All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Metastasio Jazz 2019

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Metastasio Jazz 2019
Varie sedi
Prato
5-25.2.2018

Preceduto da un concerto del quartetto di Roberto Ottaviano in collaborazione con il Pinocchio di Firenze e da uno della New Talents Jazz Orchestra diretta da Mario Corvini, poi inaugurato ufficialmente da uno spettacolo teatral-musicale—Tempo di Chet, racconto della vita di Chet Baker coronato dalla musica del trio di Paolo Fresu—il festival Metastasio Jazz era quest'anno dedicato a "Storie e viaggi in jazz," filo conduttore che ha attraversato i suoi numerosi appuntamenti distribuiti su oltre due settimane.

Lunedì 11 febbraio, al Teatro Fabbricone, il doppio concerto all'insegna dei "Viaggi in trio" è stato aperto dall'omaggio tributato alla musica di Sun Ra da Antonino Siringo. Un progetto singolare, va detto, sia perché condotto appunto in trio—anche se atipico, con la tromba di Andrea Tofanelli e il contrabbasso di Ares Tavolazzi—sia perché concentrato su parti meno note della sua produzione invece che sulla musica dell'Arkestra.

Si sono infatti susseguiti brani al confine con la musica contemporanea (del resto Sun Ra era stato esplicitamente influenzato da Schoenberg e Shostakovich, oltre ad aver registrato con Cage), o attraversati da stride e blues, oppure ben immersi nel jazz della metà del Novecento. Un Sun Ra comunque sempre molto ordinato e misurato, ma anche assai complesso e articolato, aspetti che venivano enfatizzati dalle caratteristiche strumentali dei tre protagonisti. Se infatti Siringo—che in un paio di occasioni ha introdotto in solitudine i brani—ha esibito la propria abilità alla tastiera, frutto del suo studio della musica contemporanea e di pianisti come Cecil Taylor e Thelonious Monk, e Tavolazzi la sua ben nota, eclettica perizia al contrabbasso, sia nell'accompagnamento che nei personalissimi assoli, Tofanelli ha sorpreso per il modo davvero suggestivo di ricercare e modulare i suoni, secondo stilemi non strettamente jazzistici ma senza dubbio appropriati al progetto del trio. Un concerto di appeal, ma anche raffinato e interessantissimo filologicamente.

Ben diversa la seconda parte della serata, affidata al trio di Claudio Filippini, con Luca Bulgarelli al contrabbasso e Marcello Di Leonardo alla batteria, che festeggiava il quindicesimo anno di vita. Musica in linea con le attuali interpretazioni del piano trio, quelle in auge dal rinnovamento proposto negli ultimi due decenni dall'E.S.T. o da The Bad Plus: molta intensità dinamica e ritmica, poggiate su un moderato lirismo e avvalentesi del forte interplay tra i musicisti (menzione particolare per Bulgarelli, contrabbassista di gran classe). Musica accattivante e dal forte coinvolgimento, ravvivata anche dal rapporto diretto con il pubblico instaurato da Filippini tra brano e brano, ma che alla lunga dava anche un senso di ridondanza, forse a causa di una sua scarsa varietà e di pochi momenti di punta.

Domenica 17, presso la Scuola di Musica Verdi, stupefacente concerto in solitudine di Cristiano Calcagnile, impegnato a una moltitudine di oggetti percussivi, all'elettronica, ma anche a una kalimba elettrificata e a una artigianale drumtable guitar. Una performance rigorosa, si badi, nella quale l'improvvisazione faceva com'è ovvio la sua parte, ma che seguiva una ben precisa traccia, così da dare alla ricchissima varietà di suoni e di ritmi una coerenza stringente. Calcagnile ha attraversato passaggi schiettamente batteristici e altri tipicamente elettronici, momenti nei quali suoni diversi—gong, lastre metalliche, corde, percussioni—si addensavano e rarefacevano passando dall'eterea levità all'intensa matericità, costruendo un discorso sempre sorprendente e suggestivo. Un concerto piuttosto breve, proprio a causa della difficoltà di raccordare in modo rigoroso stimoli e suoni senza cadere in ridondanze, ma non per questo meno ricco. Bellissimo e apprezzatissimo dal pubblico, a dispetto della particolarità e anche della ovvia attenzione che richiedeva l'ascolto.

Tags

comments powered by Disqus

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Live Reviews
A Bowie Celebration: The David Bowie Alumni Tour at Irving Plaza
By Mike Perciaccante
March 16, 2019
Live Reviews
Cheap Trick with Aaron Lee Tasjan at The NYCB Theatre at Westbury
By Mike Perciaccante
March 16, 2019
Live Reviews
Seun Kuti and Africa 80 at Brick & Mortar
By Harry S. Pariser
March 14, 2019
Live Reviews
Live From Paris: Danyèl Waro, Beñat Achiary & Haffyd H
By Martin Longley
March 13, 2019
Live Reviews
The GroundUp Music Festival 2019
By Mike Jacobs
March 12, 2019
Live Reviews
The Branford Marsalis Quartet at Jazz Standard
By Peter Jurew
March 10, 2019