Rudresh Mahanthappa: Hero Trio

Emmanuel Di Tommaso BY

Sign in to view read count
Rudresh Mahanthappa: Hero Trio
La sedicesima produzione discografica del sassofonista statunitense di origini indiane Rudresh Mahanthappa rappresenta un nuovo capitolo del progetto di fusione fra la musica carnatica dell'India meridionale e la musica occidentale contemporanea che ne ha caratterizzato l'intera carriera artistica fin dagli inizi negli anni Novanta, anticipando un percorso di sperimentazioni e commistioni intrapreso in anni recenti, tra gli altri, anche dal settetto dei Crosscurrents Trio e dal collettivo dei Brooklyn Raga Massive.

Hero Trio contiene nove brani che vanno ben oltre i confini del jazz: oltre agli immancabili jazz standards e a brani bebop e post-bop dei vari Keith Jarrett, Ornette Coleman, Charlie Parker e John Coltrane, c'è l'R&B di Stevie Wonder e il country-pop di Johnny Cash, rivisitati attraverso un sound percussivo e le suggestioni orientali ed improvvisazioni avvolgenti tipiche della tradizione carnatica. Un'operazione delicata, per la quale non a caso Mahanthappa convoca i fidati Francois Moutin al contrabbasso e Rudy Royston alla batteria, dando vita a un trio ben rodato che fa della fluidità ritmica-sonora il proprio punto di forza.

I brani di matrice parkeriana quali "Red Cross," "I'll Remember April" e "Dewey Square" sono emblematici del registro dell'intero disco: il sax contralto di Mahanthappa lascia intravedere gli standard dei brani prima di sconvolgerli dipingendo linee melodiche improvvisate dall'imprevedibile andamento spiraliforme, con Moutin e Royston che sullo sfondo aggiungono consistenza e versatilità all'impatto sonoro.

Il momento coltraniano di "Barbados/26-2" e quello jarrettiano di una cinematica "Windup" esaltano le doti solistiche dei componenti del trio in termini di virtuosismo, sebbene gli assoli siano molto equilibrati, con gli altri strumenti sempre a seguire, e tendano a scandire tempi e ritmi più che a spezzarli.

Lo sconfinamento nei territori dell'oltre-jazz in "Overjoyed" (impreziosita dall'arrangiamento del pianista panamense Danilo Pérez) e in "Ring of Fire" trasmettono un senso di libertà conferente al sound di Mahanthappa un'espressività che illumina il paesaggio sonoro. Sorprende qui la capacità di fare e disfare melodie, mettendo in luce un lato malinconico probabilmente già presente nelle composizioni originali, seppur messo in ombra dalla gioiosità delle melodie.

Le vette dell'album in termini di emozioni sono "Sadness" e "I Can't Get Started," punto d'incontro ideale fra Pharoah Sanders e Kadri Gopalnath, brani che, suscitando una sensazione di lento sprofondamento in un abisso percettivo permeato da ritmi ipnotici e sonorità metafisiche, rappresentano per Mahanthappa il completamento di un percorso, un cerchio che si chiude, lasciando intravedere un orizzonte di possibilità ancora inedite di espressione.

Album della settimana.

Track Listing

Red Cross; Overjoyed; Barabados/26-2; I Can't Get Started; The Windup; Ring Of Fire; I'll Remember April; Sadness; Dewey Square.

Personnel

Rudresh Mahanthappa: saxophone, alto; Francois Moutin: bass; Rudy Royston: drums.

Album information

Title: Hero Trio | Year Released: 2020 | Record Label: Whirlwind Recordings

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Human Rites Trio
Jason Kao Hwang
Re-Union
Matthew Shipp / William Parker
A New Dawn
Marius Neset
Graduation
Il Sogno
Live!
Chick Corea Akoustic Band with John Patitucci &...
Detail - 90
Frode Gjerstad / Kent Carter / John Stevens

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.