All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

3

Pino Palladino, Blake Mills: Notes with Attachments

Emmanuel Di Tommaso By

Sign in to view read count
Pino Palladino, Blake Mills: Notes with Attachments
Pino Palladino e Blake Mills firmano uno dei dischi più attesi dell'anno. Il polistrumentista e produttore californiano viene da un 2020 molto intenso, caratterizzato dall'uscita del suo album solista Mutable Set e da una serie di preziose collaborazioni con artisti del calibro di Bob Dylan e di Perfume Genius, che hanno realizzato due dei migliori dischi dello scorso anno. Palladino è uno di quei musicisti che non hanno bisogno di presentazioni e per i quali la lista delle collaborazioni parla da sé: The Who, D'Angelo, Erykah Badu, Nine Inch Nails, Paul Young, John Mayer, solo per citarne alcuni fra i più importanti.

Ciò che è interessante è innanzitutto il fatto che Notes with Attachments doveva essere il primo disco solista di Palladino dopo oltre un quarantennio di musica suonata con al top. In un arco di lavoro che comprende sostanzialmente gli ultimi due anni e mezzo, la genesi dell'album si è evoluta invece nella direzione di un'opera collaborativa, transgenere, ricca di diverse influenze e suggestioni, perfettamente al passo con il nostro tempo: il risultato finale è infatti un flusso di otto tracce fra loro profondamente varie per ritmi, temi, armonie e combinazioni di sonorità. Nonostante ciò, l'impronta del tandem resta comunque indelebile: fin dai primi ascolti risulta evidente come la collaborazione fra Palladino e Mills, con quest'ultimo impegnato a trasformare in suono concreto le incontenibili visioni del bassista gallese di origini molisane, sia spontanea e fortesemente complementare.

Il brano di apertura, primo singolo che ha anticipato l'uscita del long-playing, è emblematico della dimensione "fusion"—nel senso più autentico del termine—di tutto il disco: "Just Wrong" è una suggestiva sonata a metà fra D'Angelo, Pet Sounds dei The Beach Boys e la chanson française, con le pulsioni particolarmente zappiane del giro di basso di Palladino che trascinano fino a quell'intreccio finale di fiati che avvolge in sé la melodia. La notturna "Soundwalk," con il suo andamento claudicante e quel ritmo irresistibilmente visivo, fa pensare sul serio a un Charlie Parker che gira con il sax di notte per le strade di New York senza un posto dove andare ma respirando a pieni polmoni le infinite vibrazioni offerte dallo spazio urbano. "Ekuté" è impreziosita invece dalla leggerezza del dialogo fra il violino di Andrew Bird e il clarinetto kingcrimsoniano di Marcus Strickland, mentre il basso levantino di Palladino viene assorbito nelle distorsioni fuzz della chitarra di Mills.

Versatilità e duttilità sono le caratteristiche principali del sound di Palladino, capace di irradiare una compostezza sinuosa alle composizioni. Lo dimostrano da un lato l'afflato cosmico in stile Jaco Pastorius e Weather Report della breve ma intensa title-track, dall'altro la progressione altalenante fra beat e art-rock di "Chris Dave," che pare un labirinto nato dalla mente di Captain Beefheart. Nel finale c'è anche spazio per la malia funk-orientalistica di "Djurkel" e di "Man from Molise," in cui Sam Gendel e Chris Dave fanno definitivamente esplodere i confini tra dissonanze e stasi, e per il minimalismo in salsa funk di "Off the Cuff" che chiude il cerchio. Eleganza e misura prevalgono, non c'è spazio per assoli o virtuosismi, la coesione fra le parti è granitica.

L'estrema eterogeneità degli elementi e dei generi in gioco così come delle soluzioni e delle interrelazioni adottate, conferisce a Notes with Attachments un tono da colonna sonora del decennio agli albori, caratterizzato da una società sempre più fondata sull'ibridismo, sull'impermanenza e sulla fusione fra culture diverse. Un disco necessario, che svela un messaggio ancora più importante: la musica può essere la casa comune in cui le diversità diventano ricchezza.

Album della settimana.

Track Listing

Just Wrong; Soundwalk; Ekuté; Notes With Attachments; Djurkel; Chris Dave; Man From Molise; Off The Cuff.

Personnel

Pino Palladino: bass, electric; Blake Mills: guitar.

Additional Instrumentation

Pino Palladino: semi-acoustic bass, bass harmonica, bass, polyphonic bass synthesizer, calabash, guitars, fretless bass, Fender bass; Blake Mills: berimbau, nylon string guitar, electro guitar, Coral electric sitar, DI Neve Fuzz, percussion, polyphonic guitar synthesizer, rubberized guitar, ngoni, fixed reeds, string synthesizer, e-flute with Direct String Synthesizer, fretless baritone guitar, drums, slide guitar, marimba, wordless vocals; Chris Dave: drums, baby kit, percussion, clavinet, Rhodes, brushes; Sam Gendel: Poly-Sax with BOSS Super Shifter, saxophones; Larry Goldings: Mellotron saxophone, celeste, Hammond B3, Prophet V; Rob Moose: viola, violin; Jacques Schwarz-Bart: sax section; Bruce Flowers: IZotope synthesizer; Andrew Bird: violin; Marcus Strickland: bass clarinet, saxophone; Ted Poor: prepared piano; Ben Aylon: Senegalese percussion; Matt Chamberlain: timbales.

Album information

Title: Notes with Attachments | Year Released: 2021 | Record Label: Impulse! Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

A Conversation
Tim Hagans-NDR Big Band
Die Unwucht
Christopher Kunz & Florian Fischer
In Space
The Luvmenauts
Afrika Love
Alchemy Sound Project

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.