Home » Articoli » Brian Landrus: Red List

Album Review

Brian Landrus: Red List

By

Sign in to view read count
Brian Landrus: Red List
L'undicesimo disco di Brian Landrus è un progetto a difesa di tredici specie animali minacciate di estinzione. Vegetariano dell'età di 12 anni e poi vegano, il sassofonista di Reno (Nevada) ha sempre operato a sostegno del mondo animale. Per sua stessa ammissione è questa la passione della sua vita, assieme al jazz.
L'anno scorso, dopo aver aperto una sottoscrizione su Gofundme.com, Brian ha raccolto un settetto base più ospiti, per registrare quindici nuove composizioni dedicate alle specie minacciate, sensibilizzare il pubblico e raccogliere fondi per l'associazione Save The Elephants.
Con partner di primo piano (tra cui Ryan Keberle, Geoff Keezer, Nir Felder, Lonnie Plaxico, Rudy Royston, Jaleel Shaw), Landrus offre un nuovo esempio delle sue doti di strumentista al sax baritono e al clarinetto basso e di compositore/arrangiatore.
Erede dell'ingegno compositivo di Gerry Mulligan e allievo di Bob Brookmeyer al New England Conservatory, Brian presenta un modern mainstream ricco di groove, acceso di smaglianti colori e caratterizzato da varietà espressiva. Un fresco percorso con temi dallo sviluppo mai scontato, in cui c'è ampio spazio per assoli e interscambi serrati. Molti brani si snodano su danzanti rimiche funk, rock e reggae mentre la tensione tra lunghi interventi personali e lussureggianti armonizzazioni orchestrali diventa elettrizzante.
Accanto all'imponente sax baritono e al clarinetto basso del leader, sono particolarmente in evidenza Nir Felder alla chitarra elettrica, Ryan Keberle al trombone e Geoff Keezer al piano e tastiere. Per chi ama le timbriche gravi l'accoppiata Keberle/Landrus è un vero motivo di soddisfazione.
La chiarezza melodica (negli arrangiamenti e negli assoli) è centrale tanto quando la tensione ritmica, sia nelle ballad e nei brani a tempo moderato che in quelli serrati. Tra i primi ricordiamo la seducente "The Distant Deeps" (con Landrus al flauto basso in unisono con la voce di Corey King), tra i secondi l'ammaliante reggae "Save The Elephants" mentre tra i momenti incalzanti abbiamo "Canopy Of Trees"e "Javan Rhino," con esemplari interventi del leader in entrambi. Il percorso musicale è costellato da brevi interventi in solitudine di Landrus e di alcuni partner.

Album della settimana

Track Listing

Canopy Of Trees; The Red List; Giant Panda; Nocturnal Flight; Tigris; The Distant Deeps; Save The Elephants; Mariana Dove; Bwindi Forest; Congo Basin; Leatherbacks; Upriver; Only Eight; Vaquita; Javan Rhino

Personnel

Brian Landrus: saxophone, baritone; Ryan Keberle: trombone; Nir Felder: guitar; Geoffrey Keezer: keyboards; Lonnie Plaxico: bass; Rudy Royston: drums.

Additional Instrumentation

Featured musicians: Jaleel Shaw: alto sax 5,14; Ron Blake: tenor sax 2,9,10; Steve Roach: trumpet, fluegelhorn 1,4,7,12,15; Corey King: vocals 1,6,11.

Album information

Title: Red List | Year Released: 2022 | Record Label: Palmetto Records

Post a comment about this album

Tags

More

Live At Mobydick Records
The Michael Lauren Trio
Dream Dancing
Naama Gheber
Brooklyn Calling
Stan Killian

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.