All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Dino Betti van der Noot: Où sont les notes d’antan?

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Dino Betti van der Noot: Où sont les notes d’antan?
Questo nuovo capitolo della ormai corposa discografia di Dino Betti arriva ancora una volta in prossimità del suo compleanno (ottantuno il 18 settembre, ma chi potrebbe portarli meglio di lui, nelle più disparate accezioni, creativa in primis?), però con un preambolo che molte delle precedenti opere non si erano potute permettere: un rodaggio live, frutto di un concerto alla Bocconi nell'aprile 2016 e altri due al No'hma Teresa Pomodoro nel marzo di quest'anno, a ridosso dei quali ultimi il disco è stato non a caso registrato.

Cosa c'è di strano, si dirà? Parecchio. Dino è sempre stato uomo (nel senso di musicista) prevalentemente di penna (cioè di scrittura), di prove e incisioni rigorosamente in studio, con non pochi patemi nel riunire i suoi uomini su un palco, per le difficoltà di spostamenti, concomitanze di date, ovviamente ingaggi, visto che muovere un'orchestra di venti elementi non costa due lire.

Stavolta no. Stavolta ci sono state quelle opportunità concertistiche e non è cosa di poco conto. Sarà forse per questo che Où sont les notes d'antan?, titolo anche del brano d'apertura e dei due concerti al No'hma, con un chiaro rimando a Villon via Brassens (lì le note erano in realtà nevi, neiges), è gemma fra le gemme, magari infinitesimalmente, ma persino più lucente di tanti precedenti lavori che pure hanno fatto razzia di premi nel corso degli anni, con una sinergia praticamente perfetta fra obbligati e apporti solistici.

La grandezza di un compositore, si sa, a partire dall'amatissimo (da Dino e ovviamente da tutti noi) Ellington, sta in quanto, con la propria scrittura, egli riesce a "condizionare," o meglio a suggestionare, l'approccio dei solisti: da qui nasce quell'alchimia che fa appunto cogliere nell'assolo un proseguimento del tutto naturale del tessuto compositivo, una sua compenetrazione, portando non di rado chi improvvisa là dove magari, da solo, non sarebbe neppure arrivato.

In questo splendido album le situazioni del genere sono costanti, nel momento in cui la scrittura bettiana si muove per chiazze di colore (microtemi, se vogliamo), evitando il tematismo spicciolo (discorsivo, narrativo) proprio del song, con un impatto anche forte, deciso, sferico, marmoreo, a volte, che il solista tende poi a srotolare, a sdipanare a suo piacimento, non potendo però fare a meno di tener conto da dove era partito, dove si era trovato immerso, con che cosa deve convivere, anche in previsione di ciò che verrà dopo. Perché il corpus orchestrale, massiccio o a ranghi più ridotti, finirà comunque per riassorbirlo, reinghiottirlo, rimpallando di continuo i vari elementi in gioco (tutti/solo, solo/solo, ecc.) in un corpus ormai padrone di una cifra stilistica riconoscibilissima, incontestabile, piena di sottigliezze o, per contro, marcata corporeità, ora allusiva e ora solenne, sempre di un rigore stringente tanto quanto screziata, felicemente articolata.

Sarebbe ora magari il caso di entrare nel dettaglio dei cinque brani che compongono il disco ma riterremmo in tal modo di togliere pathos all'ascolto diretto, irrinunciabile. Provvederanno, nel caso, le note di copertina che per una volta Dino Betti ha ritenuto (molto opportunamente) di stendere di persona, non mancando di accompagnare il disco con un ulteriore testo illustrativo in cui parla fra l'altro di "una musica più libera, giocata e partecipativa rispetto agli album precedenti, con molta scioltezza e un po' di humour anche quando ha dei contenuti problematici." Altro da aggiungere?

Track Listing

Où sont les notes d’antan?; That Muddy Mirror; Velvet Is the Sound of Drums – From Afar; The Paths of Wind; Threading the Dark-Eyed Night.

Personnel

Gianpiero Lo Bello, Alberto Mandarini, Mario Mariotti, Paolo De Ceglie: trumpet, flugelhorn; Luca Begonia, Stefano Calcagno, Enrico Allavena: trombone; Giancarlo Marchesi: bass trombone; Sandro Cerino: flutes, bass clarinet, alto saxophone; Andrea Ciceri: alto saxophone; Giulio Visibelli: flute, tenor saxophone; Rudi Manzoli: tenor saxophone; Gilberto Tarocco: clarinet, baritone saxophone; Emanuele Parrini: violin; Luca Gusella: vibes; Niccolò Cattaneo: piano; Filippo Rinaldo: keyboards; Vincenzo Zitello: harp; Gianluca Alberti: electric bass; Stefano Bertoli, Tiziano Tononi: drums, percussions; Dino Betti van der Noot: direction.

Album information

Title: Où sont les notes d’antan? | Year Released: 2017 | Record Label: Stradivarius

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Freedom Fables
Freedom Fables
Nubiyan Twist
Read Auge
Auge
Aki Takase / Christian Weber / Michael Griener
Read Son Of Nyx
Son Of Nyx
Tamil Rogeon
Read Solo/Duo
Solo/Duo
Eli Wallace/Beth McDonald
Read Solo
Solo
Daniel Rotem
Read Immigrance
Immigrance
Snarky Puppy

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.