare con un organico orchestrale la musica di Coltrane, incentrata com'è sulle personalità dei solisti e della prima voce in particolare; una sfida che destava qualche perplessità veder affidata a un sassofonista come Van Gelder, un contralto raffinato e certo poliedrico, ma anche apparentemente molto rilassato nelle sue forme espressive, quindi lontano dalla personalità torrenziale e spesso estrema di Coltrane. Eppure, alla prova dei fatti, una sfida pienamente vinta.

L'ora abbondante di musica è infatti iniziata con un brano privo dell'ospite, nel quale i fiati si sono alternati nei soli come in una classica big band, per poi proseguire con brani più e meno noti del sassofonista di Hamlet, affidando quasi sempre il ruolo del solista a Van Gelder e anzi lasciandolo occasionalmente suonare in quartetto, sempre con esiti eccellenti. Ciò grazie alla virtuosa interazione tra lo stile dell'olandese e il lavoro dell'orchestra a suo supporto. Il primo si è certo confermato distante dalla pronuncia coltraneana, ma anche vario nelle forme espressive, mai ripetitivo nelle scelte di fraseggio e -forse soprattutto -spettacolare nella gestione dell'intensità dinamica: un musicista singolare, che in certa misura ripropone in forma aggiornata e non emulativa la lezione al contralto di Lee Konitz. La seconda, dal canto suo, ha costruito una cornice sorprendentemente appropriata al lavoro del solista, con un equilibrio che le permetteva di evitare atmosfere eccessivamente elaborate e cesellate -che avrebbero conflitto con lo spirito dei brani di Coltrane -pur ampliando lo spettro timbrico e arricchendo il discorso sviluppato da Van Gelder. Merito certo dell'ottimo affiatamento dei musicisti, ma soprattutto degli arrangiamenti di Bertini, al quale spetta una menzione particolare.

Da notare, nel bis, un imprevisto (anche per loro) duetto improvvisato tra Van Gelder e il pianista Francesco Maccianti, a tal punto riuscito da lasciare senza parole.

Dopo il concerto dell'inedito duo di Simone Graziano e David Binney, del quale non possiamo dar conto, il terzo e ultimo giorno del festival ha visto di scena il quintetto Starebaby del batterista Dan Weiss, una vera all stars che vedeva accanto al leader Craig Taborn e Matt Mitchell a pianoforte, tastiere e synth, Ben Monder alla chitarra e Trevor Dunn al basso elettrico.

La formazione, molto attesa, ha proposto una musica dalla forte intensità dinamica, sostenuta da un Dunn forse un po' sacrificato al ruolo di metronomo e dal leader, che invece dal centro della scena dettava i tempi con la sua batteria. I due tastieristi sono stati i protagonisti principali della serata, alternandosi all'unico pianoforte (in un brano suonato addirittura in coppia) e per il resto dedicandosi ai sintetizzatori, uno ciascuno di diverso tipo, dai quale hanno tratto sonorità di ogni genere, caratterizzando il colore complessivo della musica. Al pianoforte hanno proposto approcci diversi, mai strettamente lirici ma ora percussivi, ora più fraseggiati, talvolta minimalisti e ossessivi, così da creare un mobile contrasto con le sonorità elettroniche e con l'intensità della ritmica. Monder, dal canto suo, oltre ad affiancare coloristicamente basso e batteria, si proponeva come alternativa al lavoro delle tastiere, intervenendo in assolo e offrendo tutto sommato i momenti più raffinati e timbricamente sfaccettati del concerto.

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Live Reviews
Radio
Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Rhythm In Every Guise
Album Reviews
Read more articles
Starebaby

Starebaby

Pi Recordings
2018

buy
Sixteen: Drummers Suite

Sixteen: Drummers...

Pi Recordings
2016

buy
Fourteen

Fourteen

Pi Recordings
2014

buy
 

Timshel

Sunnyside Records
2011

buy
Jhaptal Drumset Solo

Jhaptal Drumset Solo

Chhandayan Production
2011

buy
Timshel

Timshel

Sunnyside Records
2010

buy

Related Articles

Live Reviews
Vossa Jazz Festival 2019: Jazz Folk Meet by the Lake
By Josef Woodard
April 22, 2019
Live Reviews
Doug Perkins and Jamie Masefield At The Double E Performance Center
By Doug Collette
April 21, 2019
Live Reviews
Carla Bley's Trio at the Jazz Standard
By Akinfe Fatou
April 21, 2019
Live Reviews
Jamey Johnson, with Kelsey Waldon and Chris Hennessee, at The Paramount
By Mike Perciaccante
April 20, 2019
Live Reviews
Pat Metheny at The Space at Westbury
By Mike Perciaccante
April 12, 2019
Live Reviews
Arpeggio Jazz Ensemble "Bebop" Concert at Woodmere Art Museum
By Victor L. Schermer
April 10, 2019