Home » Articoli » Album Review » Sun Ra Arkestra: Nothing Is... Completed & Revisited

Sun Ra Arkestra: Nothing Is... Completed & Revisited

By

Sign in to view read count
Sun Ra Arkestra: Nothing Is... Completed & Revisited
L'etichetta svizzera Ezz-thetics sta facendo un lavoro eccellente con capolavori degli anni sessanta riproposti in edizione da loro stessi definita 'revisited' che cerca di fare ordine e chiarezza anche su momenti un po' dimenticati che meritano di essere riscoperti e pienamente apprezzati.

Tutto questo è ancora più necessario quando ci troviamo alle prese con la discografia di Sun Ra, uno dei primi artisti a scegliere di auto-prodursi con la mitica etichetta Saturn, piena di episodi memorabili ma spesso approssimativa con le informazioni discografiche.

Questo Nothing Is... Completed & Revisited cerca con successo di ricostruire una dei periodi più fecondi dell'Arkestra e lo fa aggiungendo porzioni di musica che non erano presenti nell'LP originale che riportava registrazioni dal vivo del 1966. Le aggiunte e integrazioni ci permettono di apprezzare una sorta di primo set di un concerto chilometrico.

L'album aveva avuto una genesi tormentata. Inizialmente doveva uscire per la ESP nel 1967/68 col titolo The Heliocentric Worlds of Sun Ra Volume III, ma poi era stato cancellato. Alla fine era uscito come Nothing Is... nel 1969. In anni più recenti ci sono state ulteriori edizioni in CD con brani aggiunti e ordine di esecuzione adattato, ma solo in questa occasione sembra che le cose siano state finalmente ricostruite fedelmente. Il concerto si era tenuto il 18 maggio del, 1966, in una sala della St. Lawrence University, a Potsdam, 350 miglia a nord di New York.

L'Arkestra era in una delle sue formazioni classiche con i celebri sassofonisti Marshall Allen, John Gilmore, Pat Patrick e con altri ben noti collaboratori. In totale sono sul palco una dozzina di musicisti in gran forma, pronti a dimostrare grande devozione per le dinamiche governate da un leader fortemente carismatico come Sun Ra. Il repertorio è una sorta di pot-pourri che mette assieme i tipici space chants dell'Arkestra con divagazioni in area swing (lontani ricordi della collaborazione di Sun Ra, negli anni quaranta, con l'orchestra di Fletcher Henderson) e stratificazioni di sapori esotici che ci trascinano in territori del tutto inusuali. I ritmi sono efficacemente sostenuti dal bassista Ronnie Boykins e dal batterista Clifford Jarvis, coppia molto solida e affiatata.

L'avere ricostruito l'esatto ordine di esecuzione permette di apprezzare ancora meglio le dinamiche e l'up and down delle tensioni che modulano i sentimenti e trascinano in un vortice le nostre emozioni. In questo Sun Ra è un vero maestro e per chi ha avuto la fortuna di vederlo dal vivo l'ascolto di questo CD è una conferma di una magia non verbalmente decifrabile. Per chi non ha avuto questa possibilità invece, rimane una soluzione radicale: premete play, chiudete gli occhi e immergetevi in questo amalgama sonoro che vi trascinerà in un'altra dimensione. Alla fine, magari scoprirete di essere arrivati in un altro pianeta. Saturno?

Album della settimana.

Track Listing

Sun Ra and His Band from Outer Space; The Shadow World; Theme of the Stargazers; Outer Spaceways Incorporated; Next Stop Mars; Dancing Shadows; Imagination; Second Stop Is Jupiter; Exotic Forest; Velvet; Outer Nothingness; We Travel the Spaceways.

Personnel

Sun Ra
piano
Marshall Allen
saxophone, alto
John Gilmore
saxophone, tenor
Pat Patrick
saxophone
Robert Cummings
clarinet, bass
Ali Hassan
trombone
Teddy Nance
trombone
Carl Nimrod
percussion
Ronnie Boykins
bass, acoustic
James Jacson
bassoon
Additional Instrumentation

Sun Ra: clavioline, piano; Teddy Nance: trombone; Ali Hassan: trombone; Marshall Allen: oboe, alto saxophone, flute, piccolo; John Gilmore: tenor saxophone; Pat Patrick: baritone saxophone; Robert Cummings: bass clarinet; James Jacson: lightning drum, flute; Ronnie Boykins: bass, tuba; Carl Nimrod: sun horn, gong; Clifford Jarvis: drums; Unknown: drums; Ensemble: vocals, percussion.

Album information

Title: Nothing Is... Completed & Revisited | Year Released: 2022 | Record Label: Ezz-thetics

Comments


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Light Streams
John Donegan - The Irish Sextet
Korean Fantasy
Kim Dae Hwan / Choi Sun Bae
Verbs
Simon Nabatov 3 + 2

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.