Home » Articoli » Jeanne Lee, Ran Blake: The Newest Sound You Never Heard

Album Review

Jeanne Lee, Ran Blake: The Newest Sound You Never Heard

By

Sign in to view read count
Jeanne Lee, Ran Blake: The Newest Sound You Never Heard
Jeanne Lee e Ran Blake si conoscono a cavallo fra anni Cinquanta e Sessanta ai corsi del Bard College di New York, affacciato sul fiume Hudson. Si producono per la prima volta in duo in occasione di un concorso all'Apollo Theater, che vincono, cosicché, sul finire del 1961, incidono un primo album, The Newest Sound Around, destinato ad avere più eco in Europa che non in patria, dove passa quasi inosservato.

È così che nel 1963 pianista e cantante, all'epoca poco più che ventenne e principale esponente della nuova vocalità nera insieme con Abbey Lincoln (peraltro più anziana di diversi anni, e per certi versi sua fonte ispirativa), partono alla volta del Vecchio Continente, dove in particolare Jeanne ha poi modo di dire la sua nel nuovo jazz, soprattutto dopo aver conosciuto, nel 1967, il polistrumentista tedesco Gunter Hampel, destinato a diventare il suo secondo marito, dopo il poeta sonoro David Hazelton, che l'aveva avvicinata all'universo della parola detta, in parallelo ai contatti con Fluxus e, più tardi, John Cage, senza dimenticare, nel corso degli anni, Archie Shepp e Marion Brown, Carla Bley e Mal Waldron.

Un secondo album del duo viene inciso a Stoccolma nel 1966: s'intitola Free Standards e vedrà la luce solo nel 1995. Qualche tempo fa è invece uscito questo prezioso doppio album comprendente un dischetto di quello stesso 1966 e l'altro dell'anno seguente, entrambi registrati alla VRT (radio fiamminga). Lo compongono trentatré brani complessivi, con due riprese (”Ja-Da”, entrambe le versioni nella seduta del '66, e poi, una versione per anno, ”Caravan”) e altrettante chicche, in termini di repertorio: ”A Hard Day's Night” dei Beatles (dall'omonimo album del '64, soundtrack del film col medesimo titolo) e la celeberrima ”Mr. Tambourine Man” dylaniana.

Si parte con una versione scomposta (da scomposizione, non da mancata compostezza), per così dire cubista, di ”Misterioso”, cui segue un solitario (di Blake, e ce ne saranno altri tre, mentre Jeanne Lee ha solo per sé ”Billie's Blues”) ”Honeysuckle Rose”, molto ingegnoso, partenza scoppiettante per un album che conferma via via il suo spessore, anche se nel seguito i toni tendono spesso a smorzarsi, a farsi più distillati, interiorizzati, qua e là astratti, seppur sempre intensi, teatralizzati al punto giusto.

Dovendo scegliere, il dischetto del '66 sembra farsi preferire a quello del '67, a tratti lievemente esangue, un minimo ripetitivo (ma è qui che troviamo fra l'altro ”Night in Tunisia”, ”Lonely Woman” e ”Caravan”, veramente notevoli). Nel complesso siamo comunque di fronte a un documento—come dicevamo all'inizio—assolutamente prezioso, che saprà mettere d'accordo tradizionalisti e progressisti. Perché in quest'ora e cinquanta appena scarsa di musica convivono entrambe le anime, nessuna soverchiante e nessuna in ombra. L'equilibrio, appunto, delle cose preziose.

Track Listing


CD 1:
Misterioso; Honeysuckle Rose; On Green Dolphin Street; A Hard Day's Night; Can't Give You Anything But Love; Hallelujah, I Love Him So; Night and Day; Ja-Da (take 1); Something's Coming; Just Squeeze Me; God's Image; Retribution; Smoke After Smoke; Parker's Mood; Caravan; Beautiful City; Birmingham U.S.A.; Ja-Da (take 2); Take the A-Train.
CD 2:
Out of This World; Mister Tambourine Man; Round About; Moonlight in Vermont; The Frog, the Fountain, and Aunt Jane; Billie's Blues; Night in Tunisia; My Favorite Things; Blue Monk; Lonely Woman; Caravan; The Man I Love; Something to Live For; Spring Can Really Hang You Up the Most.

Personnel

Jeanne Lee: vocals; Ran Blake: piano.

Album information

Title: The Newest Sound You Never Heard | Year Released: 2019 | Record Label: A-side Records

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Cookin’ with Jaws and the Queen: The Legendary...
Eddie "Lockjaw" Davis and Shirley Scott
Warm Up
The Don Rendell / Ian Carr Quintet

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.