Home » Articoli » Album Review » Eivind Aarset: Phantasmagoria, or a Different Kind of Journey

Eivind Aarset: Phantasmagoria, or a Different Kind of Journey

By

Sign in to view read count
Eivind Aarset: Phantasmagoria, or a Different Kind of Journey
Dopo aver collaborato negli ultimi anni come creatore di alchimie sonore per vari progetti musicali in compagnia di musicisti come Jan Bang, Arve Henriksen, Sly & Robbie, Michele Rabbia, Bendik Hoffset e altri, ritroviamo il chitarrista norvegese Eivind Aarset alla guida di un proprio quartetto con il quale ha pubblicato qualche mese fa questo Phantasmagoria. Al proprio fianco Aarset ha richiamato il bassista Audun Erlien e i due batteristi Erland Dahlen e Wetle Holte, già insieme a lui nella Sonic Codex Orchestra, con cui aveva registrato Live Extracts, e nella formazione che aveva inciso I.E. (ma Welte collabora col chitarrista da prima ancora). In aggiunta, Aarset ospita in un brano il trombettista Arve Henriksen, e in tre i campionamenti di Jan Bang.

I nove brani che compongono l'album sono un compendio delle possibilità sonore che Aarset riesce a estrarre dal suo strumento con l'ausilio dell'elettronica, che gli consente di creare una tavolozza di timbri e sonorità utilizzate per dipingere una serie di paesaggi musicali in continua trasformazione sostenuti dal groove della sezione ritmica, come ben esemplificato dall'iniziale "Intoxication," che comincia con morbide atmosfere ambient per aumentare progressivamente l'intensità. Anche se la maggior parte dei brani è costruita in maniera simile, la varietà di situazioni è tale che il coinvolgimento e l'interesse dell'ascoltatore non vengono mai meno, catturati dall'evoluzione sonora di ogni brano. Ognuno di questi è un territorio da esplorare, costruito con rigore e coerenza nel proprio sviluppo, perfettamente integrantesi con lo sfondo sonoro. Da segnalare il brano "Manta Ray," con la tromba di Henriksen ad espandere ulteriormente la ricchezza timbrica che caratterizza tutto l'album, ma è sempre la chitarra l'assoluta protagonista, capace di passare in un attimo i suoi toni da delicati a graffianti, e tutte le situazioni intermedie.

Aarset è sicuramente uno dei massimi elaboratori di suoni del nostro tempo, tra i pochi in grado di usare la chitarra come generatore di suoni a questi livelli, e non a caso è tra i musicisti più richiesti da chi ha progetti incentrati sul suono e la sua elaborazione. Questo lavoro si colloca tra i suoi migliori, combinando l'energia pura dei suoi primi album con l'esperienza fatta successivamente nell'ambito dell'elettronica ambientale. Il chitarrista porta all'estremo la lezione del connazionale Terje Rypdal, appartenente alla generazione precedente, del quale raccoglie l'eredità ampliando ulteriormente la portata della sua ricerca sullo strumento. Caldamente consigliato a chiunque sia interessato in questo particolare aspetto dell'evoluzione del linguaggio musicale sulla chitarra (ma non solo).

Album della settimana.

Track Listing

Intoxication; Pearl Hunter; Outbound, or Stubb1; Duløc, or The Cat's Eye; Manta Ray, or Soft Spot; Didn't See This One Coming; Soft Grey Ghosts, or Twilight Chamber; Inbound, or Stubb2; Light on Sanzu River, or Dreaming of a Boat;

Personnel

Album information

Title: Phantasmagoria, or a Different Kind of Journey | Year Released: 2021 | Record Label: Jazzland Recordings


Comments

Tags

Concerts

Nov 29 Fri

For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

September Night
Tomasz Stańko
A Different Light
Carl Clements
Cubop Lives!
Zaccai Curtis
Beautiful Moons Ago
The Gabrielle Stravelli Trio

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.