All About Jazz

Home » Articoli » General Articles

2

Save the Date - Luglio 2014

Luca Canini By

Sign in to view read count
Impazza l'estate, impazzano i festival. Rassegne, eventi, raduni, piazze, castelli, arene, vicoli, spettatori sudati che non sanno come sbarazzarsi della coppetta del gelato appena trangugiato, bambini aggrappati ai passeggini, improbabili canotte, pelli bruciacchiate, aperitivi in ogni dove e concerti a non finire. Ma di qualità poca. L'infilata di meraviglie che ha caratterizzato la primavera è un pallido ricordo. Sale la temperatura e si torna al dozzinale. Troppi quelli che puntano sui nomi di richiamo, pochi quelli che cercano di salvare capra e cavoli, alternando i big a presa sicura (o presunti tali) a qualche proposta al di sopra della media. A queste ultime guardiamo e a queste ultime ci aggrappiamo per tenere duro in attesa di tempi migliori per chi ama davvero il jazz.

11-20 Luglio—Perugia. Umbria Jazz. Croce e delizia. Più croce che delizia a dire il vero. Ma in mezzo all'immancabile ciarpame, alle proposte di regime e agli odiosi fuori tema (The Roots, Dr. John, Fiorella Mannoia, Natalie Cole, Mario Biondi) c'è la possibilità di ritagliarsi qualche ora all'insegna della buona musica. In particolare seguendo le tracce di Young Jazz, cartellone nel cartellone che allinea ottime cose: Cristiano Arcelli , Alfonso Santimone, Fabrizio Puglisi, Giovanni Di Domenico, Gaia Mattiuzzi, i Frontal di Simone Graziano (con ospite David Binney), Colin Stetson e persino gli Original Pigneto Stompers di Piero Bittolo Bon (con Jamaaladeen Tacuma). E se da un lato l'operazione sa un po' di riserva indiana (per non parlare del disagio che provoca un Fabrizio Puglisi etichettato come "young," e non solo per questioni anagrafiche), dall'altro fa piacere che a Perugia abbiano deciso di spalancare una finestra sul nuovo e sul fresco. Benarrivati.

12-18 Luglio—Monforte D'Alba, Modigliana, Catania, Milano e Roma. Cala in Italia Arto Lindsay, padre folle della No Wave, collaboratore e consulente di decine di artisti, musicista e sperimentatore che ha sempre qualcosa di interessante da dire. Ad accompagnarlo ci sarà Marc Ribot. Un buon motivo in più per non farselo scappare. Saranno a Monforte d'Alba, in Piemonte, il 12, a Modigliana, in Romagna, il giorno dopo, ai Mercati Generali di Catania il 15, a Villa Arconati, a due passi da Milano, il 16 e a Roma il 18. Andateci se potete. Arto non delude. Mai.

14-16 Luglio—Pistoia, Udine e Roma. Triplo appuntamento con il Tuareg Goumar Almoctar, in arte Bombino. Il cantante e chitarrista che viene dal Niger, e che di recente ha avuto l'onore (qualcuno dice la sfortuna) di essere prodotto da Dan Auerbach (l'inventore dei nuovi Black Keys), sarà al Pistoia Blues il 14, a Villa Manin il 16 e nella Capitale il 20 per presentare il recente Nomad, uscito per la Nonesuch. Che dite? È stato ospite di Fabio Fazio? No, non era lui. Ne sono (quasi) sicuro. Voi intanto andate a vederlo. Ma non fate pazzie. Tornerà in Italia ad agosto.

18 Luglio-3 Agosto—Clusone. Resiste Clusone. Nonostante i tagli e le difficoltà. Edizione numero 34, la prima del dopo Livio Testa. Al timone il nuovo direttore artistico, Gaetano Bordogna. Confermata la formula itinerante tra bergamasca e bresciano. Da non perdere le 18 corde del quartetto formato da Silvia Bolognesi, Eloisa Manera, Marco Remondini e Valerio Scrignoli (produzione originale), il violino solo di Emanuele Parrini, il duo Pasquale Mirra-Hamid Drake e Daniele Cavallanti & The Brotherhood Crative Trans Music Ensemble, formazione ad alto tasso di energia che allinea Massimo Falascone, Beppe Caruso, Luca Calabrese, Gianluigi Trovesi, ancora Silvia Bolognesi ed Emanuele Parrini, Gianluca Alberti, Tiziano Tononi e Alberto Tacchini. Che squadrone!

18-19 Luglio—Montalcino e Salerno. Ripassano The Bad Plus, il più accattivante piano trio in circolazione. Ethan Iverson, Dave King e Reid Anderson saliranno sul placo del Jazz & Wine di Montalcino il 18 e su quello allestito a Villa Guariglia il 19. Una garanzia.

30 Luglio-2 Agosto—Terracina. È un piacere tenere a battesimo un nuovo festival. Soprattutto quando il programma punta sulla qualità, sulle proposte al di sopra della media alle quali si accennava in apertura. Cinque le serate del Terracina Jazz Fest, a partire da quella inaugurale riservata al trombone solo di Sebi Tramontana. E poi via con l'MC3 trio del sassofonista- clarinettista Marco Colonna, i Dinamitri Jazz Folklore, i Sudoku Killer della contrabbassista Caterina Palazzi, il trio Luz (Giacomo Ancillotto alla chitarra, Igor Legari al contrabbasso e Federico Leo alla batteria) e infine il solo di Mike Cooper, alchimista delle sei corde. Buon ascolto.

Foto
Moira Ricci.

Tags

Jazz Near Milan
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles