Home » Articoli » Live Review » Erik Friedlander - Throw a Glass al Piacenza Jazz Fest 2019

Erik Friedlander - Throw a Glass al Piacenza Jazz Fest 2019

By

View read count
Throw a Glass: Erik Friedlander, Uri Caine, Mark Helias, Ches Smith
Piacenza Jazz Fest 2019
Galleria Alberoni
Piacenza
5.4.2019

Non poteva che risultare liquida, talvolta euforica, talaltra depressa e a tratti stupendamente allucinatoria la trasposizione live di Artemisia, l'album che Throw a Glass, il super-gruppo capitanato da Erik Friedlander, ha regalato al pubblico del Piacenza Jazz Fest come ultimo atto di una edizione 2019 davvero da incorniciare.

Posizionati proprio al termine del lungo cartellone, e fisicamente collocati nella suggestiva Galleria Alberoni—dove spettacolari muri di arazzi trasportano il pubblico in una dimensione immaginifica ancora prima dell'arrivo della band sul palco—Friedlander al violoncello, Uri Caine al pianoforte, Mark Helias al contrabbasso e Ches Smith alla batteria hanno dato alle stampe nel 2018 un album intitolato appunto Artemisia e ispirato al "Bicchiere d'assenzio," la serie di sei sculture realizzate da Picasso esposta al MoMa di New York. Il distillato all'anice, qui assurto a simbolo di ogni bevanda alcolica, in Artemisia diventa il punto di partenza per un un viaggio nel mondo del sentire alterato, della percezione depotenziata e ripotenziata, deragliata, scomposta e creativamente ricomposta.

Un approccio che chi aveva percepito chiaramente negli innumerevoli andirivieni emotivi rappresentati dalle undici tracce registrate in studio, nel concerto di Piacenza ritrova con una intensità capace di amplificare, in un certo senso, gli stati d'ebbrezza dell'album. I musicisti della formazione— originariamente nata con l'idea di tenere una esibizione soltanto—hanno ben presto chiuso un progetto discografico concettuale, coeso, dove orchestrazioni e dinamiche hanno la meglio su ogni virtuosismo, e nel quale la filosofia che sta alle spalle delle musica suonata come poche altre volte è perfettamente leggibile in tutto ciò che si ascolta.

L'album, celebrato fra i migliori dello scorso anno, è il nucleo centrale del concerto. "As They Are," "Tulips Brush Against My Legs," "Blush," e—verso il finale—"Seven Heartbreaks," la title-track "Artemisia" e "The Great Revelation," sono da segnare fra i capitoli più convincenti fra quelli direttamente legati al progetto realizzato dal quartetto in studio. Sono tappe di un concerto che suona come una catabasi e una anabasi nelle e dalle profondità dell'ipnosi dell'assenzio: qui la compostezza e il rigore del fraseggio si allargano, si deformano poco alla volta, accentuando sfocature e dissonanze, per poi tornare a camminare senza sbandate.

Il violoncello di Friedlander è un conduttore sicuro ma discreto, al quale il pianoforte di Caine si affianca con la capacità di cambiare repentinamente atmosfere e linguaggio, mentre la sezione ritmica tesse un percorso e un panorama che da cristallini diventano via via più sfumati e contorti, fino a ritrovare la dimensione piana. Tanta Artemisia, dicevamo, ma non solo. Il concerto è ricco di regali al pubblico con alcuni inediti che lascerebbero presagire una forza creativa tutt'altro che esaurita nel progetto Throw a Glass (e che quindi speriamo di ritrovare prima o poi in un nuovo capitolo discografico).

In chiusura, spunta anche "Cello Again," brano di Sam Jones che Friedlander inserì nel suo album dedicato a Oscar Pettiford Oscalypso nel 2015. Da ricordare.

Foto: Luca Muchetti.

< Previous
Dos City

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Jazz article: Andy Summers Live at Le Poisson Rouge
Jazz article: Jazz Is Dead at Nectar's
Jazz article: Cedric Burnside at Globe Hall

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.