Home » Articoli » Claudio Cojaniz alla Sala del Rosso di Firenze

Live Review

Claudio Cojaniz alla Sala del Rosso di Firenze

By

Sign in to view read count
Claudio Cojaniz
Sala del Rosso
Firenze
19.02.2016

A distanza di tre anni e mezzo dalla sua ultima apparizione sui palchi fiorentini, il pianista Claudio Cojaniz torna nella città toscana dove vanta un buon numero di appassionati estimatori. Lo fa in solitudine, a pochi giorni dal suo concerto in trio per i Concerti del Quirinale, trasmessi dalla RAI, presentando un programma di musiche che potremmo definire di "Africa immaginaria": una serie di composizioni perlopiù originali, ispirate da ritmi, atmosfere, colori, personalità e compositori africani. Un lavoro che il pianista friulano porta avanti da diversi anni, che aveva trovato una prima sintesi nell'album Blue Africa, in duo con il contrabbassista Franco Feruglio e che ne ha in parte "ammorbidito" le asprezze monkiane di una decina d'anni orsono, riconciliandolo con un lirismo che non è mai stato fuori dalle sue corde, senza con ciò fargli dimenticare gli stilemi percussivi, il gioco con le reiterazioni e con le pause, più in generale il blues.

La serata fiorentina ha visto Cojaniz inanellare in due set una dozzina di brani, nei quali si sentivano ora eco della grande musica sudafricana, da Abdullah Ibrahim a Chris McGregor, ora ritmi dell'Africa centrale, ora lirismi di tutt'altra provenienza che si sposavano a meraviglia con i profumi della "Madre Africa," alla quale il concerto era esplicitamente dedicato. Il tutto con gli stilemi diventati la cifra del pianista, assimilati dalla pratica di quello stride a cui ha dedicato il suo ultimo album e anche quello prossimo all'uscita, alla profonda conoscenza di Thelonious Monk e del compianto Paul Bley, alla costante frequentazione del blues. Con alcune sorprese, quali deliziosi brani della tradizione slava -altro ambito musicale che il pianista conosce a fondo -e la conclusiva, lirica e affascinate "Freedom and Flowers," inno alla pace dedicato a tutti i bambini del mondo, che Cojaniz ha interpretato negli anni in forme e formazioni assai diverse, dal duo fino ai venti elementi dei Diavoli Rossi.

Grande poesia, che ha affascinato e catturato il pubblico presente (una volta tanto abbastanza numeroso, quale si merita la splendida sala), accompagnata però da un altrettanto grande impegno affinché la musica non sia mai "intrattenimento," ma abbia costantemente un significato di cultura sociale e politica, possa cioè dare il suo consistente contributo per cambiare il mondo.

Foto
Michele Giotto.

FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment

Tags

More

Jazz article: Trio Grande At Magy's Farm
Jazz article: Skopje Jazz Festival 2022

Popular

Read Giving Thanks & Sharing the Jazz Love
Read Your Favorite Living Jazz Guitarists
Read Your Favorite Living Jazz Pianists
Read Your Favorite Living Jazz Drummers
Read Your Favorite Living Jazz Bassists

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.