All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

New Bojaira: Zorongo Blu

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
La relazione tra jazz e flamenco ha avuto varie declinazioni. Eccettuando gli estemporanei antecedenti di Miles Davis e di John Coltrane, il primo a inaugurare proficuamente la sintesi è stato Pedro Iturralde nel 1967 con Flamenco Jazz: un condiviso impianto modale legava la chitarra di Paco De Lucia ad assoli di vari jazzmen (tra cui il nostro Dino Piana). La strada era aperta e da allora molti l'hanno percorsa. Le sintesi più organiche ed emozionanti sono venute dai dischi di Chano Dominguez, a partire dall'esordio in Chano (Nuba Records 1993) e dal successivo 10 de Paco con Jorge Pardo (Nuevos Medios 1995). Ed ancora dalla collaborazione tra Dave Holland e Pepe Habichuela (Hands, Dare2 Records 2010).

Il progetto New Bojaira nasce cinque anni fa a New York su iniziativa del pianista andaluso Jesús Hernández che ha coinvolto il flautista e cantante Alfonso Cid originario di Siviglia e un paio di colleghi statunitensi, il bassista Tim Ferguson e il batterista Mark Holen. Sul finire del 2017 hanno registrato a Brooklyn questo debutto, coinvolgendo come ospiti il trombettista Randy Brecker e il cantante flamenco Sergio Gómez.

La prima cosa che balza agli occhi in quest'organico è l'assenza della chitarra. Una scelta insolita e originale che Hernández e compagni risolvono brillantemente incrementando altri aspetti tipici del flamenco come la successione armonica discendente, la scansione ritmica in 12/8 e i frequenti innesti del cante jondo con le voci di Alfonso Cid e Sergio Gómez.

L'album inizia con la fantasiosa relazione tra soleá, blues e jazz in "El Demonio Llama a Mi Puerta": un brano in costante mutazione, dove spiccano la melismatica parte vocale di Cid su accordi blues di piano, l'intervento di Brecker al flicorno e il jazzistico finale sul caratteristico hand-clapping del flamenco. Nei brani successivi la sintesi si spinge ad includere Rumba, Guajira e Tango con risultati equilibrati e convincenti come nel danzante "No Encuentro Tu Pasión."

Il massimo pregio dell'album è quello di non sacrificare, nelle varie sintesi, il fascino e il pathos del flamenco: uno degli gli esempi più coinvolgenti è "Farruca de Argel" centrato sull'ammaliante cante jondo di Sergio "El Colorao" Gómez in un contesto jazz.

Track Listing

El Demonio Llama a Mi Puerta (Soleá Blues); Jaleos del Celoso Extremeño; La Africana (Guajira); Green Room; Farruca de Argel; ’Round Midnight; Zorongo Blu (Zorongo por Seguiriya); Ese Meneo (Tanguillo); No Encuentro Tu Pasión (Rumba); Vente Pa’ Broadway (Bulería).

Personnel

Jesús Hernández: piano; Tim Ferguson: double bass; Mark Holen: drums, tambourin and darbuka; Alfonso Cid: vocals, flute and hand-clapping; Peter Brainin: soprano saxophone and tenor saxophone; Randy Brecker: flugelhorn; Sergio Gómez “El Colorao”: vocals; María de los Ángeles: bailaora.

Album information

Title: Zorongo Blu | Year Released: 2018 | Record Label: Self Produced

Watch

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Three
Three
By Mark Sullivan
Read Bossing in the Rain
Bossing in the Rain
By Edward Blanco
Read The reMission
The reMission
By Mike Jurkovic
Read Moment of Clarity
Moment of Clarity
By Jack Bowers
Read Elegant Traveler
Elegant Traveler
By Dan McClenaghan
Read Natural Gifts
Natural Gifts
By Nicholas F. Mondello
Read Work
Work
By Edward Blanco