2

Chris Pattishall: Zodiac

Angelo Leonardi BY

Sign in to view read count
Chris Pattishall: Zodiac
Per il suo debutto discografico Chris Pattishall ha scelto di reinterpretare la fondamentale e misconosciuta Zodiac Suite di Mary Lou Williams. Una prova che il pianista supera brillantemente alla guida del suo quintetto, in collaborazione col produttore Rafiq Bhatia.

Nelle storie del jazz Mary Lou Williams viene ricordata soprattutto per le composizioni e orchestrazioni che scriveva per le orchestre di Andy Kirk, Benny Goodman (ricordate il contagioso "Roll ´Em"?) e persino Duke Ellington. Era un'artista geniale e non va confinata nella Swing Era. Nei primi anni quaranta si trasferì ad Harlem e la sua casa divenne un punto d'incontro per molti musicisti tra cui i giovani Bud Powell e Thelonious Monk a cui dava anche lezioni di pianoforte (non a caso il suo "Walkin' and Swingin'" è alla base di "Rhythm-A-Ning").

Nel 1945 Mary Lou suonava regolarmente al Café Society e la domenica teneva un programma radiofonico dove presentava i temi dell'opera che stava scrivendo, appunto la "Zodiac Suite." Un lavoro ambizioso che fu presentato alla Town Hall il 31 dicembre 1945 (con un'orchestra più Ben Webster ospite in un brano) e fu poi incisa in studio in piano trio.

Chris Pattishall è un attento cultore della tradizione e ha saputo rileggere con ricercato equilibrio quell'innovativo lavoro, distanziandosi dalla rielaborazione molto innovativa che ne fece il Mary Lou Williams Collective di Geri Allen (Zodiac Suite: Revisited Mary Records 2006). «Una delle cose che mi hanno attratto in questa suite—dice Pattishall—è il modo in cui gli stati d'animo cambiano improvvisamente. Vengono presentate dense e allusive narrazioni che improvvisamente lasciano il posto ad altre idee affascinanti».

Senza alterare le idee melodiche originali, Pattishall ha generalmente rivestito i brani di abiti moderni, ampliando lo spazio per gli assoli e togliendo i riferimenti allo stride piano. "Aries" assume così tratti boppistici mentre "Cancer" (che nel concerto alla Town Hall vedeva un magniloquente intervento di Ben Webster) evita di copiare l'originale e acquisisce vivacità con gli assoli di Riley Mulherkar alla tromba e Ruben Fox al sax tenore.

In questi e altri brani Pattishall mostra equilibrio e rispetto per gli originali ma non si fa scrupoli di riprodurre quasi esattamente in "Libra" la lirica versione della Williams, incisa nel disco in trio. Era una gemma luminosa ed era giusto conservarla così. Un ottimo lavoro di restyling dunque, che in "Capricorn" trova il modo di aggiungere fantasiose soluzioni.

Album della settimana.

Track Listing

Taurus; Gemini; Cancer; Leo; Virgo; Libra; Scorpio; Sagittarius; Capricorn; Aquarius; Pisces; Aries.

Personnel

Chris Pattishall: piano; Riley Mulherkar: trumpet; Ruben Fox: saxophone; Marty Jaffe: bass; Jamison Ross: drums.

Additional Instrumentation

Rafio Bhatia: sound design, programming.

Album information

Title: Zodiac | Year Released: 2021 | Record Label: Self Produced

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Tri-Cycle
Alex Jenkins Trio
Chartreuse
Gaetano Letizia
Within Us
Chuck Owen
Close to Home
Ari Erev
Up & Down, Sideways
Jon Raskin Quartet
Small Wonders
Zacc Harris Group
Descarga for Bud
Alex Conde
The Dealer
Chico Hamilton

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
En Attendant
Marcin Wasilewski Trio
Station Three
Quartet Diminished
The Garden
Rachel Eckroth

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.