All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Ron Miles: Rainbow Sign

Mario Calvitti By

Sign in to view read count
Ron Miles: Rainbow Sign
Per il suo esordio su etichetta Blue Note, il trombettista Ron Miles riunisce nuovamente il quintetto stellare con cui aveva inciso il precedente I Am a Man, Bill Frisell alla chitarra, Brian Blade alla batteria, Jason Moran al piano e Thomas Morgan al contrabbasso. Il gruppo era a sua volta l'evoluzione di un trio con Frisell e Blade che aveva già realizzato due album, Quiver e Circuit Rider, per non parlare di Heaven in duo con Frisell oltre alle numerose partecipazioni di Miles a progetti del chitarrista.

Non si tratta comunque di una all-star session come spesso succede in questi casi, ma di un gruppo chiamato a interpretare un preciso progetto del trombettista, autore di tutte le composizioni dell'album. La musica è l'espressione di un mainstream moderno, che rielabora forme e stili del jazz come blues e bop scomponendo e ricombinando gli elementi in maniera imprevedibile, in modo da mantenere sempre viva l'attenzione dell'ascoltatore facendogli mancare i punti di riferimento costanti. Così è ad esempio nel lungo brano che apre il disco, "Like Those Who Dream"; dopo un inizio dove gli strumenti interagiscono senza forma il gruppo si compatta su una frase del contrabbasso che dà il via a un lungo intermezzo melodico che a sua volta sfocia in un blues che fornisce la base per alcuni assoli dei musicisti, prima di terminare in modo abbastanza improvviso.

Miles lascia molto spazio ai suoi compagni, in particolare a Frisell che dimostra di trovarsi perfettamente a proprio agio con le composizioni del trombettista come se fossero le sue, favorito anche dalla lunga collaborazione che ha contribuito a creare tra i due una grande intesa. Un po' più defilato l'apporto del pianista, che si mette al servizio del progetto comune senza far troppo risaltare la propria personalità, ma in definitiva è il collettivo che funziona come un tutto unico, grazie anche alla scrittura del leader che assegna a tutti un ruolo ben preciso e paritario.

L'album è un ottimo esempio di jazz contemporaneo, pienamente apprezzabile anche se non del tutto originale o innovativo, ma che necessita di ripetuti ascolti per rivelare un po' alla volta tutti i suoi pregi, crescendo nel tempo.

Track Listing

Like Those Who Dream; Queen of the South; Average; Rainbow Sign; The Rumour; Custodian of the New; This Old Man; Binder; A Kind Word.

Personnel

Ron Miles: cornet; Bill Frisell: guitar, electric; Jason Moran: piano; Brian Blade: drums; Thomas Morgan: bass, acoustic.

Album information

Title: Rainbow Sign | Year Released: 2020 | Record Label: Blue Note Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Genealogy
CODE Quartet
First Mile
Lamb Anderson Sorgen
What are the Odds?
Dennis Winge
Untucked In Hannover
Tom Rainey Obbligato
Aliens & Wizards
The Spike Wilner Trio
Manhattan Samba
Hendrik Meurkens
Almost Alone Vol 1
Samo Salamon & Friends

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.