Home » Articoli » Album Review » Andy Sheppard: Romaria

Andy Sheppard: Romaria

By

Sign in to view read count
Andy Sheppard: Romaria
ECM rappresenta quasi per antonomasia un'estetica della sottrazione, fatta di tempi dilatati, atmosfere rarefatte e poche, a volte pochissime, note: solo le note necessarie, come vuole la massima di Joao Gilberto da cui prende il titolo l'autobiografia di Enrico Rava, un artista che non a caso ha legato il suo nome a quello dell'etichetta di Manfred Eicher. A quest'estetica è fedele Andy Sheppard: lo conferma questo Romaria, secondo album del quartetto che il sassofonista inglese ha formato insieme al chitarrista Eivind Aarset, al bassista Michel Benita e al batterista Sebastian Rochford. Il primo lavoro, Sourrended by Sea, è del 2014. Il quartetto è a sua volta l'espansione, con l'ingresso di Aarset, del preesistente trio che nel 2011 aveva registrato —sempre per ECM —il disco Trio Libero.

La militanza ultraventennale nelle formazioni di Carla Bley ha indubbiamente influito sulla scrittura di Sheppard, uno dei cui tratti più immediatamente riconoscibili è la ricerca della cantabilità. Una vocazione che si ritrova immutata in Romaria. Tutti i brani sono composizioni originali del leader: fa eccezione solo la title track, una canzone dell'autore Brasiliano Ranato Teixeira interpretata anche da Ellis Regina. I temi sono costruiti su armonie essenziali, per lo più semplici successioni di accordi, oppure singoli modi (come in "Thirteen"). Certo Sheppard non è il solo a percorrere questa strada, ma la sua scelta compositiva è tutt'altro che scontata, quando in quell'arcipelago di musiche che sogliamo accomunare sotto il nome di "jazz" è ancora forte, forse prevalente, la tendenza a saturare, a non lasciare vuoti. I temi stessi rifuggono l'astrattezza, per via di quella vocazione al canto di cui si diceva, e si risolvono in melodie che mirano al pathos.

Ne risulta un'attitudine pop (la quarta traccia del disco s'intitola proprio così, "Pop"), che però il quartetto declina in un suono elettroacustico molto personale, sommatoria fedele delle individualità dei musicisti. Evind Aarset fa esattamente quello che ci si aspetta da lui, e lo fa davvero come nessun altro: le sue orchestrazioni danno ampiezza e profondità al suono della band, sia quando accompagna in maniera più canonica ("Romaria," "Whith Every Flower That Falls"), sia quando espande i limiti espressivi della chitarra elettrica nel modo che lo ha reso celebre, ciò che qui fa soprattutto in "They Came from the North." Michel Benita si dimostra a suo perfetto agio sia nell'intrecciare dialoghi contrappuntistici con Sheppard, come nella bella introduzione a "Romaria," sia nel sostenere la ritmica con i riff ("Thirteen," "All Becomes Again"). Seb Rochford, il cui impressionante curriculum dà l'idea della sua versatilità (con collaborazioni che spaziano da Herbie Hancock a Patty Smith, senza dimenticare la sua band, i Polar Bear), qui si rivela il più affezionato dei quattro al jazz inteso in senso più (ma non troppo) stretto e idiomatico: lo swing emerge spesso nel suo drumming, soprattutto sui tempi rapidi ("Thirteen").

Come buona parte dei dischi che si possono ascrivere alla corrente principale del suono ECM, anche Romaria avrà estimatori e detrattori. E in questo sta la forza della proposta di Manfred Eicher e dei musicisti della sua etichetta: mantenere la fedeltà a un pensiero artistico coerente, che —essendo un vero pensiero —genera divisioni.

Track Listing

And a Day...; Thirteen; Romaria; Pop; They Came from the North; With Every Flower That Falls; All Becomes Again; Forever...

Personnel

Andy Sheppard
saxophone

Andy Sheppard: tenor and soprano saxophones; Eivind Aarset: guitar; Michel Benita: double bass; Sebastian Rochford: drums.

Album information

Title: Romaria | Year Released: 2018 | Record Label: ECM Records


< Previous
Restroy

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Hills & Valleys
Superlocrian
Stick Together
Behn Gillece
Circles
Friends & Neighbors
Unknown Rivers
Luke Stewart Silt Trio

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.