Home » Articoli » Yasmin Levy: Sentir

Album Review

Yasmin Levy: Sentir

By

Sign in to view read count
Yasmin Levy: Sentir
Yasmin Levy, cantante e autrice israeliana non ancora trentacinquenne, è al suo quinto album. La sua area di appartenenza stilistica si muove su un crinale che ingloba (per lo più tenendoli separati, fra brano e brano) evidenti elementi latini (il flamenco, per esempio, ma non solo) e più alonati (quanto fisiologici) profumi mediorientali. In questo Sentir, i brani a sua firma (tre) si accompagnano a temi tradizionali (sei), oltre che del chitarrista - e braccio destro - Javier Limòn ("Nos llegó el final"), dell'accoppiata Camps/Torres-Montorio ("La hija de Juan Simón") e persino di Leonard Cohen (la celebre "Hallelujah," per l'occasione traslata in spagnolo).

Tra le pagine della Levy, "El amor contigo" è la più vivace, "Triste Vals" la più elegante, "Porque" la più intensa sul piano interpretativo, in linea con un testo che definiremmo engagé. Ovunque è soprattutto l'intreccio tra pianoforte e corde varie (soprattutto, si direbbe, per esempio nella soffice, evocativa "Nos llegó el final") a generare un clima prezioso e al tempo stesso di notevole impatto (specie sotto il profilo timbrico). Yasmin, per parte sua, ha una voce squillante e vigorosa quanto calibrata, tornita, non esente da un'innata tendenza a teatralizzare la dizione (di regola senza eccessi, peraltro).

Al di là di quanto già citato, si segnala l'intero pacchetto di brani tradizionali, dall'iniziale "Mi korasón" a "Londje de mi," dove spicca la presenza del ney, flauto di tradizione persiana e ottomana (Yasmin è figlia del musicista e musicologo turco Isaac Levy), da "Una Pastora," sempre ammirevole nell'intersecarsi tra voce (anzi voci, qui) e impianto strumentale, dalle timbriche costantemente limpide, nette, pulite, a "Jaco," molto arabeggiante, danzante e sensuale, da "Alfonsito," sempre col raffinato binomio voce/corde sugli scudi, alla finemente "Yigdal".

Un disco senz'altro meritevole di attenzione.

Track Listing

01. Mi korasón; 02. El amor contigo; 03. Nos llegó el final; 04. Londje de mi; 05. Hallelujah; 06. Una Pastora; 07. Triste Vals; 08. Jaco; 09. La hija de Juan Simón; 10. Porque; 11. Alfonsito; 12. Yigdal.

Personnel

Yasmin Levy (voce); Carlitos Sarduy (tromba); Amir Shahsar (ney, clarinetto); Javier Limòn (chitarra flamenco); Abdul Sharif (bouzouki); Sonny Pasos (piano, tastiere); Charlie Mendes (contrabbasso); José Vargas (percussioni); Ivàn Lewis (piano) in 01, 07, 09; Danny Noel (contrabbasso) e Piraña (percussioni) in 01 e 07; Yitzhak Levy (voce) e Chaim Tsur (chitarra) in 06; Eleni Vitaly (voce) in 10; Yehuda Levy, Ishay Amir, Yuval Levy, Dror Golan (coro) in 12.

Album information

Title: Sentir | Year Released: 2010 | Record Label: World Village

Post a comment about this album

Tags

More

Blue Haven
Atlanticus
Origin
Joey Alexander
Shifting Sands
Avishai Cohen

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.