Home » Articoli » Michael Mantler: Coda - Orchestra Suites

Album Review

Michael Mantler: Coda - Orchestra Suites

By

Sign in to view read count
Michael Mantler: Coda - Orchestra Suites
Non è mai stato semplice inquadrare l'opera del trombettista e compositore austriaco Michael Mantler. Trasferitosi negli Stati Uniti nel 1960, si è ritrovato coinvolto nel jazz d'avanguardia degli anni '60 a fianco di musicisti come Cecil Taylor, Archie Shepp e Roswell Rudd nel Jazz Composers Guild di cui è cofondatore. Da allora si è sempre dedicato alla realizzazione di uno sbocco per le composizioni di jazz orchestrale (sue e di altri), creando a questo scopo la JCOA (Jazz Composer's Orchestra Association) e successivamente fondando assieme a Carla Bley, allora sua compagna di vita e di musica, l'etichetta WATT Works per realizzare e distribuire i propri lavori negli anni '70 e '80. Dopo il suo ritorno in Europa nel 1991 e il divorzio dalla moglie l'anno successivo, i lavori del compositore vengono pubblicati da ECM, che distribuisce anche il catalogo WATT nel frattempo passato in gestione alla Bley e al suo nuovo compagno Steve Swallow.

Per questo suo nuovo lavoro, il compositore prosegue la rivisitazione della propria opera che aveva iniziato nel 2014 con Jazz Composer's Orchestra Update, dove aveva ripreso materiale scritto negli anni '60 per il suo primo disco con la Jazz Composer's Orchestra e rimasto in parte inedito, rielaborandolo per big band con l'aggiunta di un quartetto d'archi.

Qui recupera sue composizioni realizzate tra il 1975 e il 2011 riproponendole sotto forma di suites strumentali per un'orchestra da camera comprendente sia musicisti classici che jazz, affidando a questi ultimi le parti soliste. La ricca strumentazione permette a Mantler di rinnovare sostanzialmente i temi arricchendone la tavolozza timbrica. Le cinque suites che compongono il disco provengono da sei sue composizioni incise in precedenza. La prima, "Twothirteen Suite," deriva infatti da due lavori precedenti situati ai due estremi dell'arco temporale preso in considerazione, "13°" del 1975 e "For Two" del 2011. Il primo era una composizione per piano e orchestra, con Carla Bley come solista (qui sostituita da David Helbock), mentre il secondo era una serie di duetti per chitarra e pianoforte, col chitarrista svedese Bjarne Roupé che rimane il solista anche nella nuova versione. "Folly Suite" allarga la dimensione orchestrale della composizione "Folly Seeing All This," originariamente interpretata da un piccolo ensemble da camera comprendente il Balanescu Quartet e altri musicisti, mantenendo la tromba solista dello stesso Mantler. "Alien Suite" è forse la composizione maggiormente rielaborata rispetto all'originale che vedeva protagonisti la tromba di Mantler e i sintetizzatori di Don Preston. "Cerco Suite" e "Hideseek Suite" presentano la musica originariamente creata per accompagnare le parole rispettivamente di Giuseppe Ungaretti (Cerco un paese innocente) e Paul Auster (Hide And Seek), qui presentata senza le voci.

Con questo lavoro, il compositore realizza un'opera importante e riccamente elaborata, dimostrando una assoluta padronanza nella scrittura e nella gestione dei timbri orchestrali. Mantler sa sfruttare alla perfezione tutte le risorse strumentali a disposizione integrando gli episodi solisti in maniera efficace, e si dimostra ancora una volta figura di spicco dell'avanguardia contemporanea, che riesce a interpretare in maniera personalissima e originale senza dimenticare le proprie origini jazzistiche. Disco davvero splendido, caldamente raccomandato a chi apprezza la musica al di fuori delle categorie.

Album della settimana.

Track Listing

Twothirteen Suite; Folly Suite; Alien Suite; Cerco Suite; Hideseek Suite

Personnel

Michael Mantler: trumpet; Bjarne Roupé: guitar; David Helbock: piano; Leo Eibensteiner: flute; Peter Tavernaro: oboe; David Lehner: clarinet; Christoph Walder: french horn; Daniel Riegler: trombone; Simon Teurezbacher: tuba; Maximilian Kanzler: vibraphone; Philipp Kienberger: bass, acoustic; Tibor Kövesdi: bass, acoustic; Arne Kircher: cello; Asja Valcic: cello.

Additional Instrumentation

Fabian Rucker: bass clarinet; Maximilian Kanzler: marimba; Joanna Lewis, Ulrike Greuter, Diane Pascal, Tomas Novak, Simon Frick, Maximilian Bratt, Magdalena Zenz, Emily Stewart: violin; Simon Schnellnegger, Anna Magdalena Siakala, Daniel Moser, Tamara Stayner: viola; Christoph Cech: orchestra conductor

Album information

Title: Coda - Orchestra Suites | Year Released: 2021 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Tags

More

Live At Mobydick Records
The Michael Lauren Trio
Dream Dancing
Naama Gheber
Brooklyn Calling
Stan Killian

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.