0

Aki Takase, David Murray: Cherry ‎– Sakura

Nicola Negri By

Sign in to view read count
Aki Takase, David Murray: Cherry ‎– Sakura Un dialogo iniziato oltre vent'anni fa, quello tra Aki Takase e David Murray, quando incisero Blue Monk, un album dedicato alle composizioni di Thelonious Monk. Il pianista di Rocky Mount, nume tutelare della tradizione non allineata del jazz moderno, ritorna anche in questo Cherry—Sakura, che include una bella versione di "Let's Cool One." A parte questo brano, l'unico non originale, il disco è (quasi) equamente diviso tra composizioni di Takase (quattro) e Murray (tre).

Vale la pena partire proprio da "Let's Cool One," dove Takase trova subito il giusto equilibrio tra supporto armonico e divagazioni ritmiche, a sostegno di un Murray scatenato al clarinetto basso, che coniuga agilità tecnica e incisività timbrica, senza mai perdere di vista le coordinate melodiche della composizione.
Questo brano è in qualche modo emblematico dell'approccio condiviso dai due musicisti, che lungo tutto il disco dimostrano non solo rispetto, ma soprattutto un sincero affetto per la tradizione del jazz, muovendosi prevalentemente nei confini di un mainstream di livello assoluto, con qualche sporadica sortita in territori più avventurosi.

I brani più originali in questo senso sono quelli di Takase, che dimostra una capacità di scrittura inusuale—dall'escursione frenetica di "A Very Long Letter" al tempo sospeso di "Cherry—Sakura" e alle atmosfere dolenti di "Nobuko"—riuscendo a fornire qualche spunto inaspettato pur tenendo ben presenti le regole del jazz più classico.
Le composizioni di Murray sono in qualche modo più prevedibili, anche se sempre efficaci, e a ben vedere incarnano perfettamente un'idea musicale che è rimasta costante nella lunga carriera del sassofonista: abbracciare senza preconcetti le diverse "tradizioni" del jazz, e scardinarle in qualche modo dall'interno, grazie a idee chiare e un talento strumentale smisurato, tuttora evidente.

È sempre un piacere ascoltare due maestri all'opera, soprattutto se, come in questo caso, oltre che sulle capacità tecniche e il proverbiale interplay, l'intesa si fonda sulla concezione condivisa della tradizione jazz come campo di ricerca aperto, dove anche i confini stilistici più rigorosi permettono di trovare sempre, in qualche modo, qualcosa di nuovo da dire.

Track Listing: Cherry – Sakura; A Very Long Letter; Let’s Cool One; To A.P. Kern; Stressology; Nobuko; Blues for David; A Long March to Freedom.

Personnel: Aki Takase: piano; David Murray: tenor saxophone, clarinet.

Title: Cherry ‎– Sakura | Year Released: 2017 | Record Label: Intakt Records


Tags

Related Video

comments powered by Disqus

More Articles

Read Second Act CD/LP/Track Review Second Act
by Mark Sullivan
Published: August 23, 2017
Read Imaga Mondo CD/LP/Track Review Imaga Mondo
by Troy Dostert
Published: August 23, 2017
Read Port Of Call CD/LP/Track Review Port Of Call
by John Sharpe
Published: August 23, 2017
Read May I Introduce To You CD/LP/Track Review May I Introduce To You
by James Nadal
Published: August 23, 2017
Read Honey And Salt CD/LP/Track Review Honey And Salt
by Mark Corroto
Published: August 22, 2017
Read To the Bone CD/LP/Track Review To the Bone
by Geno Thackara
Published: August 22, 2017
Read "Untitled" CD/LP/Track Review Untitled
by Jack Bowers
Published: October 13, 2016
Read "Rediscovered Ellington" CD/LP/Track Review Rediscovered Ellington
by James Nadal
Published: August 16, 2017
Read "In All My Holy Mountain" CD/LP/Track Review In All My Holy Mountain
by Roger Farbey
Published: February 12, 2017
Read "Chicago II" CD/LP/Track Review Chicago II
by Doug Collette
Published: February 25, 2017
Read "La Diversité" CD/LP/Track Review La Diversité
by Roger Farbey
Published: January 31, 2017
Read "57th & 9th" CD/LP/Track Review 57th & 9th
by Nenad Georgievski
Published: November 6, 2016

Sponsor: JANA PROJECT | LEARN MORE  

Support our sponsor

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.