Home » Articoli » Album Review » Mike Westbrook: Live 1972

Mike Westbrook: Live 1972

By

Sign in to view read count
Mike Westbrook: Live 1972
La meritoria etichetta inglese Hux Records recupera un live piuttosto raro del 1972 che vede protagonista una versione molto ridotta, in termini numerici, della famosa orchestra jazz del pianista Mike Westbrook. Il periodo è quello della transizione verso il rock-jazz di un arrangiatore molto apprezzato sia dall'establishment jazzistico dell'epoca, sia dal nuovo pubblico che stava sempre più prendendo il potere. Con lui troviamo un gruppo ristretto di musicisti caratterizzati da grande capacità tecnica e da una verve solistica importante.

Appena un anno prima era stato pubblicato l'ottimo album Metropolis e tutto sommato questo Live 1972 è figlio diretto proprio di quell'esperienza. All'epoca, Westbrook aveva messo assieme un quintetto molto compatto in una formazione che era durata poche settimane e il gruppo era stato registrato dal vivo, il 21 gennaio del 1972, sul palco del poco noto Tavistock Times di East Ripley, poco fuori Londra. Queste registrazioni erano state proposte per la pubblicazione alla casa discografica RCA (la stessa che aveva pubblicato Metropolis) ma non avevano trovato interesse. A quel punto Mike Westbrook aveva deciso di fondare, assieme all'amico John Jack, una sua etichetta, denominata Cadillac. E proprio la Cadillac aveva pubblicato parte del concerto del quintetto nell'album intitolato semplicemente Mike Westbrook Live, avendo però poca distribuzione e poca diffusione.

Adesso la riedizione su CD è stata supervisionata proprio da Westbrook e dagli archivi sono saltati fuori due inediti che aggiungono venti minuti di musica e rendono la pubblicazione ancora più interessante. In particolare in questi due brani, che sono posizionati al centro del concerto, emerge la vena solistica del chitarrista Gary Boyle, un epigono del John McLaughlin dell'epoca, che se la cava piuttosto bene nel territorio allargato del jazz che si sfrangia nel rock. Boyle, di origine indiana, era stato protagonista, alla fine degli anni sessanta, nel quartetto di Brian Auger e poi aveva dato vita ad una delle formazioni più note del jazz-rock inglese, gli Isotope che avevano visto alternarsi al basso i ben noti Hugh Hopper e Jeff Clyne.

La ripresa sonora di questo Live 1972 è piuttosto ruvida e cruda, ma la cosa non infastidisce più di tanto perché rende molto bene l'impatto che questa musica aveva all'epoca della registrazione. Un impatto che ancora oggi conserva una sua ben precisa ragione di essere, derivata da una precisa scelta di campo di musicisti che scelgono di rompere lo steccato dei generi per irrompere in nuovi territori. In particolare è giusto segnalare l'aggressività del saxofonista George Khan che qui utilizza al meglio anche una versione elettrificata dello strumento.

I titoli dei brani erano stati decisi all'epoca della pubblicazione su vinile, ma in realtà nascondevano, in alcuni casi, segmenti di "Metropolis," la lunga suite in nove parti che era stata registrata nell'album omonimo di cui si parlava sopra. Va anche segnalato che l'iniziale "Travellin'" è la variante del tema "Home" apparso nell'album del 1968 Marching Song.

La chiusura è invece per l'ipnotica "Metropolis IX" che nella edizione originaria era stata intitolata "Hyde Park Song." Una sorta di canto del cigno per una formazione che avrebbe dato spazio alle successive reincarnazioni di Mike Westbrook, segnate da una nuova verve spiccatamente teatrale che si imperniava sulle voci di Phil Minton e di Kate Westbrook e sulla chitarra di Brian Godding. Ma questa è decisamente un'altra storia.

Track Listing

Travellin’; Compassion; Marching Song; Spaces; Down on the Farm; Pleasure City; Metropolis IX.

Personnel

Mike Westbrook
composer / conductor

Mike Westbrook: electric piano; George Khan: saxophone, flute; Gary Boyle: guitar; Roger ‘Butch’ Potter: bass, flute; Alan Jackson: drums, alto saxophone.

Album information

Title: Live 1972 | Year Released: 2017 | Record Label: Hux Records

Comments


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Dances Of Freedom
Samo Salamon
Elegy for Thelonious
Frank Carlberg Large Ensemble
Light Streams
John Donegan - The Irish Sextet

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.