Musician? Boost Your Visibility at All About Jazz

Upgrade your AAJ musician page from standard to premium and make your presence felt!

Maximize your visibility at All About Jazz by upgrading your musician page from standard to premium. With it, you'll receive All About Jazz home page exposure, a highly stylized / ad-free musician page with bonus features and benefits, an ad, plus you control where you sell your music and so much more.
Learn More

Howard Johnson and Gravity: Testimony

Angelo Leonardi BY

Sign in to view read count
Howard Johnson and Gravity: Testimony
Il Gravity di Howard Johnson è un organico dedito esclusivamente alla timbrica grave (basso tuba, principalmente) con solisti e sezione ritmica. Il progetto risale addirittura al 1968 ma registrò il suo primo disco solo nel 1996 perchè tutte le etichette lo rifiutavano. Alla fine Johnson convinse i dirigenti della Verve, che non se ne pentirono viste le ottime accoglienze che ottenne. L'anno dopo la Verve pubblicò un secondo lavoro (Right Now!, 1997) con ospite Taj Mahal ma il capitolo si chiuse lì. Oggi, trascorso un altro ventennio, la formazione incide il terzo album con gran parte dei componenti originari: accanto al leader ritroviamo infatti Dave Bargeron, Joe Daley, Bob Stewart, Earl McIntyre tutti ben noti per la presenza nelle orchestra di Gil Evans, Charles Mingus o Carla Bley. Nella sezione ritmica ritroviamo la bassista Melissa Slocum.

Nella foto di copertina sono tutti un po' appesantiti ma la musica resta brillante e non si avvertono segni di stanchezza, nonostante i 75 anni del leader, i 74 di Bargeron, i 72 di Stewart. Gli arrangiamenti sono sempre di Howard Johnson e ripropongono le stesse coordinate espressive: un contemporary mainstream brioso e swingante, dove le vibranti armonizzazioni del collettivo valorizzano i virtuosi interventi solisti. Anche il repertorio spazia da temi originali, qualche standard jazzistico, incursioni nel blues o nel pop-soul.
Se nei dischi passati si avvertiva l'influenza di Gil Evans, il band leader che più di ogni altro ha valorizzato il basso tuba, oggi la relazione è più sfumata, con orchestrazioni briose poco più che ornamentali (eccetto il sontuoso "Evolution"). I solisti sono quindi in primo piano: soprattutto Howard Johnson (che per contrasto aggiunge alla tuba lo stridulo penny whistle), Dave Bargeron e Bob Stewart. Ovvero i protagonisti dello strumento degli ultimi 50 anni.

Track Listing

Testimony; Working Hard for the Joneses; Fly with the Wind; Natural Woman; High Priest; Little Black Lucille; Evolution; Way Back Home.

Personnel

Howard Johnson: tuba, baritone saxophone, penny whistle; Velvet Brown, Dave Bargeron, Earl McIntyre; Joseph Daley, Bob Stewart: tuba; Carlton Holmes: piano; Melissa Slocum: bass; Buddy Williams: drums. Guests: Nedra Johnson: vocals on track 2; Joe Exley: tuba tracks 1,5,6,7,8; CJ Wright, Butch Watson, Mem Nahadr: backing vocals tracks 2.

Album information

Title: Testimony | Year Released: 2017 | Record Label: Tuscarora Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Within Us
Chuck Owen and the Jazz Surge
Yellow
Emma-Jean Thackray
Live!
Chick Corea Akoustic Band
Distant Voices
David Janeway
Two As One
Abbey Rader and John McMinn
Stepping Up
Simply This Quintet
Eightfold Path
Jeff Lederer

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.