Home » Articoli » Rudresh Mahanthappa: Hero Trio

Album Review

Rudresh Mahanthappa: Hero Trio

By

Sign in to view read count
Rudresh Mahanthappa: Hero Trio
La sedicesima produzione discografica del sassofonista statunitense di origini indiane Rudresh Mahanthappa rappresenta un nuovo capitolo del progetto di fusione fra la musica carnatica dell'India meridionale e la musica occidentale contemporanea che ne ha caratterizzato l'intera carriera artistica fin dagli inizi negli anni Novanta, anticipando un percorso di sperimentazioni e commistioni intrapreso in anni recenti, tra gli altri, anche dal settetto dei Crosscurrents Trio e dal collettivo dei Brooklyn Raga Massive.

Hero Trio contiene nove brani che vanno ben oltre i confini del jazz: oltre agli immancabili jazz standards e a brani bebop e post-bop dei vari Keith Jarrett, Ornette Coleman, Charlie Parker e John Coltrane, c'è l'R&B di Stevie Wonder e il country-pop di Johnny Cash, rivisitati attraverso un sound percussivo e le suggestioni orientali ed improvvisazioni avvolgenti tipiche della tradizione carnatica. Un'operazione delicata, per la quale non a caso Mahanthappa convoca i fidati Francois Moutin al contrabbasso e Rudy Royston alla batteria, dando vita a un trio ben rodato che fa della fluidità ritmica-sonora il proprio punto di forza.

I brani di matrice parkeriana quali "Red Cross," "I'll Remember April" e "Dewey Square" sono emblematici del registro dell'intero disco: il sax contralto di Mahanthappa lascia intravedere gli standard dei brani prima di sconvolgerli dipingendo linee melodiche improvvisate dall'imprevedibile andamento spiraliforme, con Moutin e Royston che sullo sfondo aggiungono consistenza e versatilità all'impatto sonoro.

Il momento coltraniano di "Barbados/26-2" e quello jarrettiano di una cinematica "Windup" esaltano le doti solistiche dei componenti del trio in termini di virtuosismo, sebbene gli assoli siano molto equilibrati, con gli altri strumenti sempre a seguire, e tendano a scandire tempi e ritmi più che a spezzarli.

Lo sconfinamento nei territori dell'oltre-jazz in "Overjoyed" (impreziosita dall'arrangiamento del pianista panamense Danilo Pérez) e in "Ring of Fire" trasmettono un senso di libertà conferente al sound di Mahanthappa un'espressività che illumina il paesaggio sonoro. Sorprende qui la capacità di fare e disfare melodie, mettendo in luce un lato malinconico probabilmente già presente nelle composizioni originali, seppur messo in ombra dalla gioiosità delle melodie.

Le vette dell'album in termini di emozioni sono "Sadness" e "I Can't Get Started," punto d'incontro ideale fra Pharoah Sanders e Kadri Gopalnath, brani che, suscitando una sensazione di lento sprofondamento in un abisso percettivo permeato da ritmi ipnotici e sonorità metafisiche, rappresentano per Mahanthappa il completamento di un percorso, un cerchio che si chiude, lasciando intravedere un orizzonte di possibilità ancora inedite di espressione.

Album della settimana.

Track Listing

Red Cross; Overjoyed; Barabados/26-2; I Can't Get Started; The Windup; Ring Of Fire; I'll Remember April; Sadness; Dewey Square.

Personnel

Rudresh Mahanthappa: saxophone, alto; Francois Moutin: bass; Rudy Royston: drums.

Album information

Title: Hero Trio | Year Released: 2020 | Record Label: Whirlwind Recordings

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.