Home » Articoli » Mathias Eick: When We Leave

2

Album Review

Mathias Eick: When We Leave

By

Sign in to view read count
Mathias Eick: When We Leave
Per il suo quinto album da titolare per la ECM, il trombettista norvegese Mathias Eick riparte da Ravensburg, il precedente lavoro pubblicato nel 2018, mantenendo quelle atmosfere rendendole un po' più sognanti e malinconiche, e confermando in toto i musicisti che vi avevano preso parte. A questi si aggiunge il chitarrista Stian Carstensen, già presente sul primo disco di Eick The Door, che con la sua pedal steel guitar incrementa la già ricca tavolozza timbrica a disposizione del gruppo, spargendo pennellate morbide sugli sfondi dei paesaggi sonori disegnati dal trombettista.

La musica di Eick è intimista, evocativa, fortemente melodica, tutte caratteristiche che emergono fin dall'iniziale "Loving," ma la creazione delle atmosfere ricche di suggestione si rivela tutt'altro che eterea o impalpabile come spesso si rischia in questi casi, mantenendo sempre un assoluto controllo su ritmo e dinamica attraverso una scrittura solida e concreta che fa sempre un utilizzo oculato dei musicisti a cui viene affidata. Tra questi spicca il violinista Hakon Aase, il cui strumento è quasi sempre in primo piano, spesso all'unisono con la tromba del leader nell'esposizione dei temi, e anche protagonista di pregevoli assoli nel suo stile particolare che mescola folk e jazz. Ottimo e preciso il lavoro di tutta la ritmica, formata dal pianista Andreas Ulvo, il bassista Audun Erlien (pregevole il suo accompagnamento contrappuntistico) e i due batteristi e percussionisti Torstein Lofthus e Helge Andreas Norbakken. Prezioso anche il contributo di Carstensen, la cui pedal steel guitar fornisce un contributo importante (anche se in secondo piano) alla complessiva morbidezza dell'insieme.

Le composizioni, tutte a firma di Eick, mantengono le caratteristiche generali variando leggermente il mix degli ingredienti. Un paio di brani si differenziano maggiormente dagli altri, "Flying" con il suo tono più rarefatto e sommesso, e "Arvo," un sentito omaggio al compositore estone Arvo Part tra i nomi di punta lanciati dalla etichetta di Manfred Eicher, che dopo un tema iniziale esposto dalle voci in puro stile Pärtiano si lancia in un groove trascinante guidato dalle doppie percussioni, con un contrasto tanto insolito quanto efficace. In vari brani anche il trombettista si ritaglia qualche spazio solistico esibendo il suo sound personale, morbido e ovattato, che in passato ha impreziosito altri titoli ECM (di Jacob Young, Iro Haarla e Manu Katche) cui ha partecipato in veste di ospite.

Con questo lavoro Eick si conferma tra i nomi di spicco della nuova generazione di musicisti norvegesi, sia per le doti strumentali che per quelle compositive, e firma uno degli album migliori che la label ha pubblicato nel 2021, 40 minuti (la durata di un LP, altro formato in cui è disponibile) di musica sempre ammaliante e incantevole ad ogni ascolto.

Album della settimana.

Track Listing

Loving; Caring; Turning; Flying; Arvo; Playing; Begging.

Personnel

Mathias Eick: trumpet; Hakon Aase: violin; Audun Erlien: bass, electric; Andreas Ulvo: piano; Torstein Lofthus: drums; Helge Andreas Norbakken: drums.

Additional Instrumentation

Stian Carstensen: pedal steel guitar

Album information

Title: When We Leave | Year Released: 2021 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.