Sade Mangiaracina e il Questionario di Proust

Sade Mangiaracina e il Questionario di Proust
Paolo Peviani BY

Sign in to view read count
Il tratto principale della mia musica
Cerco di trasferire la mia idea di musica alle persone che la ascoltano, facendole entrare nel mio mondo fatto di storie, luoghi, persone e speranze.

La qualità che desidero nei musicisti che suonano con me
Nei miei progetti mi piace suonare con persone con cui condivido affinità musicali e umane.

Come musicista, il momento in cui sono stata più felice
Gli incontri con il sassofonista americano Greg Osby, che è stato il mio produttore, e con Paolo Fresu e la sua etichetta discografica Tuk Music.

Come musicista, il mio principale difetto
Nella musica sono molto pignola.

La mia più grande paura quando suono
Dimenticare qualcosa.

Sogno di suonare
Mi piacerebbe suonare per l'ex presidente degli Stati Uniti Barak Obama.

La mia fonte di ispirazione
Da isolana, la mia fonte di ispirazione è il mare, ho scritto quasi tutti i miei brani davanti al Mediterraneo.

I miei musicisti preferiti
Esbjorn Svensson, che purtroppo non c'è più, Pat Metheny, Brad Mehldau, Avishai Cohen (il contrabbassista), Carla Bley, Chick Corea, che purtroppo è scomparso da poco, Danilo Rea e Paolo Fresu.

I miei dischi da isola deserta
Travels del Pat Metheny Group.

La canzone che fischio sotto la doccia
Tutte le canzoni dei The Beatles, sono una beatlesiana da sempre.

I miei pittori preferiti
Mi piacciono i surrealisti, a partire da Dalì, Picasso, Magritte e Frida Kahlo.

I miei film preferiti
Amo gli anime giapponesi e i film storici come "Il Gattopardo," che è forse il film che amo di più in assoluto

I miei scrittori preferiti
Agatha Christie e J.K. Rowling.

La mia occupazione preferita
Una volta era andare al cinema quasi tutte le settimane.

Il dono di natura che vorrei avere
La pazienza.

Nella musica, la cosa che detesto di più
Detesto cercare di voler essere a tutti i costi quello che non si è, preferisco cercare la mia strada e approfondirla al meglio.

Gli errori musicali che mi ispirano maggiore indulgenza
Gli errori per me sono sempre fonte di ispirazione, mi aiutano a migliorare.

Il pezzo che vorrei venisse suonato al mio funerale
Per il mio funerale voglio pensare in grande, visto che dovrò "godermelo" in prima fila: il Requiem di Mozart.

Lo stato attuale della mia attività musicale
Periodo pandemico a parte, è quello di portare avanti il progetto in trio con Gianluca Brugnano e Marco Bardoscia , con cui è appena uscito il disco Madiba per la Tuk Music di Paolo Fresu.

Il mio motto
È una frase tratta da una poesia di Martin Luther King che mia madre mi ripeteva di continuo da piccola: "Siate il meglio di qualunque cosa siate."

Post a comment

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Jazz article: Frank Woeste
My Favourite Things
Frank Woeste

Popular

Read Chico Hamilton: The Master
Read Wayne Shorter: An Essential Top Ten Albums
Read John Clayton: Career Reflections

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.