1

New Bojaira: Zorongo Blu

Angelo Leonardi BY

Sign in to view read count
New Bojaira: Zorongo Blu
La relazione tra jazz e flamenco ha avuto varie declinazioni. Eccettuando gli estemporanei antecedenti di Miles Davis e di John Coltrane, il primo a inaugurare proficuamente la sintesi è stato Pedro Iturralde nel 1967 con Flamenco Jazz: un condiviso impianto modale legava la chitarra di Paco de Lucia ad assoli di vari jazzmen (tra cui il nostro Dino Piana). La strada era aperta e da allora molti l'hanno percorsa. Le sintesi più organiche ed emozionanti sono venute dai dischi di Chano Dominguez, a partire dall'esordio in Chano (Nuba Records 1993) e dal successivo 10 de Paco con Jorge Pardo (Nuevos Medios 1995). Ed ancora dalla collaborazione tra Dave Holland e Pepe Habichuela (Hands, Dare2 Records 2010).

Il progetto New Bojaira nasce cinque anni fa a New York su iniziativa del pianista andaluso Jesús Hernández che ha coinvolto il flautista e cantante Alfonso Cid originario di Siviglia e un paio di colleghi statunitensi, il bassista Tim Ferguson e il batterista Mark Holen. Sul finire del 2017 hanno registrato a Brooklyn questo debutto, coinvolgendo come ospiti il trombettista Randy Brecker e il cantante flamenco Sergio Gómez.

La prima cosa che balza agli occhi in quest'organico è l'assenza della chitarra. Una scelta insolita e originale che Hernández e compagni risolvono brillantemente incrementando altri aspetti tipici del flamenco come la successione armonica discendente, la scansione ritmica in 12/8 e i frequenti innesti del cante jondo con le voci di Alfonso Cid e Sergio Gómez.

L'album inizia con la fantasiosa relazione tra soleá, blues e jazz in "El Demonio Llama a Mi Puerta": un brano in costante mutazione, dove spiccano la melismatica parte vocale di Cid su accordi blues di piano, l'intervento di Brecker al flicorno e il jazzistico finale sul caratteristico hand-clapping del flamenco. Nei brani successivi la sintesi si spinge ad includere Rumba, Guajira e Tango con risultati equilibrati e convincenti come nel danzante "No Encuentro Tu Pasión."

Il massimo pregio dell'album è quello di non sacrificare, nelle varie sintesi, il fascino e il pathos del flamenco: uno degli gli esempi più coinvolgenti è "Farruca de Argel" centrato sull'ammaliante cante jondo di Sergio "El Colorao" Gómez in un contesto jazz.

Track Listing

El Demonio Llama a Mi Puerta (Soleá Blues); Jaleos del Celoso Extremeño; La Africana (Guajira); Green Room; Farruca de Argel; ’Round Midnight; Zorongo Blu (Zorongo por Seguiriya); Ese Meneo (Tanguillo); No Encuentro Tu Pasión (Rumba); Vente Pa’ Broadway (Bulería).

Personnel

Jesús Hernández: piano; Tim Ferguson: double bass; Mark Holen: drums, tambourin and darbuka; Alfonso Cid: vocals, flute and hand-clapping; Peter Brainin: soprano saxophone and tenor saxophone; Randy Brecker: flugelhorn; Sergio Gómez “El Colorao”: vocals; María de los Ángeles: bailaora.

Album information

Title: Zorongo Blu | Year Released: 2018 | Record Label: Self Produced

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Live!
Chick Corea Akoustic Band with John Patitucci &...
Detail - 90
Frode Gjerstad / Kent Carter / John Stevens
Tri-Cycle
Alex Jenkins Trio
Chartreuse
Gaetano Letizia
Within Us
Chuck Owen
Close to Home
Ari Erev
Up & Down, Sideways
Jon Raskin Quartet

Popular

Pure
Robben Ford
Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
En Attendant
Marcin Wasilewski Trio
Station Three
Quartet Diminished
The Garden
Rachel Eckroth

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.