All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Umbria Jazz 2018 - prima parte

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Umbria Jazz
Varie sedi
Perugia
13-16.07.2018

Seguire Umbria Jazz significa soprattutto frequentare in tutte le ore della giornata i suoi diversi e caratterizzati spazi; sono loro infatti che, all'aperto o al chiuso, con la loro storia, dimensione, accessibilità, sono commisurati a una programmazione differenziata per generi musicali e forza attrattiva dei protagonisti, destinata a varie fasce di pubblico. Come vedremo, la mappa dei luoghi del jazz perugini, tutti collocati nel centro storico con innumerevoli appuntamenti gratuiti o a pagamento, si è arricchita fra l'altro di un paio di spazi; ma indubbiamente le location principali rimangono quelle delle edizioni passate.

Un sintetico resoconto delle prime quattro giornate del festival (13—16 luglio), che hanno fin da subito registrato una notevole affluenza di pubblico, può dare un'idea dell'organica varietà della sua programmazione.

La "Quincy Jones 85th Anniversary Celebration," sotto la ferrea regia di Nanni Zedda e con Nick The Nightfly in veste di cerimoniere, ha aperto le serate nella sterminata Arena Santa Giuliana, affollata all'inverosimile. Si è trattato appunto di una celebrazione in piena regola: ufficiale, entusiastica, rituale... interminabile con la sua sfilata di ospiti famosi. I temi intramontabili delle colonne sonore di Jones e i suoi arrangiamenti sono stati riproposti da una grande orchestra, diretta da John Clayton e rinforzata da una sezione ritmica americana. Nella formazione confluivano l'ormai solida Umbria Jazz Orchestra e l'Orchestra da Camera di Perugia.

Supportati da quest'orchestra invidiabile si sono poi succeduti gli omaggi dei vari ospiti: le polifonie suadenti dei Take 6, la classe stagionata di Patti Austin e quella più aggressiva di Dee Dee Bridgewater, l'enfasi del pianismo di Alfredo Rodriguez e del percussionismo di Pedrito Martinez. Eccentrica l'idea di Noa, con il fido Gil Dor, di interpretare musiche di Johann Sebastian Bach, compositore prediletto di Jones, prima di sfociare in una trascinante canzone israeliana, mentre a più riprese Ivan Lins ha sciorinato delicatezze e ritmi brasiliani. Paolo Fresu infine, unico jazzista italiano invitato, ha inserito una pertinente nota davisiana. Nel finale tutti gli ospiti si sono riuniti sul palco, questa volta diretti dall'ottantacinquenne poliedrico e carismatico boss dello spettacolo americano, per eseguire un paio di suoi famosissimi brani.

Nelle due notti brasiliane ha spiccato innanzi tutto la rivisitazione, dopo quarant'anni, del CD Refavela da parte di Gilberto Gil. Con una vitalità insopprimibile, una sorta di "famiglia allargata" dispiegata sul palco ha proposto una musica strumentale e vocale di grandi risorse, soprattutto corale, dimostrando la genuinità del recupero delle matrici africane da parte del movimento del Tropicalismo. Cuore, ritmo, virtuosismo e poesia tesi ad esprimere l'internazionalizzazione di una cultura di contaminazione, ma del tutto autentica e coinvolgente.

A confronto della briosa mobilità fisica, musicale e culturale della larga formazione di Gilberto Gil, il Brasile proposto subito dopo da Margareth Menezes è parso certo di grande impatto, ma più schematico e monolitico. L'inesorabile massa sonora confezionata dagli strumentisti era unicamente al servizio della voce esasperata della protagonista, sola al centro del palcoscenico.

La seconda Brasilian Night si è aperta con Stefano Bollani, che ha presentato prevalentemente propri original dal sapore carioca tratti dal CD Que Bom, adeguatamente sostenuto dalla ritmica di un quartetto di musicisti brasiliani. Un Bollani particolarmente ispirato e misurato ha beneficiato dell'amplificazione, sorprendentemente contenuta per il luogo, ben amministrata dal proprio tecnico del suono. La raffinatezza seducente e briosa del suo pianismo ha rappresentato un'introduzione appropriata al piatto forte della serata, ...che invece, secondo il mio parere, ha in parte deluso.

Caetano Veloso, uno dei beniamini del festival umbro fin dal 1993, in questa tournée era attorniato dai tre figli, tutti musicisti, dal primogenito già affermato al più giovane al suo debutto: Moreno, Zeca, Tom. Un'univoca affinità culturale, un'atmosfera di complicità, di per sé un po' sospetta, ora convincente ora più stentata, hanno rivestito un repertorio composito di canzoni scritte da ognuno di loro,... ma la poesia intima e contagiosa della voce del pater familias è emersa purtroppo solo in alcuni brani.

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Live Reviews
Le French May Live Jazz Series in Hong Kong
By Rob Garratt
May 26, 2019
Live Reviews
40th Annual Blues Music Awards at Cook Convention Center
By C. Michael Bailey
May 25, 2019
Live Reviews
Spring Quartet at Dalton Recital Hall
By John Ephland
May 24, 2019
Live Reviews
The Ben Paterson Trio At The Jazz Corner
By Martin McFie
May 22, 2019