Home » Articoli » Unscientific Italians: Play the Music of Bill Frisell Vol.1

2
Album Review

Unscientific Italians: Play the Music of Bill Frisell Vol.1

By

Sign in to view read count
Unscientific Italians: Play the Music of Bill Frisell Vol.1
Arrivato a farsi conoscere in età relativamente tarda (aveva già passato i trenta anni quando ha inciso il primo disco da titolare per la ECM, preceduto da un paio di collaborazioni con due illustri artisti della stessa etichetta come Arild Andersen e Jan Garbarek), Bill Frisell si è subito imposto come una delle voci nuove più importanti nel mondo del jazz e della musica improvvisata, non solo per il suo personalissimo approccio alla chitarra che lo ha fatto diventare un punto di riferimento imprescindibile per tanti chitarristi, ma soprattutto per il suo concepire la musica senza né barriere né limitazioni, mescolando le influenze più svariate in una forma espressiva sempre autenticamente originale e profondamente radicata nell'americanità, e rimanendo sempre perfettamente riconoscibile anche all'interno di contesti musicali diversissimi tra loro.

Al chitarrista viene ora tributato un omaggio in musica da parte di un gruppo di jazzisti italiani che hanno tutti subito, chi più chi meno, la sua influenza durante gli anni della propria formazione musicale. Figura centrale del progetto è il pianista Alfonso Santimone, responsabile di tutti gli arrangiamenti, che lo ha avviato già oltre dieci anni fa all'interno del collettivo-etichetta El Gallo Rojo assieme ad altri musicisti che ne facevano parte. Una prima presentazione dal vivo del progetto risale al 2008, ma solo di recente è stato ripreso per fornirgli anche uno sbocco discografico. Il gruppo che ha preso parte alle registrazioni dell'album, avvenute nell'ottobre del 2019, consiste di quattro ottoni (trombe e tromboni), quattro ance (sassofoni e clarinetti) e la ritmica piano-basso-batteria; può sorprendere l'assenza della chitarra, ma quella di affidare la ricostruzione del suono di Frisell ai soli strumenti a fiato è una scelta artistica ben precisa, e una sfida brillantemente superata attraverso una scrittura orchestrale che utilizza soluzioni decisamente originali e molto lontane da quelle tradizionalmente impiegate per i fiati.

I brani selezionati per questo primo volume (un secondo è già in cantiere, ed è probabile che altri seguiranno) risalgono tutti agli anni tra il 1989 di "Before We Were Born" dall'album omonimo al 1997 di "Verona" da Gone, Just Like a Train, con la sola eccezione di "Probability Cloud" tratta da History, Mystery del 2008. Sono gli anni in cui Frisell si è affermato, ed ha esercitato la massima influenza su tanti musicisti che hanno subito il fascino della sua forte personalità.

Le orchestrazioni di Santimone danno modo ai musicisti di esprimersi con una certa libertà all'interno dei temi friselliani, pur mantenendo i propri ruoli ben definiti nel gruppo. Prevale il sound d'insieme, e non sono molti i momenti solistici propriamente detti. Tutti i musicisti, riuniti sotto il nome di Unscientific italians (ispirato a una composizione di Frisell ititolata "Unscientific Americans" dal disco This Land) meritano menzione per come hanno saputo aderire al progetto, a partire dalla collaudata ritmica formata da Zeno De Rossi e Danilo Gallo, per passare alle trombe affidate a Mirco Rubegni e Fulvio Sigurta, i tromboni di Filippo Vignato e Federico Pierantoni, i sassofoni e clarinetti di Cristiano Arcelli, Piero Bittolo Bon, Francesco Bigoni e Rossano Emili, per finire col pianista Alfonso Santimone, poco impegnato al suo strumento (quasi del tutto assente), ma autore delle eccellenti orchestrazioni e direttore dell'ensemble.

Il progetto ha ottenuto l'approvazione entusiastica dello stesso Frisell, che ha fornito anche alcuni suoi disegni originali utilizzati per la copertina dell'album. Un lavoro decisamente riuscito, che ci auguriamo ottenga il riconoscimento che merita anche ben al di fuori dei confini nazionali.

Album della settimana.

Track Listing

Before We Were Born; Probability Cloud; Unsung Heroes; Hangdog; Rob Roy; Twenty Years; Verona

Personnel

Unscientific Italians: band/orchestra; Alfonso Santimone: piano; Mirco Rubegni: trumpet; Fulvio Sigurta: trumpet; Filippo Vignato: trombone; Federico Pierantoni: trombone; Piero Bittolo Bon: saxophone, alto; Francesco Bigoni: saxophone, tenor; Rossano Emili: saxophone, baritone; Danilo Gallo: bass, acoustic; Zeno De Rossi: drums; Cristiano Arcelli: saxophone, alto.

Additional Instrumentation

Alfonso Santimone: live electronics; Mirco Rubegni: flugelhorn, french horn; Fulvio Sigurtà: flugelhorn; Piero Bittolo Bon: clarinet, bass clarinet; Francesco Bigoni: clarinet, live electronics; Rossano Emili: bass clarinet Cristiano Arcelli: soprano sax, bass clarinet.

Album information

Title: Play the Music of Bill Frisell Vol.1 | Year Released: 2021 | Record Label: Hora Records


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

New Oxford Brevity
Dominic Lash / Pat Thomas
Dedicated To You
Joe Coughlin
Times Like These
Nica Carrington
Blue Note Re:imagined II
Various Artists

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.