All About Jazz

Home » Articoli » Live Review

0

JD Allen Trio al Verona Jazz Winter 2016

JD Allen Trio al Verona Jazz Winter 2016
Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Verona Jazz Winter
Teatro Ristori
03.02.2016

Sulla scia dei numerosi riconoscimenti ricevuti (il più importante è stato quello di Sonny Rollins) e delle superlative accoglienze per l'ultimo disco, JD Allen ha toccato Verona nell'ambito del suo tour europeo. Era uno degli appuntamenti più attesi di Verona Jazz Winter, assieme al concerto d'apertura di Vijay Iyer e di quello finale, che vedrà il 15 marzo l'ottetto di Steve Lehman.

Il 43enne sassofonista di Detroit ha confermato d'aver raggiunto la piena maturità stilistica, dimostrandosi capace di coinvolgere il pubblico con la poderosa energia, l'inventiva melodica e la scintillante tecnica strumentale. Nel consueto trio senza pianoforte (con i fidi partner Gregg August al contrabbasso e Rudy Royston alla batteria), JD Allen ha dato un concerto di esemplare rigore e concentrazione, disegnando lunghi e fervidi assoli con palpabile tensione. Questo trio ha il suo archetipo in quelli storici di Sonny Rollins con Oscar Pettiford e Max Roach (Freedom Suite) o Ray Brown e Shelly Manne (Way Out West) ma non ne è la copia. Lo spazio d'intervento dato ai suoi partner è maggiore mentre la relazione collettiva è sganciata dai modelli tradizionali. In questo senso l'interattivo drumming di Rudy Royston è davvero emozionante e innovativo.

La serata è iniziata con una lunga e veemente versione di "Graffiti" il brano che dà il titolo al suo ultimo album. Un brano preso a tempo serrato e più avvincente di quello inciso. Sostenuto dalla complessa e incisiva articolazione ritmica di cui s'è detto, il fraseggio di Allen ha evidenziato quella carica espressiva e quel magnetismo timbrico che hanno caratterizzato l'intero concerto.
Sullo stesso clima è seguito "Jawn Henry," altro brano dal disco Graffiti, e solo con la ballad "Where Are You" il clima s'è disteso, lasciando esprimere al sassofonista con l'autorevolezza del narratore: sound corposo e sviluppo melodico ammirevole per equilibrio e ricchezza di sfumature.
Il concerto è proseguito per quasi due ore, alternando i temi veementi del suo repertorio con altri distesi (come l'intensa ballad "If You Could See Me Now," ripresa dal disco Bloom). Tra i momenti più coinvolgenti ricordiamo "G-Dspeed, B. Morris" dedicato a Butch Morris e "Sonny Boy," omaggio a John Lee Hooker.

Foto (di repertorio)
Franz A. Matzner.

Post a comment

Tags

View events near Venice
Jazz Near Venice
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.