All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Brad Mehldau: Suite: April 2020

Emmanuel Di Tommaso By

Sign in to view read count
Brad Mehldau: Suite: April 2020
"Suite: April 2020 è un'istantanea musicale della vita nel mondo in cui ci siamo trovati tutti. Ho cercato di ritrarre al pianoforte alcune esperienze e sensazioni che sono allo stesso tempo nuove e comuni a molti di noi." Con queste parole di una semplicità disarmante Brad Mehldau introduce in una nota di presentazione il suo terzo album di piano solo in studio dopo After Bach del 2018 e il capolavoro Elegiac Cycle del 1996.

Concepito e realizzato in uno studio di registrazione ad Amsterdam durante il periodo trascorso con la famiglia in lockdown a causa della pandemia di Covid-19, Suite: April 2020 raccoglie nove composizioni inedite a cui si aggiungono tre luminose reimmaginazioni in pieno stile Mehldau di canzoni di Neil Young, Billy Joel, B.G. DeSylva e Jerome Kern.

L'album racchiude in sé tutte le sensazioni e le paure vissute dall'umanità durante i mesi più bui della pandemia: c'è il tema del distanziamento sociale e della solitudine in "Keeping distance," ma anche lo stato profondo di percezione che si può raggiungere in momenti del genere ("Stopping, Listening: Hearing"); c'è, nei brani centrali dell'album, la nostalgia del passato e l'incertezza timorosa per il futuro (in particolare "Remembering Before All This" e "Uncertainty"); c'è infine la riappropriazione dello spazio familiare e di una quotidianità che ritorna a essere lenta, gioiosa e intima come lo sono brani quali "waiting," "in the kitchen" e "family harmony."

Come lascia trapelare il titolo, questi dodici brani compongono una vera e propria suite di danze in cui Mehldau alterna tempi moderati o lenti a tempi mossi o rapidi: è evidente che ogni volta che Mehldau siede al pianoforte in solitaria abbia in mente le danze di Johann Sebastian Bach, con le ouverture o fantasie iniziali che si evolvono secondo elementi tematici legati al tempo quali i crescendo, le stasi, gli intrecci e le tensioni armoniche. Il pianista originario della Florida riesce sempre a gestire e a plasmare il materiale solistico in maniera del tutto originale, trasformando, attraverso un delicato gioco di anafore e di sconfinamenti, motivi (solo in apparenza) semplici in fraseggi complessi capaci di ammaliare chi ascolta.

A differenza degli altri album e delle performance soliste di Mehldau, Suite: April 2020 risulta meno costruito, gli eccessi di virtuosismo sono messi da parte per inseguire maggiormente le emozioni del momento. L'altro grande protagonista del disco è infatti il silenzio, un qualcosa con cui tutti noi, nei mesi di lockdown, abbiamo dovuto misurarci, per via delle città deserte, del distanziamento sociale e del tempo sospeso. Sebbene si possa dire che ogni esecuzione solista sia in definitiva un corpo a corpo con il silenzio, Mehldau sposta la dimensione di questo confronto dallo spazio al tempo: all'interno di una struttura sonora densa e stratificata, il silenzio trapela dalle stasi, dai rallentamenti e dalle accelerazioni, fino ad elevare la musica del pianista statunitense verso vette espressive finora mai raggiunte.

Mehldau è certamente uno degli artisti più influenti e innovativi della musica contemporanea, un musicista geniale che, nonostante non abbia mai smesso di sperimentare, è riuscito a rimanere fedele a un classicismo post-romantico che è diventato con il passare del tempo un suo marchio di fabbrica. Suite: April 2020 non fa che confermare tutto questo, mettendo però anche in luce il valore di essere umano di un'artista consapevole delle ferite del proprio tempo e di come l'arte possa curarle attraverso i sogni e le emozioni.

Il disco è pubblicato dalla Nonesuch Records in una versione di lusso a tiratura limitata su vinile da 180 grammi in mille copie numerate e autografate che possono essere acquistate al prezzo di $100 in esclusiva; non meno di $90 per ciascuna copia venduta saranno devoluti al Jazz Foundation of America's COVID-19 Musician's Emergency Fund.

Album della settimana.

Track Listing

I. Waking Up; II. Stepping Outside; III. Social Distance; IV. Stopping, Listening, Hearing; V. Remembering Before All This; VI. Uncertainty; VII. The Day Moves By; VII. Yearning; IX. Waiting; X. In The Kitchen; XI Family Harmony; XII. Lullabye; Don't Let It Bring You Down; New York State of Mind; Look for the Silver Lining.

Personnel

Brad Mehldau: piano.

Album information

Title: Suite: April 2020 | Year Released: 2020 | Record Label: Nonesuch Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read ALQE
ALQE
Antti Lotjonen Quintet East
Read Apura!
Apura!
Karl Evangelista
Read McModal
McModal
Markos Chaidemenos

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.